18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/10/2004, 00.00

    hong kong - cina

    Mons. Zen a favore di un referendum sulla democrazia



    Il vescovo di Hong Kong fiducioso sulla liberalità dei nuovi leader di Pechino.

    Hong Kong (AsiaNews/SCMP) –  Mons. Joseph Zen è a favore di un referendum cittadino per capire le tendenze dell'opinione pubblica di Hong Kong sulla questione del suffragio universale nel territorio. Il vescovo cattolico afferma che gli attuali leader di Pechino, piuttosto aperti, sono attenti alle aspirazioni della popolazione.

    Mons. Zen  - in partenza per Roma, dove partecipa al Primo Congresso internazionale del Pontificio Consiglio di Giustizia e Pace – ha detto che Hong Kong dovrebbe avere fiducia in Pechino e che in ogni caso l'inchiesta non minerebbe i rapporti fra Cina e Hong Kong.

    "Vi sono persone che dicono di non essere sicuri che Hong Kong voglia il suffragio universale entro il 2007", ha detto il vescovo. "Se l'inchiesta manifesta invece il contrario, Pechino potrà riconsiderare la sua decisione".

    Lo scorso aprile il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo ha escluso l'introduzione di una piena democrazia entro il 2007, pur appoggiata da numerose manifestazioni popolari. Il gruppo democratico ha lanciato l'idea di un referendum subito bocciata dalla Cina e dal governo di Hong Kong. Secondo quest'ultimo un referendum sarebbe percepito come una sfida a Pechino e una perdita di tempo per il pubblico.

    Mons. Zen comprende bene che la parola "referendum" come è usata dai democratici, rischia di indisporre Pechino e va evitata. Per questo il vescovo propone solo un'inchiesta, senza conseguenze legali. "Alcune persone – ha detto mons. Zen – dicono che questa proposta non è realista. Ma io penso che dovremmo avere fiducia nei nostri leader perché hanno una mentalità liberale e aperta. Essi considereranno i desideri del pubblico perché hanno a cuore la popolazione". E ha precisato: "Non ci mettiamo contro il governo centrale. Stiamo tutti lavorando per il bene di Hong Kong"

    Il vescovo, considerato dal mondo intero come un campione della democrazia, ha detto che secondo lui il 2007 rimane la data migliore per introdurre la piena democrazia a Hong Kong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2010 HONG KONG
    Card. Zen: “Il governo, sempre meno sincero con il popolo”
    Secondo il vescovo emerito di Hong Kong, la mossa con cui il Consiglio legislativo del Territorio farà passare il pacchetto di riforme costituzionali rivisitato senza dibattito pubblico “cambia tutto” sulla questione del suffragio universale e dimostra che il governo non rispetta la popolazione.

    25/05/2010 HONG KONG – CINA
    Pechino mostra di “aprire” ai democratici sulle riforme a Hong Kong
    Storico incontro, ieri, fra i leader del Partito democratico e il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che loda il “pragmatismo” dei rivali, ma avverte: “Non tutti vogliono il suffragio universale”.

    29/08/2014 CINA - HONG KONG
    Pechino, pronta la bozza per la "democrazia" in Hong Kong. I democratici promettono boicottaggio
    Il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo applaude alla bozza, rifiutata da tempo dal movimento di Occupy central. Anche i democratici più dialogici non la voteranno. Timori per tensioni sociali.

    25/07/2013 HONG KONG
    La Chiesa di Hong Kong chiede il suffragio universale. O sarà disobbedienza civile
    Con un appello urgente “al governo e a tutte le parti in causa”, la diocesi del Territorio invita i rappresentanti dell’esecutivo a non ritardare più il dibattito sull’introduzione del sistema “un uomo, un voto”. Questo “deve entrare in vigore per le elezioni del nuovo Capo dell’Esecutivo”, previste per il 2017. Altrimenti, alla luce della Dottrina sociale della Chiesa e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la popolazione potrà intraprendere azioni di disobbedienza civile pacifiche e non violente. Il testo completo del documento.

    05/12/2005 hong kong - cina
    La marcia di Hong Kong "dimostra che il popolo è pronto per la democrazia"

    Alla manifestazione di ieri hanno partecipato, secondo gli organizzatori, oltre 250 mila persone. Per Pechino "alcune persone hanno partecipato ad una marcia ad Hong Kong senza avere degli scopi chiari".





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®