3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2006
INDONESIA
A Jakarta la 43ma vittima di influenza aviaria

L'arcipelago indonesiano supera il Vietnam e diventa il Paese più colpito al mondo.



Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – L'Indonesia registra il suo 43mo decesso umano per influenza aviaria: superando il Vietnam, diventa il Paese più colpito al mondo dal letale virus H5N1. A confermare il caso è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Secondo i test locali, di solito accurati, è stata l'influenza dei polli ad uccidere ieri notte un ragazzo di 16 anni a Jakarta.

L'Indonesia ha registrato più morti di qualunque altra regione. In Vietnam, che fino a qualche settimana fa era al primo posto con 42 decessi, quest'anno non si è verificato nessun caso mortale.

L'ultima vittima indonesiana è un giovane di Belasi, periferia di Jakarta. Qui lo scorso 5 agosto era stato ricoverato al centro specializzato in influenza aviaria dell'ospedale Sulianti Saroso, ma le sue condizioni sono precipitate velocemente. Fonti del ministero della Sanità riferiscono che il ragazzo era stato a contatto con polli infetti prima di ammalarsi. Il contagio da volatili è la principale causa dell'influenza aviaria tra gli uomini. Si teme, però, che il virus possa mutare in una forma trasmissibile da uomo a uomo, generando una pandemia che minaccia milioni di vite. Secondo gli esperti dell'Oms, proprio l'Indonesia potrebbe già essere stata teatro di un contagio tra uomini a maggio scorso, quando sono morti 7 membri della stessa famiglia. In quel caso l'H5N1, però, non aveva mostrato particolari mutazioni.

L'Indonesia è da tempo criticata per non adottare misure adeguate a combattere l'epidemia: ad esempio si è mostrata riluttante ad abbattere gli allevamenti di polli infetti, tecnica dimostratasi efficace in altri Paesi. Jakarta si difende spiegando di non avere a disposizione abbastanza denaro per risarcire gli allevatori e chiede 900 milioni di dollari per combattere la malattia nei prossimi tre anni.

Dal 2003 più di 130 persone sono morte per l'influenza dei polli. La maggior parte dei casi mortali interessa il sud-est asiatico, ma il virus ha raggiunto anche Europa, Africa, Asia centrale e meridionale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/09/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: 52esima vittima in Indonesia
25/07/2005 INDONESIA
Indonesia: misure speciali contro l'influenza aviaria
di Matthias Hariyadi
21/08/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: in Indonesia muoiono madre e figlia
22/09/2005 INDONESIA
Influenza aviaria: muoiono 2 bambini, Indonesia nella paura
04/04/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: sono occorsi 9 mesi per confermare un contagio in Indonesia

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate