26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/05/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    A Sheshan e in tutta la Cina si prega per l’unità e le vocazioni sacerdotali

    Zhen Yuan

    Nella Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta da Benedetto XVI, cattolici ufficiali e sotterranei pregano per una maggiore unione fra le comunità e per una presta soluzione al rapporto fra Cina e Vaticano. Ancora di più, chiedono forza per i giovani vescovi e per i fedeli per evangelizzare il continente, sempre più assetato di Dio.
    Shanghai (AsiaNews) – Quest’oggi, nella festa di Nostra Signora Aiuto dei cristiani, i cattolici cinesi hanno pregato per la Chiesa in Cina, secondo l’indicazione che Benedetto XVI ha dato nella sua Lettera del 2007, di celebrare una Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina il 24 maggio, giorno della festa di Nostra Signora di Sheshan (Shanghai).
     
    Questa mattina, a Sheshan, mons. Giuseppe Xing Wenzhi, ausiliare di Shanghai, ha guidato una processione dalla chiesa a metà collina, fino alla basilica sulla cima, dove ha celebrato una messa. Mons. Xing era insieme a altri 3 mila cattolici per pregare per tutti i sacerdoti e per i cattolici della Cina, come anche per le vittime dei disastri e per l’Expo, che è tuttora in corso nella grande metropoli.
    P. Li Fangyuan, rettore della basilica di Sheshan ha confermato oggi ad AsiaNews di aver celebrato stamattina alle 6.30 una messa con preghiera per la Cina, sperando di vedere “una via d’uscita” per le relazioni intracclesiali.
     
    A Xiamen (Fujian) , il neo-vescovo mons. Cai Bingrui ha dichiarato che tutti i suoi sacerdoti hanno pregato nelle messe per la Chiesa in Cina. “Sono ottimista – afferma -
    sulla Chiesa in Cina, perché è benedetta” da questa decisione del papa di designare una Giornata speciale per pregare con questa intenzione. “Oltretutto – continua – ho molta devozione verso Nostra Signora di Sheshan. Io ho studiato nel seminario teologico di Sheshan e come seminaristi siamo andati spesso a pregare in basilica, aiutando anche i pellegrini durante i mesi dei pellegrinaggi”.
     
    Nella Cina centrale, Teresa, una cattolica laica, ha dichiarato ad AsiaNews che lei continua a pregare perché i vescovi della Cina – dei quali molti sono giovani e nuovi – possano essere forti.
     
    Nel nord ovest del Paese, p. Joseph, un sacerdote sotterraneo, ha detto che questa mattina i suoi sacerdoti hanno pregato con altri cattolici della Chiesa non ufficiale, In alcuni casi è seguita l’adorazione e la benedizione con Santissimo Sacramento. Alcuni hanno tentato di andare in pellegrinaggio a Sheshan, nonostante il grande numero di controlli per la sicurezza e il traffico.
     
    Personalmente, p. Joseph ha pregato per l’unità fra le divise comunità cristiane in Cina e per una vicina normalizzazione dei rapporti fra Cina e Vaticano, oltre che per la crescita di vocazioni sacerdotali in numero e in qualità.
     
    P. Pietro di Zhengding (Hebei), anch’egli sacerdote sotterraneo, ha pregato per l’unità della Chiesa e per l’evangelizzazione della Cina, ma anche per il ritorno del suo vescovo, mons. Giulio Jia Zhiguo, che è scomparso nelle mani della polizia da mesi.
     
    “Per me – confida - la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta dal santo Padre, è un modo per donarci un sostegno spirituale”. Anche un seminarista Giovanni dell’Hebei ha detto che l’intenzione più forte per oggi è l’unità della Chiesa e una “maggiore comprensione, e non divisione, fra le comunità”.
     
    Mons. Han Zhihai di Lanzhou (Gansu), ha molta fede nella Madre che aiuta e protegge la Chiesa in Cina. Egli ha pregato perché la Chiesa in Cina “abbia più libertà, più vocazioni sacerdotali e ci siano presto miglioramenti nei rapporti fra Cina e Vaticano”.
     
    Proprio ieri mons. Han ha amministrato la cresima a 130 adulti e ragazzi. Altri 400 cattolici in altre parrocchie aspettano di ricevere il sacramento in questi giorni.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/05/2010 CINA – VATICANO
    Nostra Signora di Sheshan, la persecuzione e la divisione
    I cattolici cinesi, in patria e del mondo, hanno pregato per la Chiesa in Cina, secondo l’intenzione di Benedetto XVI nella lettera del giugno 2007. Il santuario mariano è luogo di incontro fra cristiani sotterranei e ufficiali; il governo continua a proibire i pellegrinaggi. Unità nella verità per la Chiesa in Cina e nei rapporti fra Pechino e il Vaticano.

    24/05/2016 12:20:00 CINA-VATICANO
    Almeno 20mila cattolici pregano a Sheshan per la Chiesa in Cina

    Nel mese di Maggio vi sono stati pellegrinaggi anche da Ningbo e Taiyuan. Molto diffusi i gruppi web di preghiera. Assente mons. Taddeo Ma Daqin, agli arresti domiciliari dal 2012. Il pellegrinaggio solenne della diocesi di Shanghai.



    24/05/2008 CINA - VATICANO
    Anche nella persecuzione, preghiamo la Madonna di Sheshan
    Un cattolico cinese della Chiesa sotterranea invia ad AsiaNews il suo messaggio in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. In esso sottolinea la preghiera dei fedeli in comunione con il Papa, pur fra fatiche e repressioni, e si augura di poter presto testimoniare una vera unità della Chiesa con il pontefice.

    23/05/2011 VATICANO - CINA
    Sheshan: la guerra di Pechino e la “guerra” del Papa
    Ogni anno il santuario di Sheshan è trasformato in un campo di battaglia: poliziotti, controlli, telecamere, metal detector, per sconfiggere l’appello del papa all’unità della Chiesa in Cina, nella Giornata mondiale di preghiera per i cattolici cinesi. Lager, arresti domiciliari, divieti non frenano la preghiera anche nelle prigioni. I tentativi di dividere la Chiesa e la nostra solidarietà.

    26/05/2011 CINA - VATICANO
    Migliaia di fedeli a Sheshan, nonostante i divieti
    Oltre a fedeli di Shanghai, presenti anche cattolici dalle diocesi di Wenzhou e di Yongnian. Assenti i cattolici sotterranei di Shanghai. Silenzio sull’accoglienza in Vaticano della causa di beatificazione per Paolo Xu Guangqi, convertito ai tempi di Matteo Ricci. Mons. Xing: Attendere con Maria la piena comunione della Chiesa.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®