17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/04/2011, 00.00

    INDIA – VATICANO

    Quando Giovanni Paolo II baciò Madre Teresa e i moribondi di Calcutta

    Nirmala Carvalho

    Nell’imminenza della beatificazione di Giovanni Paolo II, presentiamo alcune testimonianze del ricordo e dell’eredità lasciata dalla personalità del pontefice in Asia. Mons. Henry D’Souza, già arcivescovo di Calcutta e suor Glenda, superiora del Nirmal Hriday di Calcutta raccontano la sua visita in India nel 1986. I frutti vivi della “nuova solidarietà” anche con gli indù.
    Calcutta (AsiaNews) - Giovanni Paolo II viene beatificato il primo maggio di quest’anno, ma per molti in tutto il mondo egli è già santo. È lo stesso destino di Madre Teresa, beatificata proprio dal papa polacco il 19 ottobre del 2003, ma considerata da tutti una santa già da molto tempo. I due giganti della fede si sono incontrati molte volte, ma l’incontro più avvincente è accaduto il 3 febbraio 1986 a Calcutta, con la visita di papa Wojtyla al Nirmal Hriday Ashram, la casa per i moribondi al Kaligath. Madre Teresa l’ha definito “il giorno più bello della mia vita”.

    A 25 anni di distanza, nella megalopoli di oltre 13 milioni di abitanti, sono in molti a ricordare questo avvenimento.  Anzitutto il vescovo di allora, mons. Henry D'Souza, che ha accompagnato il papa nel tragitto.

    “L’impatto del nostro amato Papa sulla città è stato immenso. Il Santo Padre è riuscito a catturare i cuori e le menti della gente di Calcutta. Persone di tutte le fedi si sono allineate lungo i 10 km di percorso dall’aeroporto Dum Dum  fino al Nirmal Hriday. Guardando tutta quella folla, il Papa mi dice: Avete molti cattolici qui a Calcutta! Io gli rispondo di no e spiego che quella gente erano persone di ogni fede venute a dare il benvenuto al capo della Chiesa cattolica, in attesa di una benedizione da lui”.

    “Per la gente di Calcutta – continua mons. D’Souza – è stato molto significativo che Giovanni Paolo II abbia cominciato la visita alla città dal Nirmal Hriday. Ciò mostrava che la prima preoccupazione del Papa erano i poveri, i moribondi, i sofferenti. Con questo atto di amore, di compassione e dolcezza, ha vinto i cuori della gente”.

    L’altro fatto importante è stato quando il Papa ha baciato Madre Teresa. Questo gesto così singolare di affetto ha mostrato la compassione della Divina Misericordia di Gesù che abbraccia la povertà della persona umana. Lui, il Papa, era venuto per saziare e testimoniare la sete di Cristo per i poveri”.

    Madre Teresa aveva aperto questo suo primo ospizio, nel 1952 vicino al tempio della dea Kali a Kaligath, cambiandone il nome in Nirmal Hriday, “Casa del cuore puro”. Da allora fino ad oggi l’ospizio ha accolto almeno 50mila moribondi.

    Il giorno del suo arrivo, Giovanni Paolo II ha visitato in lungo e in largo il Nirmal Hriday per almeno 40 minuti. L’ospizio dove sono disponibili 120 letti per malati e moribondi è stato definito da lui un luogo sacro dove “il mistero della umana sofferenza si incontra col mistero della fede e dell’amore”.

    Il nostro amato Papa ha sottolineato che non aveva facili risposte per la terribile povertà che vedeva. “Io non posso rispondere a pieno alle vostre domande – ha detto – e non posso strapparvi tutto il vostro dolore, Ma sono sicuro di una cosa: Dio vi ama di un amore senza fine. Voi siete preziosi ai suoi occhi”.

    Nella visita all’ashram, il papa era guidato da Madre Teresa, fermandosi ad ognuno degli 86 pazienti che occupavano i letti quel giorno, benedicendoli ad uno ad uno. La visita era chiusa ai media, ma un portavoce vaticano che accompagnava il Papa ha detto che il pontefice era rimasto “molto commosso”.

    La vasta maggioranza dei pazienti era indù, ma il Papa ha dato ad ognuno un rosario e ha benedetto con l’acqua santa le salme di quattro morti, raccolte nel piccolo obitorio.

    Papa Giovanni Paolo II ha poi aiutato le missionarie della carità a servire il pasto serale ai malati, fatto di pane, curry con le patate e budino. “Non so chi sia – ha commentato uno dei consunti pazienti – ma deve essere un grande capo”.

    In tarda serata, il Papa ha incontrato i leader religiosi e culturali della città e li ha spinti a forgiare una “nuova solidarietà” con gli abbandonati e con i moribondi delle strade di Calcutta. “I santi – ha detto - e gli uomini e donne vere di ogni religione sono stati sempre mossi verso una potente e attiva compassione verso i poveri e i sofferenti… Ai nostri giorni, la nostra coscienza religiosa e sociale è sfidata dalla crescente disuguaglianza fra aree sviluppate e quelle che sono sempre più dipendenti; dall’ingiustizia delle necessarie risorse incanalate nella produzione di terribili armi di morte e distruzione”.

    Nell’89, in un’intervista, hanno domandato a Madre Teresa quale fosse il luogo più bello da lei visitato.

    “Kaligath – ha risposto -, dove le persone muoiono nella pace, nell’amore di Dio: questa è la cosa più meravigliosa”.

    A 25 anni dalla visita di papa Giovanni Paolo II, Nirmal Hriday è stato restaurato e ristrutturato in molte parti, ma la memoria della sua visita è ancora viva, come pure la foto che lo ritrae con la Madre, mentre i bambini cantano e danzano per dargli il benvenuto.

    Per suor Glenda, 57 anni, attuale superiora di Nirmal Hriday, rimane vera la definizione del logo dato da Giovanni Paolo II: un luogo sacro dove “il mistero della umana sofferenza si incontra col mistero della fede e dell’amore”.

    “Per noi è una gioia essere qui. Gesù viene qui tutti i giorni, sotto la carne degli abbandonati… A tutt’oggi vi sono 110 pazienti moribondi, afflitti da ogni tipo di malattia terminale. Aids, cancro, tubercolosi… Noi li accogliamo qui e sentiamo che Gesù è venuto a visitarci”.

    Anche l’idea di una “nuova solidarietà”, lanciata dal papa, porta frutto ancora oggi. “Se guardate alla lista dei donatori – spiega sr Glenda – tutti i nostri donatori sono indù. Nessuno di loro è mai stato contrario alla nostra presenza.  Per noi Kaligath è la fonte di ogni benedizione, perché è stata la prima casa aperta da Madre Teresa. Anche gli indù la considerano una fonte di benedizione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/07/2010 INDIA
    È viva la testimonianza di Madre Teresa tra gli ultimi del mondo
    A due mesi dal centenario della nascita di Madre Teresa di Calcutta, si moltiplicano in India i preparativi per commemorare la futura santa. Suor Rose Clarie, giovane missionaria della Carità, racconta ad AsiaNews il suo lavoro tra i malati e come Madre Teresa sia presente in ogni sua giornata. “Io non l’ho mai conosciuta, ma la sua presenza è sempre intorno a noi. Attraverso i racconti delle suore anziane conosco quello che la Madre ha detto e ha fatto Non passa giorno senza che una sua parola non entri nella nostra giornata”.

    24/07/2010 INDIA
    Prem Nagar, la città dell’amore di Madre Teresa che dona il sorriso ai lebbrosi
    Abbandonati dalla famiglie molti lebbrosi finiscono con il chiedere l’elemosina per strada, dove vengono raccolti, lavati e trattati con dignità dalle Missionarie della carità di Madre Teresa. Suor Mary, missionaria indiana del Kerala, racconta ad AsiaNews i suoi otto anni al Prem Nagar Leprosy Center di Delhi. “Lo spirito di Madre Teresa è vivo in ogni nostro lebbrosario, la malattia rende deforme questa gente, ma qui non vi è ripugnanza verso di loro”.

    16/01/2013 INDIA
    Suore di Madre Teresa: Anno della Fede, grazia e benedizione per i moribondi di Calcutta
    Una testimonianza della superiora del Nirmal Hriday (Casa del cuore puro), prima casa fondata dalla beata. La cura, la pace e l’amore di Cristo tra i più poveri tra i poveri. Il ricordo di una volontaria, che disse a Madre Teresa: Ho trovato Gesù nella casa dei moribondi.

    25/08/2010 INDIA
    Sacerdote indù: Madre Teresa un esempio di amore per tutti noi
    Swami Shantatamanda ha conosciuto Madre Teresa 15 anni fa, poco prima della sua morte. Di lei ricorda la semplicità, l’amore verso i più poveri e conserva ancora un piccolo foglio con alcune preghiere scritte dalla religiosa. Membro di un'organizzazione filantropica indù, il sacerdote promuove il dialogo interreligioso attraverso l’aiuto ai bisognosi.

    06/09/2004 india
    Prima festa ufficiale per la beata Madre Teresa




    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®