30/11/2020, 10.41
INDIA
Invia ad un amico

​Mons. Barwa tra le Sisters of the Handmaids of Mary a Sarat

di Nirmala Carvalho

“Le Sisters servono coloro che sono alla periferia nelle più remote periferie dell'Odisha, nelle remote aree rurali interne, sono testimoni dell'Amore di Dio, Diffondono il Vangelo sia attraverso le parole che attraverso opere socio-assistenziali”.

Mumbai (AsiaNews) – L'arcivescovo John Barwa ha benedetto il rinnovato convento delle Sisters of the Handmaids of Mary il 27 novembre a Sarat, nella diocesi di Balasore, nell'Odisha. “Le suore – racconta ad AsiaNews - nel 1994, hanno aperto una casa nel villaggio di Lavanyadeipur (Sarat) nel distretto di Mayurbhanj e questo convento è stato rinnovato, e sono stato invitato per la benedizione del convento ristrutturato. Mia nipote Sr Meena Barwa è la superiora del convento”.

“Le suore di HM Sisters sono molto felici, viaggiano nei villaggi interni, hanno un dispensario e forniscono assistenza medica alle persone, hanno anche un ostello per ragazze e ragazzi”.

“Ho celebrato la messa in parrocchia, hanno partecipato circa 55 persone, la chiesa cresce a Sarat”.

“Le Sisters servono coloro che sono alla periferia nelle più remote periferie dell'Odisha, nelle remote aree rurali interne, sono testimoni dell'Amore di Dio, Diffondono il Vangelo sia attraverso le parole che attraverso opere socio-assistenziali. Prima del lockdown insegnavano anche il catechismo ai bambini e disinteressatamente servivano i meno privilegiati, i poveri, le donne ei bambini attraverso l'educazione, la medicina e le opere di sviluppo, senza alcuna discriminazione di fede. Avevamo anche programmato un pellegrinaggio alla tomba di padre Arul Das, assassinato l’1 settembre 1999 nel distretto di Mayurbhanj, ma a causa del lockdown non hanno potuto viaggiare”.

“Nella Missione di Sarat, le Sisters of the Handmaids of Mary hanno dato un enorme contributo alla crescita della Chiesa nella zona tribale, servono le persone comuni per sviluppare la loro condizione sociale e salvaguardando la loro identità”.

“Attraverso il loro instancabile servizio missionario, la fede deve diffondersi ulteriormente nei remoti villaggi rurali. Ogni giorno, i sacerdoti della parrocchia, si recano in villaggi remoti per celebrare l'Eucaristia, i sacerdoti non aspettano che la gente venga in chiesa, anzi, vanno dalla gente ", ha detto ad AsiaNews mons.

"La missione di Sarat - dice suor Meena Barwa, superiora del convento - è un posto calmo e tranquillo, completamente rurale. Padre Arul Das lavorava con le nostre sorelle; non lo conoscevo personalmente, ma ho studiato nel seminario dove ha studiato lui. Volevamo andare con l'arcivescovo John in pellegrinaggio, pregare sulla sua tomba ed essere incoraggiati nella nostra missione. Quest'anno il 2 settembre è stato il 21mo anniversario del martirio di padre Arul Doss che ha lavorato tra i poveri tribali di Odisha. Don Arul ha sacrificato la sua vita per gli emarginati, gli oppressi, le persone povere e bisognose e insieme all'arcivescovo John volevamo essere rinvigoriti nella nostra missione".

"È stato – dice ancora suor Meena - davvero un giorno memorabile e benedetto per me, mio ​​zio, l’arcivescovo John Barwa ha viaggiato per circa 750 km per essere con me e le mie consorelle il 26 e 27 novembre. Gli ho chiesto di benedire il nostro convento rinnovato. Ha celebrato la Santa Messa e ha benedetto il nostro convento. La visita dell'Arcivescovo è entrata a far parte della nostra storia. Conosce le nostre 4 sorelle per nome anche se le ha incontrate dopo molti anni. Le suore erano felicissime della sua presenza. Ci ha apprezzato, incoraggiato e benedetto per la nostra missione”.

“Qui – dice ancora - siamo impegnate nell'assistenza sanitaria, nella cura dei bambini in ostello, nella sartoria e nel lavoro socio-pastorale Il giorno successivo, su richiesta del parroco, l'Arcivescovo ha celebrato la Santa Messa nella parrocchia di Holy Family a Lavanyadeipur, Sarat. Circa 60 parrocchiani sono rimasti affascinati dall'omelia e dalle parole di incoraggiamento dell'Arcivescovo. La sua interazione è cordiale e amichevole con tutti, donne, uomini, giovani e bambini. Nella storia della diocesi di Balasore, Sarat è la prima parrocchia dove è venuto l'Arcivescovo e ha celebrato l’Eucarestia. Insieme a lui p. Isacco, amministratore della diocesi e p. Josekutty, tesoriere della diocesi. Le suore conoscono la loro cura paterna e il loro vivo interesse per il nostro benessere”.

“Ero seduta in chiesa- ha concluso suor Meena Barwa - e stavo riflettendo: in questo periodo rischioso di pandemia, mio ​​zio, l'arcivescovo John Barwa SVD, ha messo la sua vita in pericolo (è malato di cuore e diabetico) e ha incontrato le mie sorelle, le nostre parrocchia, la diocesi, i padri e io. E’ davvero stimolante e sento più forza. Per la diocesi di Balasore senza vescovo, la visita dell'arcivescovo John Barwa è stato davvero un sostegno, cura e incoraggiamento. Sia lodato Dio".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovi indiani in festa: Finalmente la Corte suprema ascolta i cristiani dalit
14/01/2020 14:39
Orissa, festa per il 75mo anniversario delle Serve di Maria (Foto)
07/01/2020 11:46
La testimonianza dei martiri dell'Orissa al Congresso missionario indiano
15/10/2009
Orissa, alla St. Mary nuove ‘classi smart’ per stimolare le capacità di 3mila bambini
11/07/2018 11:50
Elezioni 2019, Chiesa ai partiti: Posti riservati ai dalit cristiani nei programmi
01/03/2019 12:02