20/12/2014, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Patriarca caldeo: profughi cristiani, a Natale “non siete abbandonati e dimenticati”

di Joseph Mahmoud
Alla vigilia delle celebrazioni natalizie, Mar Sako rivolge un messaggio alla comunità cristiana in fuga dallo Stato islamico. È evidente la “preoccupazione” per la perdita della casa, del lavoro, ma resta viva “la speranza” per un futuro di “pace e convivenza”. Sua Beatitudine chiede di pregare per mantenere vivo il coraggio e ringrazia per gli aiuti.

Erbil (AsiaNews) - Rassicurare i profughi cristiani, la cui situazione "è ancora critica e tragica" perché non si intravede una "soluzione rapida" all'orizzonte, perchè essi "non sono abbandonati e soli", e non saranno dimenticati. È il messaggio che il patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako rivolge alla comunità cristiana irakena e, in particolare, ai profughi che hanno abbandonato le loro case in seguito all'avanzata delle milizie dello Stato islamico, per le imminenti festività di Natale. Nel documento, inviato ad AsiaNews, sua Beatitudine si rivolge ai fedeli di Mosul e della piana di Ninive, dove circa 500mila persone  sono fuggite in seguito all'avanzata islamista, che ha fondato un Califfato e imposto la sharia

Vivere in una piccola stanza o dentro a furgoni allestiti dalla Chiesa, sottolinea Mar Sako, non è facile da un punto di vista psicologico; nella comunità è evidente il sentimento di "preoccupazione" per le loro case e le città, per i posti di lavoro perduti e per un futuro oscuro per i loro figli. Il patriarca caldeo aggiunge però che "non siete abbandonati e soli", le vostre sofferenze "non sono dimenticate".

Sua beatitudine chiede "a tutti i nostri fratelli e sorelle" di pregare e mantenere vivo "il coraggio, la speranza e la fiducia in Dio Padre"; egli conferma il proposito di celebrare la messa di Natale in mezzo ai profughi, per esprimere così in modo concreto la vicinanza della Chiesa e la disponibilità nel prestare loro un aiuto continuo. 

Nel messaggio mar Sako ringrazia quanti, in Iraq e all'estero, come AsiaNews attraverso la propria campagna, continuano ad aiutare e manifestare solidarietà alla comunità cristiana irakena. Il cristianesimo deve continuare a rimanere in questa terra benedetta, aggiunge, perché esso è un "messaggio di amore e tolleranza, come Cristo ha insegnato". Vogliamo vivere in pace e sicurezza, afferma il patriarca caldeo, che ricorda "la nostra terra, la nostra storia, la nostra identità, che sono la nostra terra promessa". 

Egli rivolge anche un appello alla politica e alla classe dirigente, perché tuteli "i diritti di tutti gli irakeni" e garantisca loro "dignità e giustizia", che sono "il fondamento della pace". Un obiettivo da raggiungere "attraverso una corretta educazione" e la formazione di menti aperte, che operino per "la convivenza e il rispetto dei valori della diversità e dei diritti umani". Come disse il Signore a Maria, Mar Sako si rivolge ai fedeli invitandoli a non avere paura. In questo Natale rinnoviamo la fede in Dio e la fiducia negli uomini di buona volontà, conclude il patriarca, perché in un cuore colmo di dolore nasca "una nuova alba di speranza". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Patriarca caldeo: Natale, fonte di speranza per i cristiani irakeni "sfollati come Gesù"
27/12/2014
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Chiesa irakena: Natale, occasione di festa per costruire con i musulmani un Paese “migliore”
18/12/2015
Pasqua fra i profughi di Mosul (fotogallery)
07/04/2016 10:24