13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 28/12/2006, 00.00

    CINA

    “Il sistema dei permessi di residenza temporanei per i migranti è illegale”



    Lo denuncia un gruppo di legali dell’Henan che difende i diritti dei migranti. Le grandi città usano la normativa per tenerli sotto controllo e cacciare gli indesiderati. Dopo che per anni i migranti sono stati sfruttati per avere lavoro a basso costo, ora sempre più città li vogliono mandare via.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Un gruppo di legali dell’Henan ha inviato una lettera al Congresso del popolo e al Consiglio di Stato affermando che il sistema dei permessi temporanei di residenza viola la legge e deve essere eliminato.

     

    La lettera chiede anche l’abolizione del sistema di registrazione dei residenti introdotto 20 anni fa per impedire eccessive migrazioni verso le città. Di fatto, le città cinesi sono ugualmente diventate megalopoli di milioni di persone, ma gran parte degli abitanti sono così “illegali”.

     

    Fan Honglie, uno degli autori della lettera, osserva che il migrante, come cittadino cinese, non ha necessità di un certificato di residenza temporaneo per spostarsi e vivere ovunque nel Paese. Ritiene che questo permesso sia un tipico strumento che l’amministrazione può usare per controllare i migranti e impedire loro di restare in modo permanente in una città.

     

    Secondo i dati ufficiali, oltre 100 milioni di migranti dalla campagna sono andati a lavorare nelle grandi città. Molti non prendono la residenza per non perdere il diritto alla terra e alla casa che hanno in campagna, dove spesso lasciano la famiglia. Ora le grandi città, dopo essersi arricchite anche grazie al lavoro a basso costo dei migranti, vogliono mandarli via per ragioni di “sicurezza”.

     

    Sette mesi fa Pechino, per ragioni di sicurezza pubblica, ha annunciato che i migranti privi di permesso di residenza temporaneo devono lasciare la città. Molti analisti lo hanno ritenuto un tentativo di rendere più “ordinata” la città in vista delle Olimpiadi del 2008.

     

    Questo mese il governo di Guangzhou, nel meridionale Guangdong, ha detto che potrebbe limitare il numero dei lavoratori migranti presenti, per alleviare i problemi sociali che causano. Tra le ipotesi c’è il divieto ad alcune industrie di impiegare migranti. Su Baoling, funzionario pubblico della città, ha osservato che “Guangzhou da tempo soffre per la scarsa sicurezza pubblica causata dal numero di furti, borseggi, rapine e molti altri reati, in gran parte commessi dai migranti”.

     

    Le statistiche ufficiali mostrano che su 100mila crimini di questo tipo denunciati negli ultimi 5 anni,  l’85% hanno portato all’arresto di migranti. Ma esperti osservano che i migranti sono più controllati dalla polizia e che il lavoro a basso costo dei migranti fonda la prosperità e il boom economico della Cina. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/01/2008 CINA
    Contadina migrante nominata al parlamento nazionale
    Il governo del Guangdong nomina all’Assembea nazionale del popolo una giovane migrante del Sichuan e i media statali celebrano l’opera del governo per migliorare la condizione dei migranti. Ma intanto a Shanghai si annuncia la chiusura di 240 scuole per bambini migranti. Esperti: occorre riconoscere loro i diritti dei residenti.

    14/11/2008 CINA
    Sono 58 milioni i figli di migranti cinesi che crescono senza genitori
    Recenti studi dimostrano l’ampiezza del fenomeno, finora sottostimato. I genitori cercano una vita migliore, ma spesso i figli lasciati a casa stentano negli studi, sono vittime di abusi, cadono nella delinquenza. Esperti: occorre concedere ai migranti il diritto di residenza dove lavorano.

    10/01/2007 CINA
    In vista delle Olimpiadi, niente scuole per i figli di migranti
    A Shanghai, chiusa una scuola per bambini migranti, gli scolari sono parcheggiati in un edificio senza lezioni e senza mensa. Le autorità non rispondono alle richieste per una sistemazione stabile. A Pechino e Shanghai decine di migliaia di piccoli senza istruzione.

    04/12/2017 15:03:00 CINA
    Cosa è la popolazione ‘più bassa’ in Cina

    Crescono le critiche alla espulsione dalla città di Pechino delle centinaia di migliaia di migranti, bollati dai media cinesi come “gente di livello più basso”. Per il grande dissidente Wei Jingsheng queste espressioni sono segno di un’eredità feudale ormai annidata nel Partito comunista cinese. Quest’ultimo si reputa il luogo dell’élite e del governo giusto. La persona, l’uomo ridotto a rotella di una macchina, come in passato l’uomo era ridotto ad animale da lavoro.



    11/02/2008 CINA
    Finisce il “miracolo” industriale del Fiume delle Perle
    Questa parte del Guangdong è stata il vero motore trainante del miracolo economico cinese. Ma ora manca la mano d’opera, allettata da migliori salari in altre regioni, e aumentano i costi della produzione. La regione cerca di favorire lo sviluppo di servizi e industrie d’avanguardia.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®