25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/05/2014, 00.00

    VATICANO-ISRAELE

    Papa a Shimon Peres: Io prego per lei e so che lei prega per me



    Nell'incontro fra papa Francesco e il presidente israeliano, la richiesta per un libero accesso ai Luoghi santi; per una pari dignità fra ebrei, cristiani e musulmani; per una piena cittadinanza dei cristiani (e delle altre comunità) nello Stato; per garantire il valore universale di Gerusalemme. Peres definisce il papa "una roccia contro ogni tentativo di legare la religione al terrorismo". L'incontro con i Gran rabbini d'Israele. Ebrei e cristiani devono approfondire il legame spirituale che li unisce.

    Gerusalemme (AsiaNews) - "Signor Presidente, lei sa che io prego per lei e so che lei prega per me": questa rivelazione di papa Francesco a Shimon Peres, aggiunta a braccio al testo preparato, dice il cuore del messaggio e della forza del papa argentino in questa visita difficilissima in Terra Santa. Tale forza è stata riconosciuta anche dal presidente Peres, che accogliendo oggi il pontefice nella sua residenza, ha sottolineato che la sua presenza ha il potere di radunare persone di differenti religioni e di ringiovanire il processo di pace. "Io credo - ha aggiunto - che la sua visita e l'appello alla pace produrrà un'eco in tutta la regione e contribuirà a rivitalizzare gli sforzi per completare il processo di pace fra noi e i palestinesi basato su due Stati che vivono in pace". Peres ha anche definito il papa "una roccia contro ogni tentativo di legare la religione al terrorismo".

    Nel discorso del papa non mancano indicazioni ai problemi che lo Stato d'Israele deve affrontare: il libero accesso ai Luoghi santi per pellegrini e residenti; la richiesta per i cristiani di essere cittadini a parte intera e di vedere rispettati i propri diritti (insieme a quelli delle altre comunità e religioni); il valore universale di Gerusalemme come "tesoro per tutta l'umanità".

    E mentre si fa garante del desiderio dei cristiani di "portare, a partire dalla propria identità, il loro contributo per il bene comune e per la costruzione della pace",  ad "essere artefici di riconciliazione e di concordia", domanda  vi sia "rispetto per la libertà e la dignità di ogni persona umana, che Ebrei, Cristiani e Musulmani credono ugualmente essere creata da Dio e destinata alla vita eterna", auspicando che "si evitino da parte di tutti iniziative e atti che contraddicono alla dichiarata volontà di giungere ad un vero accordo e che non ci si stanchi di perseguire la pace con determinazione e coerenza".

    In controluce si comprende l'accenno alla moltiplicazione delle colonie israeliane illegali nei Territori occupati e a Gerusalemme est, come pure le minacce alla sicurezza di Israele.

    Francesco condanna come contrari al desiderio di pace  "il ricorso alla violenza e al terrorismo", ma anche  "qualsiasi genere di discriminazione per motivi razziali o religiosi, la pretesa di imporre il proprio punto di vista a scapito dei diritti altrui, l'antisemitismo in tutte le sue possibili forme, così come la violenza o le manifestazioni di intolleranza contro persone o luoghi di culto ebrei, cristiani e musulmani".

    Dopo aver assicurato ancora una volta la sua "costante supplica a Dio", egli ha rivolto un pensiero a "tutti coloro che soffrono per le conseguenze delle crisi ancora aperte nella regione medio-orientale, perché al più presto vengano alleviate le loro pene mediante l'onorevole composizione dei conflitti". E ha salutato augurando "pace su Israele e in tutto il Medio Oriente! Shalom!".

    Prima dei discorsi, inframezzati da canti in ebraico, spagnolo e in napoletano - da parte di due cantanti e un corpo di bambini e bambine - il papa e Peres avevano piantato un ulivo nel giardino della residenza.

    In precedenza, Francesco aveva avuto un incontro con i Gran rabbini di Israele, quello askenazi Yona Metzger e il sefardita Shlomo Amar. Con essi e con altre personalità dell'ebraismo egli si è intrattenuto per circa mezz'ora, citando il salmo  133:  "Ecco quanto è dolce e quanto è soave che i fratelli vivano insieme!".

    Nel suo breve discorso, il pontefice ha ricordato l'amicizia da lui vissuta a Buenos Aires con "molti  fratelli ebrei", fra cui il rabbino Abraham Skoka, che lo accompagna in questa visita.

    Egli ha poi ricordato il cammino di dialogo fra il Gran Rabbinato d'Israele e la Commissione della Santa Sede per i rapporti religiosi con l'ebraismo, e ha suggerito alcune piste di impegno per cattolici ed ebrei Anzitutto quello di "interrogarci in profondità sul significato spirituale del legame che ci unisce", che non è solo una relazione "di reciproco rispetto". "Si tratta  - ha detto - di un legame che viene dall'alto, che sorpassa la nostra volontà e che rimane integro, nonostante tutte le difficoltà di rapporti purtroppo vissute nella storia".

    "Da parte cattolica  - ha aggiunto - vi è certamente l'intenzione di considerare appieno il senso delle radici ebraiche della propria fede. Confido, con il vostro aiuto, che anche da parte ebraica si mantenga, e se possibile si accresca, l'interesse per la conoscenza del cristianesimo, anche in questa terra benedetta in cui esso riconosce le proprie origini e specialmente tra le giovani generazioni".

    Ciò porterà a una maggiore collaborazione nella società: "Insieme potremo dare un grande contributo per la causa della pace; insieme potremo testimoniare, in un mondo in rapida trasformazione, il significato perenne del piano divino della creazione; insieme potremo contrastare con fermezza ogni forma di antisemitismo e le diverse altre forme di discriminazione". E ha concluso con il saluto "Shalom!", divenuto ormai il suo saluto finale in ogni incontro.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2014 VATICANO -TERRA SANTA
    Speranze e scetticismo per l'incontro del papa con Peres e Abbas in Vaticano
    L'incontro di preghiera (e non di mediazione politica) avverrà l'8 giugno. Oltre al papa, saranno presenti un rabbino e un imam. Per i palestinesi, la proposta rimette in luce le esigenze del loro popolo. Gli israeliani sono scettici perché i dialoghi diplomatici sponsorizzati dagli Usa sono falliti. Vi è chi ricorda l'efficacia della preghiera nella veglia per la Siria, lo scorso 7 settembre.

    07/06/2014 ORTODOSSI - VATICANO
    Bartolomeo: Cristiani uniti, veri catalizzatori della pace in Medio Oriente
    Il patriarca ecumenico arriva oggi a Roma per prendere parte all'incontro di preghiera con papa Francesco, Shimon Peres e Mahmoud Abbas. L'incontro di preghiera ha un significato più importante dei risultati immediati.

    28/09/2016 08:59:00 ISRAELE
    È morto Shimon Peres, un uomo di pace e di guerra

    Avea 93 anni. In gioventù è stato un “falco”. A lui si devono le forniture di armi ad Israele da Urss, Francia, Stati Uniti. È stato fautore delle prime colonie israeliane nei territori occupati. Due volte primo ministro, per sette anni presidente. Con Rabin e Arafat ha vinto il Premio Nobel per la pace nel 1994. Ha partecipato come “colomba” all’incontro di preghiera per la pace in Vaticano nel 2014. Gideon Levy: Peres è un uomo del “quasi”.



    30/09/2016 13:03:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, ai funerali di Peres storica stretta di mano fra Netanyahu e Abu Mazen

    Capi di Stato e di governo partecipano alle esequie dell’ex presidente israeliano. Per la prima volta dal 2010 Mahmud Abbas entra in Israele; dura la reazione di Hamas, che lancia una protesta. Presenti delegazioni di Egitto e Giordania. Il cordoglio di papa Francesco per la scomparsa di un “uomo di pace”. 



    28/09/2016 12:30:00 ISRAELE - PALESTINA
    Peres, personalità complessa che credeva in una pace funzionale alla sicurezza di Israele

    Il ricordo del leader scomparso tracciato da personalità politiche, ecclesiastiche e religiose di Israele e Palestina. Mons. Pizzaballa: ha colto il “valore della presenza cristiana” a livello locale e internazionale. Bernard Sabella: luci e ombre di un “diplomatico intelligente” che “non ha avuto successo”. Rabbino Milgram: “Ossessionato dalla sicurezza”.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®