20/11/2014, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: Gesù piange davanti alla chiusura del nostro cuore, come pianse su Gerusalemme

"Io mi domando: oggi noi cristiani, che conosciamo la fede, il catechismo, che andiamo a Messa tutte le domeniche, noi cristiani, noi pastori siamo contenti di noi? Perché abbiamo tutto sistemato e non abbiamo bisogno di nuove visite del Signore... E il Signore continua a bussare alla porta, di ognuno di noi e della sua Chiesa, dei pastori della Chiesa.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Come Gesù pianse su Gerusalemme per la "chiusura del suo cuore", così oggi la Chiesa piange su di noi se rifiutiamo le "sorprese" di Dio, "perché abbiamo tutto sistemato e non abbiamo bisogno di nuove visite del Signore". L'ha detto papa Francesco nell'omelia della messa celebrata oggi a Casa santa Marta, sottolineando il "rifiuto" della "città eletta, del popolo eletto. Non aveva tempo per aprirgli la porta! Era troppa indaffarata, troppo soddisfatta di se stessa".

"Gerusalemme - ha spiegato il Papa - si sentiva contenta, tranquilla con la sua vita e non aveva bisogno del Signore: non se ne era accorta che aveva bisogno di salvezza. E per questo ha chiuso il suo cuore davanti al Signore". "Il pianto di Gesù" su Gerusalemme è "il pianto sulla sua Chiesa, oggi, su di noi". "E perché Gerusalemme non aveva ricevuto il Signore? Perché era tranquilla con quello che aveva, non voleva problemi. Ma anche - lo dice il Signore nel Vangelo - 'se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che ti porta la pace. Non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata'. Aveva paura di essere visitata dal Signore; aveva paura della gratuità della visita del Signore. Era sicura nelle cose che lei poteva gestire. Noi siamo sicuri nelle cose che noi possiamo gestire... Ma la visita del Signore, le sue sorprese, noi non possiamo gestirle".

"E di questo aveva paura Gerusalemme: di essere salvata per la strada delle sorprese del Signore. Aveva paura del Signore, del suo Sposo, del suo Amato. E così Gesù piange. Quando il Signore visita il suo popolo, ci porta la gioia, ci porta la conversione. E tutti noi abbiamo paura non dell'allegria - no! - ma sì della gioia che porta il Signore, perché non possiamo controllarla. Abbiamo paura della conversione, perché convertirsi significa lasciare che il Signore ci conduca".

"Gerusalemme era tranquilla, contenta, il tempio funzionava. I sacerdoti facevano i sacrifici, la gente veniva in pellegrinaggio, i dottori della legge avevano sistemato tutto, tutto! Tutto chiaro! Tutti i comandamenti chiari... E con tutto questo Gerusalemme aveva la porta chiusa". La croce, "prezzo di quel rifiuto" ci mostra l'amore di Gesù, ciò che lo porta "a piangere anche oggi - tante volte - per la sua Chiesa".

"Io mi domando: oggi noi cristiani, che conosciamo la fede, il catechismo, che andiamo a Messa tutte le domeniche, noi cristiani, noi pastori siamo contenti di noi? Perché abbiamo tutto sistemato e non abbiamo bisogno di nuove visite del Signore... E il Signore continua a bussare alla porta, di ognuno di noi e della sua Chiesa, dei pastori della Chiesa. Eh sì, la porta del cuore nostro, della Chiesa, dei pastori non si apre: il Signore piange, anche oggi". "Pensiamo a noi - la domanda conclusiva del Papa - come stiamo in questo momento davanti a Dio?".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: l’Annunciazione, quando la storia dell’uomo è cambiata per sempre
20/12/2018 10:35
Papa: ‘fare Natale’ come vorrebbe Dio, aperti alle sue sorprese, lontani dal consumismo
19/12/2018 10:31
Papa: Essere aperti al "Dio delle sorprese", ai "segni dei tempi" e non chiudersi nelle proprie "cose"
13/10/2014
Papa: Il Cuore trafitto di Cristo infiammi il cuore di ogni presbitero
19/06/2009
Papa: ai giovani, siate "rivoluzionari", perché "i puri di cuore vedranno Dio"
17/02/2015