24 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/03/2014, 00.00

    RUSSIA-UCRAINA

    L'annessione della Crimea fa paura al Patriarca di Mosca

    Vladimir Rozanskij

    Assente Kirill dal grande discorso di Putin alla Duma. Mentre la Russia cammina sulle orme dell'impero di Ivan il Terribile, le Chiese ortodosse dell'Ucraina vengono spinte all'autonomia da Mosca. Il Patriarcato di Mosca rischia di essere una minoranza al prossimo Concilio Panortodosso.

    Mosca (AsiaNews) - Quando lo scorso 17 marzo il presidente russo Vladimir Putin ha rivolto al Parlamento federale il suo appassionato discorso sulla difesa della Grande Russia, per giustificare l'annessione della Crimea, gli sguardi dei presenti alle prime file dell'assemblea hanno tradito una insolita preoccupazione. Ai piedi del presidente, tra il turbante dell'Imam e il cilindro del rabbino, spiccava la mancanza della tiara bianca del patriarca Kirill. Solo due file indietro ciondolava incerto il cappellone velato del suo vicario, l'anziano metropolita Juvenalij, spedito a rappresentare la Chiesa Patriarcale, la cui benedizione era indispensabile per confermare la necessaria riappropriazione della "terra santa" di Crimea.

    L'assenza di Kirill e' stata giustificata dai suoi portavoce con incerti riferimenti al suo stato di salute (ma il giorno prima aveva regolarmente presieduto una lunga celebrazione) e al devoto silenzio quaresimale (che però dovrebbe valere anche per Juvenalij). In realtà la mancata benedizione di Kirill dimostra l'estremo imbarazzo del patriarcato di Mosca di fronte alla crisi ucraina, che rischia di sconvolgere anche gli assetti delle stesse istituzioni ecclesiastiche, e mandare a gambe all'aria le prospettive di sviluppo costruite con grande tenacia dallo stesso Kirill negli ultimi anni. Pare che Putin, questa volta, si sia allargato troppo anche per i suoi padri spirituali.

    Kirill  non difetta di patriottismo, anzi di esso egli è il principale custode e propagandista: fin dai tempi di Gorbaciov e Eltsin, l'allora metropolita Kirill Gundjaev si è sempre distinto come il principale ispiratore di una nuova ideologia statale post-sovietica, basata sulla restaurazione dell'ideale della Santa Russia, vista come Stato-Chiesa in grado di affermarsi in patria e all'estero come grande difensore dei valori cristiani in un mondo secolarizzato. Kirill esprime la reincarnazione del modello cosiddetto "josifliano", dal nome del monaco Josif di Volokolamsk che nel 1500 creò l'idea della Chiesa "costitutiva dello Stato", una delle espressioni preferite dell'attuale patriarca, ideale realizzato poi dallo zar Ivan il Terribile, vera figura di riferimento del suo odierno successore Vladimir Putin. Eppure oggi, quando il 95% dei russi di Crimea approva entusiasticamente il ritorno alla madre Russia, e la stragrande maggioranza dei russi si inorgoglisce per la dimostrazione di forza che il Paese oppone alle mire dell'Occidente corrotto, il patriarca si ritrae e si chiude in ascetico mutismo.

    Il fatto è che Kirill aveva puntato moltissime delle sue carte sull'Ucraina, e non certo sulla piccola Crimea o su qualche provincia orientale. In questi cinque anni dalla sua elezione il patriarca ha visitato il Paese almeno 30 volte, andando ovunque, perfino nelle diocesi più occidentali e anti-russe, in cui il suo predecessore Aleksij II aveva timore a mostrarsi. Il capo della sezione ucraina del patriarcato, il metropolita di Kiev Vladimir Sabodan, e' stato da lui inserito nel Sinodo dei vescovi di Mosca, vero organo direttivo della Chiesa ortodossa russa, con titolo di onore quasi pari ai suoi, e con lui aveva cooptato altri membri della giurisdizione ucraina, vista come una Chiesa quasi autonoma, ma ben dentro la struttura del Patriarcato moscovita.

    E ora che succederà? Si creerà una Chiesa indipendente da Mosca? E che fare con la stessa diocesi di Crimea, ora diventata russa a livello civile: passerà direttamente sotto il Patriarcato di Mosca? E se Kiev non fosse d'accordo?

    Questa prospettiva terrorizza Kirill più di quanto si possa immaginare. L'Ucraina a livello ecclesiastico esprime poco meno della metà delle parrocchie di tutto il Patriarcato di Mosca (13mila contro le 15mila russe), e circa il 60% del clero viene dall'Ucraina, compresi numerosi vescovi che agiscono nella stessa Russia. In Ucraina sono cresciute negli ultimi anni le spinte autonomiste, che vorrebbero la completa autocefalia e indipendenza da Mosca; del resto, la sede di Kiev è storicamente quella originaria, da cui Mosca si era staccata solo nel 1589. Attualmente il metropolita di Kiev Vladimir Sabodan, quasi ottantenne, versa in gravi condizioni di salute, e certo Kirill eleva accorate preghiere che il Signore lo conservi il più a lungo possibile: di questi tempi, l'elezione di un nuovo metropolita sarebbe certamente accompagnata da forti richieste autonomiste. Il vicario di Vladimir, il metropolita Onufrij Berezovskij, dalle originarie posizioni filorusse, si è spostato sempre più verso la difesa dell'integrità dello stato ucraino e della sua Chiesa indipendente, e gli altri vescovi sono ancora più espliciti in questo senso. La Chiesa di obbedienza moscovita rischia di apparire agli occhi degli ucraini come la "Chiesa occupante", il che darebbe fiato alla ripresa di autorevolezza della Chiesa ucraina indipendente del patriarca Filaret Denisenko, oggi molto indebolita, ma sempre numerosa. Senza contare la spinta autonomistica estrema della Chiesa greco-cattolica dell'arcivescovo maggiore Svjatoslav Sevchuk, che ha la sua roccaforte in quell'Ucraina occidentale, che maggiormente ha alimentato i moti del Majdan e la rivoluzione in atto a Kiev.

    Kirill teme anche di perdere la posizione dominante nell'intera comunione ortodossa, che nel 2016 si riunirà al Fanar per il grande Concilio Panortodosso, il primo di tutta la storia millenaria dell'Ortodossia. Attualmente Mosca rappresenta il 70% di tutti gli ortodossi nel mondo; se la sua giurisdizione venisse dimezzata, rischierebbe di finire in minoranza, e di vedersi ritorcere contro il grande successo ottenuto con la convocazione stessa del Concilio di Costantinopoli. Questo, infatti, potrebbe diventare la tomba delle ambizioni russe di guidare il mondo cristiano in contrapposizione (o almeno alla pari) con il papa di Roma. La grande Russia, annettendosi la piccola Crimea, invece di allargarsi finirebbe per diventare sempre più piccola.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Dopo il referendum, la Chiesa ucraina-Patriarcato Kiev teme il bando in Crimea
    Il patriarca Filaret prega perché l'Ucraina sia liberata "dagli occupanti". Gli ortodossi di obbedienza moscovita temono di essere cacciati via dall'Ucraina. Il Patriarcato di Mosca ha riconosciuto il diritto dell'Ucraina all'autodeterminazione, ma rimane sotto l'ombra di Putin. L'invasione della Crimea come l'Anschluss della Germania nazista.

    12/09/2017 12:23:00 RUSSIA-UCRAINA
    Poroshenko e la Chiesa ortodossa a Kiev

    Il presidente ucraino ha chiesto al Patriarcato ecumenico Bartolomeo l’autocefalia per le Chiese orientali nel Paese. Al presente vi sono la Chiesa ortodossa ucraina, di obbedienza moscovita; quella di Kiev, separata da Mosca; quella greco-cattolica. Contese storiche e pratiche sugli edifici religiosi. Dal patriarcato di Mosca: questioni di giurisdizione ecclesiastica vanno risolte all’interno delle stesse Chiese, senza ingerenze da parte dei capi di Stato.



    13/08/2014 UCRAINA-RUSSIA
    Il Sinodo ucraino al voto per il nuovo metropolita ortodosso di Kiev, obbediente a Mosca
    Questa sera sarà designato il successore di Vladimir, morto lo scorso 5 luglio. Egli riceverà la benedizione di Kirill, patriarca di Mosca. Timori di influenze politiche nella scelta dei candidati. Fra i più probabili: il vescovo Onufry, locum tenens di Kiev e il metropolita Aleksandr, amico del presidente Poroshenko.

    19/08/2014 UCRAINA - RUSSIA
    La Chiesa ortodossa ucraina, legata a Mosca, chiede di restituire la Crimea a Kiev
    Lo ha dichiarato un suo portavoce, a pochi giorni dall'intronizzazione di Onufry, il nuovo metropolita. Sulla Crimea continua a tacere il Patriarca russo, che però non risparmia nuovi attacchi contro l'"aggressività" degli uniati.

    19/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Tra violenze e odio la Crimea diventa russa
    Attivisti e giornalisti denunciano il clima di paura e illegalità nella regione: ucciso un soldato ucraino e un attivista tataro. La scrittrice bielorussa Svetlana Aleksijevich mette in guardia Putin dal fomentare gli istinti primordiali della popolazione. Nel timore di una guerra.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®