29/10/2014, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Bangladesh, condannato a morte il capo del Partito islamico

Un tribunale speciale ha riconosciuto Motiur Rahman Nizami, 71 anni, colpevole di genocidio, omicidio, tortura e stupro. I reati sono stati commessi durante la guerra di Liberazione dal Pakistan nel 1971. Cresce il timore di nuove violenze dopo la sentenza.

Dhaka (AsiaNews) - Questa mattina una corte speciale di Dhaka ha condannato a morte Motiur Rahman Nizami, capo del partito fondamentalista islamico Jamaat-e-Islami, per crimini contro l'umanità compiuti durante la guerra d'indipendenza del Bangladesh (1971). I tre giudici del Tribunale internazionale-1 lo hanno riconosciuto colpevole di otto capi d'imputazione, tra cui genocidio, omicidio, tortura e stupro. Uno dei procuratori ha commentato la sentenza definendola "riflesso della gravità dei crimini".

Il governo ha già preso misure di sicurezza straordinarie in tutta la capitale, per timore di scontri e violenze da parte dei sostenitori del Jamaat, come accaduto nel 2013 dopo altri verdetti analoghi.

In particolare Nizami (71 anni) era accusato di aver guidato una milizia, che ha commesso atrocità insieme all'esercito pakistano nelle fasi finali del conflitto. La corte ha spiegato che il politico, considerato anche un leader religioso, ha interpretato male il Corano per incoraggiare i suoi seguaci a condurre un genocidio di massa.

A fine gennaio, Nizami era già stato condannato a morte per traffico d'armi da un tribunale di Chittagong.

Pur non esistendo dati certi, durante la guerra di Liberazione dal Pakistan (1971) circa 1,5 milioni di civili sono morti e almeno 200mila donne stuprate. Di queste vittime, la maggior parte apparteneva alla comunità indù. Oltre il 60% dei profughi bangladeshi in India erano indù. Alcuni storici credono però che i morti siano stati quasi 3 milioni. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Confermata la pena capitale per un leader islamico, “giustiziere” degli intellettuali del 1971
16/06/2015
Bangladesh, impiccato il capo del Jamaat-e-Islami
11/05/2016 08:50
Dhaka, confermata la pena di morte per un leader del partito islamico
07/04/2015
Bangladesh: in migliaia contro l’uso politico della religione (e il partito islamico)
26/02/2013
Il Tribunale internazionale pronto a indagare sui crimini di guerra di talebani e soldati Usa in Afghanistan
22/11/2017 10:47