25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/08/2006, 00.00

    INDONESIA

    A Jakarta la 43ma vittima di influenza aviaria



    L'arcipelago indonesiano supera il Vietnam e diventa il Paese più colpito al mondo.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – L'Indonesia registra il suo 43mo decesso umano per influenza aviaria: superando il Vietnam, diventa il Paese più colpito al mondo dal letale virus H5N1. A confermare il caso è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Secondo i test locali, di solito accurati, è stata l'influenza dei polli ad uccidere ieri notte un ragazzo di 16 anni a Jakarta.

    L'Indonesia ha registrato più morti di qualunque altra regione. In Vietnam, che fino a qualche settimana fa era al primo posto con 42 decessi, quest'anno non si è verificato nessun caso mortale.

    L'ultima vittima indonesiana è un giovane di Belasi, periferia di Jakarta. Qui lo scorso 5 agosto era stato ricoverato al centro specializzato in influenza aviaria dell'ospedale Sulianti Saroso, ma le sue condizioni sono precipitate velocemente. Fonti del ministero della Sanità riferiscono che il ragazzo era stato a contatto con polli infetti prima di ammalarsi. Il contagio da volatili è la principale causa dell'influenza aviaria tra gli uomini. Si teme, però, che il virus possa mutare in una forma trasmissibile da uomo a uomo, generando una pandemia che minaccia milioni di vite. Secondo gli esperti dell'Oms, proprio l'Indonesia potrebbe già essere stata teatro di un contagio tra uomini a maggio scorso, quando sono morti 7 membri della stessa famiglia. In quel caso l'H5N1, però, non aveva mostrato particolari mutazioni.

    L'Indonesia è da tempo criticata per non adottare misure adeguate a combattere l'epidemia: ad esempio si è mostrata riluttante ad abbattere gli allevamenti di polli infetti, tecnica dimostratasi efficace in altri Paesi. Jakarta si difende spiegando di non avere a disposizione abbastanza denaro per risarcire gli allevatori e chiede 900 milioni di dollari per combattere la malattia nei prossimi tre anni.

    Dal 2003 più di 130 persone sono morte per l'influenza dei polli. La maggior parte dei casi mortali interessa il sud-est asiatico, ma il virus ha raggiunto anche Europa, Africa, Asia centrale e meridionale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/09/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: 52esima vittima in Indonesia

    È un ragazzo della provincia di West Java. Aumentano i timori per un contagio da uomo a uomo: il fratello è morto 4 giorni fa con sintomi del virus H5N1, ma non è stato possibile analizzare il suo sangue.



    25/07/2005 INDONESIA
    Indonesia: misure speciali contro l'influenza aviaria
    Ma il governo non ha fondi sufficienti per condurre soppressioni di massa tra il pollame a rischio.

    21/08/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: in Indonesia muoiono madre e figlia

    Timore di un contagio diretto, anche se manca la conferma che pure la figlia avesse il virus. In un villaggio almeno 12 persone ammalate in poche settimane.



    22/09/2005 INDONESIA
    Influenza aviaria: muoiono 2 bambini, Indonesia nella paura


    04/04/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: sono occorsi 9 mesi per confermare un contagio in Indonesia

    Per una bambina di 8 anni, deceduta a luglio, la conferma arriva solo ieri. Cresce il timore che i casi di contagio siano più numerosi di quelli ufficiali.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®