18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/11/2016, 11.57

    IRAQ

    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.

    Roma (AsiaNews) - Cherosene per riscaldare i container e le case; vestiti per vincere il freddo; abbonamenti per l’autobus che porta i loro figli a scuola tutti i giorni; gli affitti mensili per le famiglie dei rifugiati: sono le necessità che affliggono i profughi di Mosul e della Piana di Ninive che da due anni sono sfuggiti alle violenze dei jihadisti di Daesh e hanno trovato rifugio in Kurdistan.

    Fra di essi vi è la tensione dell’attesa, per capire come si svilupperà la battaglia contro lo Stato islamico per la riconquista della Piana e di Mosul. Ogni giorno vi è gioia e pianto. Gioia perché le truppe irakene avanzano vittoriose, avendo liberato già molti villaggi e città; pianto per le immagini di distruzione che i jihadisti hanno compiuto verso le chiese e le case smembrate; più pianto per le storie di abusi verso le donne, per i massacri perpetrati dai folli di Daesh.

    In questi giorni ci è giunto un nuovo appello da parte di p. Samir Youssef, parroco della diocesi di Amadiya (Kurdistan), che dal 2014 cura in prima persona 3500 famiglie di profughi cristiani, musulmani, yazidi. In altro luogo pubblichiamo integralmente la lettera che egli ha mandato ad AsiaNews e a voi lettori.

    Questo nostro appello è per domandare a tutti voi un ulteriore aiuto per questa campagna, per aiutare i profughi a passare il gelido inverno irakeno, nella speranza di poter tornare alle loro terre e alle loro case.

    Subito all’indomani della fuga da Mosul, AsiaNews ha lanciato la campagna  “Adotta un cristiano di Mosul”, per rispondere all’emergenza e ai bisogni immediati. In seguito, davanti all’abisso delle necessità per gli oltre 150mila profughi cristiani (500mila con yazidi e musulmani), abbiamo deciso di proseguire per soddisfare i loro fabbisogni nel lungo periodo.

    Per garantire la loro sopravvivenza tale sostegno è essenziale ancora oggi. Anzitutto perché l’offensiva dell’esercito irakeno contro lo Stato islamico a Mosul sta creando nuove ondate di profughi (l’Onu calcola che si potrà arrivare a 1,5 milioni). C’è anche un altro risvolto: l’attenzione all’emergenza di questi nuovi profughi, fa dimenticare – anche in modo involontario – l’aiuto ai profughi di due anni fa, la cui situazione è migliorata solo di poco e che ancora hanno bisogno del nostro aiuto.

    Per questo noi di AsiaNews desideriamo rilanciare la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” e chiedere alla vostra generosità un dono di Natale per tutti loro. Un dono non superfluo, come quelli che tante volte riceviamo o facciamo, ma essenziale per vivere: il riscaldamento, l’affitto, la scuola. Rinunciamo a un dono superfluo per noi e procuriamo un dono essenziale per loro.

    Le modalità delle donazioni sono quelle di sempre, che elenchiamo qui sotto.

    Con un grazie da parte nostra e loro. Buon Natale.

     

     

    Le donazioni possono essere inviate in modi diversi. Tutti devono avere la causale "AsiaNews - Adotta un cristiano di Mosul":

     

    - Via Carta di Credito con Paypal

     

    - Via Carta di credito dal sito (v. funzione: "Il tuo contributo- Dona")

     

    - Via cc postale n. 45443009

    intestato a Pontificio Istituto Missioni Estere, causale "AsiaNews - Adotta un cristiano di Mosul"

     

    - Via bonifico bancario a Pontificio Istituto Missioni Estere (P.I.M.E.) - AsiaNews - C/C 05000/1000/00118726

    presso BANCA PROSSIMA S.p.a. Per le Imprese Sociali e le Comunità Gruppo Intesa Sanpaolo FILIALE DI MILANO

    Indirizzo: PIAZZA PAOLO FERRARI, 10 20121 MILANO (MI)

    Coord Bancarie/IBAN: IT98G0335901600100000118726

    Swift Code: BCITITMX

    causale "AsiaNews - Adotta un cristiano di Mosul"

     

    - Via assegno circolare non trasferibile, indirizzato a

    AsiaNews c/o PIME

    Via Guerrazzi 11

    00152 Roma RM

    Italia

    Per donazioni che consentono la detrazione/deduzione fiscale:

    Bonifico bancario: intestato a

    Fondazione PIME Onlus,

    Credito Valtellinese S.C. - P.zza San Fedele, 4 - 20121 MILANO -

    IBAN IT 11 W 05216 01630 000000005733

    Codice identificativo istituto (BIC): BPCVIT2S

    Si prega di mandare sempre un fax al n° 02.4695193 o una mail a uam@pimemilano.com di conferma dell'avvenuto bonifico, specificando nome, cognome e indirizzo (dati utili all'emissione del documento valido per la detrazione fiscale).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/11/2016 12:06:00 IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.



    29/05/2017 13:45:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: la solidarietà di AsiaNews contro le distruzioni dell’Isis (FOTO)

    P. Samir parla di emergenza umanitaria che si fa sempre più grave. Per questo è “importante” l’opera di assistenza e aiuto ai profughi. Il mondo cristiano si unisca contro la realtà di morte dello Stato islamico. L’amore di chi dona fonte di “gioia” per i rifugiati di Mosul: “Non siamo soli”. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.

     



    13/03/2017 11:42:00 IRAQ
    P. Samir Youssef: Quaresima, tempo speciale per sostenere i profughi di Mosul (FOTO)

    Generi alimentari, vestiti, denaro, cherosene per il riscaldamento sono solo alcune fra le molte necessità. L’offensiva contro lo Stato islamico delle ultime settimane ha generato una nuova ondata di profughi, e di bisogni. Il periodo in preparazione alla Pasqua occasione “per sentire il bisogno degli altri, e stare loro vicino”.



    28/08/2015 VATICANO-IRAQ
    P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
    Il sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.

    02/03/2016 12:42:00 IRAQ-ITALIA
    Serata di poesia e solidarietà. Lettera dai profughi di Mosul (video)

    Cinque poeti hanno recitato i loro versi raccolti nel libro “Davanti agli occhi c’è un ponte”. I proventi offerti alla campagna “Adotta un cristiano di Mosul”. P. Samir Youssef, che cura 3500 famiglie di rifugiati, racconta la solitudine e la speranza di cristiani e yazidi fuggiti davanti alla persecuzione dello Stato islamico.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®