21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/03/2017, 12.18

    KYRGYZSTAN

    ​Arrestati attivisti, dimostravano per la libertà d’espressione



    La marcia si svolgeva in modo pacifico. Fra le persone fermate, vi sono Mavlyan Askarbekov, Aibek Myrza e Azamat Attokurov. Dovranno scontare una condanna a cinque giorni in condizioni disagiate.

    Bishkek (AsiaNews) – Alcuni attivisti sono stati arrestati per aver preso parte a una manifestazione in sostegno dei diritti umani. La marcia si è svolta il 18 marzo nella capitale, dove centinaia di persone hanno affollato le strade per marciare in modo pacifico contro l’intento del presidente Almazbek Atambayev di voler eliminare i media indipendenti.

    Al corteo hanno partecipato giornalisti, attivisti per i diritti umani, cittadini e anche alcuni membri del parlamento appartenenti al partito socialista Ata-Meken, il cui leader Omurbek Tekebayev, è in carcere con l’accusa – mai provata – di corruzione.

    Nonostante la marcia si sia svolta in modo pacifico, la polizia ha fermato i manifestanti e ne ha arrestati alcuni. Fra i fermati, vi sono gli attivisti Mavlyan Askarbekov, Aibek Myrza e Azamat Attokurov. Edil Baisalov, organizzatore della manifestazione e attivista, ha comunicato che “se qualcuno pensa di ostacolarci o intimidirci e di poter farla franca con questa ‘assenza di legge’ si sbaglia di grosso. La storia e la verità sono dalla nostra parte. Abbiamo vissuto momenti centinaia di volte più scuri e difficili – abbiamo combattuto contro un regime centinaia di volte più forte di noi e abbiamo vinto, vinceremo anche questa volta”.

    Adil Turdukulov, un sostenitore della libertà d’espressione, ha comunicato che le persone arrestate sono state condannate a scontare cinque giorni in prigione. Il 19 marzo Turdukulov ha scritto sul proprio profilo Facebook che i detenuti si lamentano delle condizioni della loro detenzione: “Ci sono 22 persone in 15 metri quadri. Il bagno è uno solo ed è all’esterno. Molti dei prigionieri soffrono di tubercolosi e a causa dei pidocchi. È come se fossero torturati”.

    Il presidente Atambayev, nel frattempo ha accusato i media di provare a seminare instabilità nel Paese e si è riferito alle agenzie d’informazione come “diffamatorie” e dalla “morale degenerata”. Secondo Atambayev “negli ultimi tempi in Kyrgyzstan, alcuni presunti giornalisti hanno chiesto l’impunità per aver diffamato e gettato fango addosso a chi non gli piace, soprattutto contro la figura del presidente.” Egli ha anche fatto dei riferimenti a una “campagna di menzogne” che va avanti dallo scorso anno e si è intensificata durante l’estate. “Vorrei ricordare – ha affermato il presidente – che la principale responsabilità dei giornalisti e dei media è trasmettere ai cittadini informazioni veritiere, fatti oggettivi e non creare notizie false, bugie e diffamazioni”. Tuttavia le argomentazioni di Atambayev non convincono la stampa nazionale, che vede il presidente responsabile di confusioni politiche provocate dopo l’arresto del leader dell’opposizione Tekebayev e di pressioni per modificare la costituzione.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/08/2016 08:28:00 KYRGYZSTAN – CINA
    Bishkek, autobomba all’ambasciata cinese: un morto e tre feriti

    Il veicolo ha sfondato il cancello per poi esplodere nel cortile. La vittima sarebbe il conducente dell’auto. Il capo della sicurezza cinese ha dichiarato che non ci sono feriti nello staff. Secondo le autorità locali si tratterebbe di attacco terroristico.

     



    27/05/2015 KYRGYZSTAN - ONU
    Onu: Bishkek riveda il disegno di legge su gruppi attivisti etichettati come “agenti stranieri”
    La legge colpisce le organizzazioni finanziate dall’estero che svolgono “attività politiche”. Alto commissariato Onu per i diritti umani: “Poca chiarezza sul termine. A rischio la difesa dei diritti umani”. Il diritto ad associarsi liberamente e l’appello di Human Rights Watch a “non condannare l’operato delle ong” nel Paese.

    18/01/2010 ASIA CENTRALE
    Asia Centrale agli ultimi posti nel mondo per libertà civili e democratiche
    Lo afferma il rapporto annuale di Freedom in the World. Nel 2009 in molti Stati ci sono stati addirittura peggioramenti per il rispetto dei diritti e della democrazia.

    14/05/2016 12:38:00 ASIA CENTRALE – ASIA DEL SUD
    Al via il progetto di rete elettrica CASA-1000 tra Asia centrale e meridionale

    Tajikistan e Kyrgyzstan forniranno elettricità ad Afghanistan e Pakistan. Il costo per progetto è di 1,2 miliardi di dollari e sarà completato entro il 2018. Tutti i Paesi contraenti trarranno benefici economici, garantendo anche la stabilità regionale. La fornitura di corrente al Pakistan eviterà i cali di tensione in estate, che causano centinaia di vittime tra la popolazione.



    06/04/2017 15:49:00 ASIA CENTRALE
    Il futuro dell’Asia Centrale: molte opportunità, ma serve cooperazione

    I cinque Paesi divisi da questioni irrisolte del periodo sovietico e dispute di frontiera. Russia e Cina condividono l’influenza economica e politica. Nuove iniziative, anche da Ue e Usa. Opportunità di ritrovare rilievo regionale, se non globale, ma i Paesi devono cooperare.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®