2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/01/2005
cina
É morto l'ex segretario del partito Zhao Ziyang

Fautore delle riforme economiche e politiche negli anni '80, fu rimosso perché contrario all'intervento militare in piazza Tiananmen. Da allora ha vissuto agli arresti domiciliari.



Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Zhao Ziyang, il segretario del partito che venne allontanato per essersi opposto al violento attacco dei militari contro gli studenti in piazza Tiananmen, è morto stamane all'età di 85 anni. Zhao era stato ricoverato per polmonite in ospedale. Venerdì, dopo una serie di infarti, era caduto in coma. La sua morte è stata confermata in un breve dispaccio dall'agenzia ufficiale Xinhua: "Il compagno Zhao Ziyang – dice la notizia – è morto di malattia in un ospedale di Pechino, oggi lunedì".

Wang Yannan, la figlia di Zhao, ha inviato un messaggio telefonico (sms) agli amici: "Questa mattina ci ha lasciato nella pace. Ora egli è finalmente libero". E ha aggiunto: "Il mio cuore è pieno di gratitudine per la cura e il sostegno dimostrato". In un precedente messaggio  Wang aveva anche ringraziato la comunità cinese all'estero per le preghiere e le attenzioni verso Zhao.

Zhao Ziyang è stato rimosso dal posto di segretario generale del partito per essersi opposto all'uso della forza militare come via per concludere l'occupazione di piazza Tiananmen da parte del movimento degli studenti e degli operai nel  maggio-giugno 1989.

Egi è stato segretario del partito e primo ministro per molta parte degli anni '80. Dopo la sua rimozione, Zhao ha vissuto agli arresti domiciliari nella sua casa a Pechino, sotto la vigilanza della polizia 24 ore su 24.

Il partito comunista rifiutò la sua proposta di riforme politiche e democratiche, ma le sue proposte di riforme economiche negli anni '80 sono divenute la base per la trasformazione e il decollo dell'economia cinese negli ultimi 25 anni.

Molti osservatori affermano che il governo è preoccupato: la morte e i funerali di Zhao Ziyang potrebbero diventare il punto d'incontro fra tutti i disillusi della società cinese, afflitta da un enorme abisso fra ricchi e poveri e carente di democrazia.

Domenica 16 i media di stato, interrompendo un silenzio durato anni, hanno pubblicato la notizia della sua malattia, dicendo che le sue condizioni erano "stabili".

Zhao è stato visto in pubblico l'ultima volta  il 19 maggio dell'89. Al suo fianco vi era l'attuale primo ministro Wen Jiabao. Insieme visitarono piazza Tiananmen chiedendo agli studenti di lasciare presto la piazza. Zhao, in pianto, chiese scusa agli studenti dicendo "È troppo tardi". Il giorno dopo il governo impose la legge marziale e dopo vari tentativi, lanciò l'assalto di carri armati e militari la notte del 3 giugno.

Centinaia, forse migliaia sono morti quella notte e nei giorni successivi. Il governo continua ad affermare che la violenza contro gli studenti era necessaria per garantire la stabilità politica necessaria per potenziare le riforme economiche in corso.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2005 CINA
Dissidente di Tiananmen: il coraggio di Zhao Ziyang, la paura del partito
di Cai Chongguo
17/01/2005 CINA
Zhao Ziyang, un profeta per la Cina di oggi
di Bernardo Cervellera
18/10/2004 cina
Campagna internazionale per liberare Zhao Ziyang
18/01/2005 cina - hong kong
Morte di Zhao: poco risalto sui media
28/01/2005 cina
Ai funerali di Zhao attese centinaia di persone

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate