30/01/2015, 00.00
RUSSIA - UCRAINA
Invia ad un amico

La Grecia non fa resistenza, l'Ue estende le sanzioni contro Mosca

Si tratta della black list di personalità russe e leader separatisti ucraini; per ora scongiurato il rischio di nuove sanzioni economiche. Continua il lavoro della diplomazia a Minsk, ma sul campo è tornata la guerra.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) - "La Grecia non ha salvato la Russia". E' la constatazione più diffusa sui giornali russi all'indomani della decisione Ue di estendere di sei mesi le sanzioni individuali contro personalità russe e separatisti ucraini, considerati implicati nel conflitto nell'Est dell'ex repubblica sovietica. Adottate subito dopo l'annessione, a marzo 2014, della Crimea, le misure dovevano scadere a marzo. L'esplicita e forte opposizione dichiarata dal nuovo governo di Atene ad ulteriori misure punitive contro Mosca non si è tradotta, così, in quello che in Russia molti speravano, ma su cui realisticamente in pochi facevano affidamento: anche solo un veto, secondo il meccanismo di consenso Ue, avrebbe impedito il prolungamento delle sanzioni.

Per ora, però, i ministri degli Esteri europei hanno scelto di non ampliare le restrizioni economiche alla Russia; il capo della diplomazia tedesca, Frank-Walter Steinmeier, ha comunque avvertito che un'ulteriore escalation in Donbas, dove sono ripresi feroci combattimenti tra separatisti ed esercito regolare, costringerà Bruxelles a prendere "provvedimenti ben più gravi".

Anche dagli Usa arrivano ammonimenti: l'accordo raggiunto dai ministri degli Esteri dell'Ue, il 29 gennaio, di ampliare le sanzioni gia' esistenti "e' solo un segnale in piu' che le azioni degli ultimi giorni e settimane sono assolutamente inaccettabili e che ci saranno altre conseguenze", dice la portavoce del Dipartimento di Stato, Jen Psaki, mentre dall'ambasciata Usa a Mosca negano la preparazione di una visita, il 4-5 febbraio, del segretario di Stato John Kerry, riportata dai media russi.

E se sul terreno la situazione vive la peggiore escalation da settembre, in campo diplomatico continuano i negoziati. Mosca guarda con ottimismo al lavoro del Gruppo di contatto: rappresentanti di Ucraina, Russia, Osce e separatisti filorussi si riuniscono oggi, 30 gennaio, a Minsk per nuovi colloqui alla ricerca di un accordo per tentare di rilanciare il dialogo e concordare una tregua, dopo una settimana che ha visto l'Est ucraino precipitare, di fatto, di nuovo in guerra. Sempre a Minsk, il 5 settembre, era stato firmato il primo accordo di cessate il fuco, con una serie di passi politici previsti ma poi mai realizzati.

L'ultimo round di negoziati nella capitale bielorussa si è tenuto il 24 dicembre, ma senza successi. I ribelli vogliono dialogare direttamente con il presidente ucraino Petro Poroshenko; da parte sua Kiev chiede negoziati direttamente col Cremlino, il quale a sua volta continua a rifiutare la definizione di 'parte in conflitto', lasciando formalmente tutto nelle mani dei leader delle autoproclamate repubbliche di Dontesk e Lugansk. (N.A.) 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Donetsk, il vescovo invita a una settimana di digiuno per la pace
06/06/2014
La Chiesa ortodossa greca riconosce la Chiesa ucraina
14/10/2019 08:00
La Grecia rinuncia al referendum, volano le borse asiatiche
04/11/2011
Donetsk, separatisti portano in processione icona: impedito l'ingresso in chiesa
01/10/2014
Ucraina, parrocchie ortodosse abbandonano il Patriarcato di Mosca e passano sotto Kiev
20/09/2014