15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/08/2013, 00.00

    IRAN

    'Rivolta' in Iran, Rohani propone nel suo esecutivo tecnici e filo-occidentali



    Oggi si tiene in Parlamento il voto per approvare il Gabinetto del nuovo presidente. Fra i funzionari proposti da lui vi sono una donna e un famoso petroliere vicino all’opposizione dell’Onda verde. I membri del gabinetto hanno tutti studiato all’estero, molti negli Stati Uniti.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Ex ambasciatori all'Onu, manager di fama internazionale e personaggi con stretti legami con gli Stati Uniti e altri Paesi occidentali: sono alcune delle caratteristiche dei membri del nuovo gabinetto di governo scelti dal presidente Hassan Rohani. Oggi il Parlamento voterà l'approvazione dei nomi proposti. Secondo l'agenzia Fars, almeno l'80% dei parlamentari è con la linea Rohani. In questi giorni ben 148 deputati hanno chiesto di presentare un discorso in suo favore. Solo 18 politici conservatori hanno presentato testi con posizioni contrarie al Gabinetto e al programma di riforme. 

    Fra le nomine più apprezzate dalla comunità internazionale vi è la quella di Elham Aminzadeh, avvocato e donna, che diventerà vice-presidente degli Affari legali. La donna, con un passato da ambasciatrice alle Nazioni Unite, ha studiato diritto internazionale presso l'Università di Glasgow, con una tesi di dottorato intitolata "Le Nazioni Unite, la pace e la sicurezza internazionale: Un'analisi giuridica e pratica". Attualmente la Aminzadeh è assistente di diritto pubblico presso l'Università di Teheran. In una conferenza stampa tenutasi lo scorso 12 agosto, lo stesso presidente ha affermato che la donna è stata scelta per la sua profonda competenza in materia giuridica.

    La Aminzadeh è solo uno dei tecnici con provate capacità e studi all'estero proposte dal nuovo presidente. La maggior parte di essi ha servito durante i governi moderati di Akbar Hashemi Rafsanjani e Mohammad Khatami.

    Tuttavia la frangia estremista non sarebbe d'accordo con Rohani su diversi dei ministri presentati. Uno di essi è Bijan Zanganeh, scelto come ministro del Petrolio. Egli è considerato uno dei migliori manager del settore petrolifero, principale risorsa economica del Paese, ma allo stesso tempo è inviso ai conservatori per i suoi legami con i leader dell'opposizione: Hossein Moussavi e Mehdi Karroubi. Entrambi sono in carcere dal 2009, dopo le proteste di piazza che portarono milioni di persone a manifestare contro l'allora presidente Ahmadinejad.

    Un altro personaggio famoso per le sue capacità è Mohammad Javad Zarif, proposto come ministro degli Esteri. Per sei anni è stato ambasciatore Onu in Iran ed è ben noto a New York e nei circoli di Washington come un diplomatico capace ed onesto. Il futuro capo di Stato maggiore Mohammad Nahavandian sarà invece il ponte fra l'ala moderata e quella più in linea con i conservatori. L'uomo ha una formazione tradizionale islamica e un dottorato di ricerca in economia negli Stati Uniti. Dopo la rivoluzione del '79 Nahavandian è riuscito a farsi strada all'interno del sistema teocratico degli Ayatollah senza per questo rinunciare alle sue posizione. Secondo gli analisti il futuro capo di Stato maggiore ha rapporti di fiducia sia con le autorità religiose che con i politici più riformisti.

    Nel suo discorso di insediamento, Rohani ha promesso di combattere l'elevata inflazione e la disoccupazione, perseguire una politica estera più "costruttiva" e consentire maggiori libertà sociali rispetto al suo intransigente predecessore Mahmoud Ahmadinejad. "Il vostro voto di fiducia ai ministri - ha affermato di recente in un discorsi al Parlamento - non è solo un voto per le persone, è un voto per l'intero governo e dei suoi futuri programmi".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2017 08:57:00 IRAN
    Dopo le critiche dei riformisti, Rouhani nomina tre donne vice-presidenti

    Una quarta rappresentante femminile ricoprirà l’incarico di assistente in tema di diritti civili. In Iran vi sono 12 vice, che guidano organismi e istituzioni legate alla presidenza. Si attende la ratifica del Parlamento. Un via libera scontato, perché le nomine chiave sono state approvate da Khamenei.



    09/08/2017 11:21:00 IRAN
    Il presidente iraniano presenta la squadra di governo. Nessun ministro donna

    Assegnati 17 dicasteri su 18. Restano confermati i ministri chiave del precedente governo. Fra questi i titolari degli Esteri, Petrolio, Intelligence e Interni. Nuovi ingressi alla Difesa e alla Giustizia. L’ala riformista critica la mancanza di esponenti femminili. Rouhani ha ceduto alla pressioni dell’establishment religioso. 

     



    27/08/2014 ISLAM - OCCIDENTE
    L'Occidente torni a Cristo se vuole sconfiggere il terrore del Califfato
    La società che abbiamo creato ormai scontenta tutti: è una civiltà senz'anima, senza speranza, senza bambini e senza gioia. Tutti fallimenti di una società senza Dio, che ora si chiede cosa fare per affrontare l'integralismo islamico.

    10/02/2016 08:54:00 IRAN
    Elezioni in Iran: il Consiglio dei guardiani approva centinaia di candidati riformisti

    L’organismo costituzionale riammette 1400 persone escluse in un primo tempo. La lista definitiva dei candidati sarà diffusa il 16 febbraio, il 26 si vota. Il numero degli ammessi sale a 6185 ( di cui 586 donne) su 12mila richieste. Il presidente Rouhani auspica in una vittoria di moderati e riformisti per proseguire la politica di apertura e rinnovamento.



    22/01/2016 09:02:00 IRAN
    Iran, elezioni parlamentari: il presidente Rouhani contro il bando ai candidati riformisti

    In un intervento alla tv il presidente lancia un appello al Consiglio dei guardiani della Costituzione per una "maggiore presenza" di candidati riformisti. Ammesso sinora solo l’1% delle petizioni: 30 su 3mila richieste. In lizza 12mila persone per 290 seggi. L’ala riformista non intende boicottare il voto. Il 4 febbraio verrà presentata la lista ufficiale dei candidati. 





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®