06/05/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Miniere di carbone nel nordest cinese: 51 morti

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Sale a 51 morti il bilancio ufficiale delle vittime in 2 degli ultimi incidenti nelle miniere di carbone più pericolose del mondo: quelle cinesi.

Nella miniera "Tengda" a Jiaohe, provincia di Jilin – nord est della Cina - i soccorsi hanno trovato 29 corpi. All'appello manca ancora un minatore. "Non ci fermeremo finché non ritroveremo il disperso" ha dichiarato un responsabile statale della sicurezza sul lavoro. La tragedia, avvenuta il 24 aprile scorso, era stata causata da un'inondazione.

Intanto sempre nel nord est del Paese, nella provincia dello Shaanxi, le autorità hanno confermato 22 morti in una miniera di Hancheng. Causa dell'incidente, un'esplosione di gas avvenuta la settimana scorsa.

Le miniere di carbone in Cina sono le più pericolose al mondo. Secondo stime ufficiali nel 2004 circa 6 mila minatori sono morti in incidenti sul lavoro; dati indipendenti denunciano invece almeno 20 mila morti. Nei primi 4 mesi del 2005 Pechino ha registrato 1.113 decessi in miniera, un aumento del 20% rispetto alle stime parallele del 2004.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
22/08/2007
Lo Stato aveva previsto il disastro delle miniere di Xintai
21/08/2007
Un’altra tragedia annunciata: dispersi 69 minatori per un’inondazione
30/07/2007
Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang
02/12/2005
Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera
01/12/2005