4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/05/2010
CINA - VATICANO
A Sheshan e in tutta la Cina si prega per l’unità e le vocazioni sacerdotali
di Zhen Yuan
Nella Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta da Benedetto XVI, cattolici ufficiali e sotterranei pregano per una maggiore unione fra le comunità e per una presta soluzione al rapporto fra Cina e Vaticano. Ancora di più, chiedono forza per i giovani vescovi e per i fedeli per evangelizzare il continente, sempre più assetato di Dio.

Shanghai (AsiaNews) – Quest’oggi, nella festa di Nostra Signora Aiuto dei cristiani, i cattolici cinesi hanno pregato per la Chiesa in Cina, secondo l’indicazione che Benedetto XVI ha dato nella sua Lettera del 2007, di celebrare una Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina il 24 maggio, giorno della festa di Nostra Signora di Sheshan (Shanghai).
 
Questa mattina, a Sheshan, mons. Giuseppe Xing Wenzhi, ausiliare di Shanghai, ha guidato una processione dalla chiesa a metà collina, fino alla basilica sulla cima, dove ha celebrato una messa. Mons. Xing era insieme a altri 3 mila cattolici per pregare per tutti i sacerdoti e per i cattolici della Cina, come anche per le vittime dei disastri e per l’Expo, che è tuttora in corso nella grande metropoli.
P. Li Fangyuan, rettore della basilica di Sheshan ha confermato oggi ad AsiaNews di aver celebrato stamattina alle 6.30 una messa con preghiera per la Cina, sperando di vedere “una via d’uscita” per le relazioni intracclesiali.
 
A Xiamen (Fujian) , il neo-vescovo mons. Cai Bingrui ha dichiarato che tutti i suoi sacerdoti hanno pregato nelle messe per la Chiesa in Cina. “Sono ottimista – afferma -
sulla Chiesa in Cina, perché è benedetta” da questa decisione del papa di designare una Giornata speciale per pregare con questa intenzione. “Oltretutto – continua – ho molta devozione verso Nostra Signora di Sheshan. Io ho studiato nel seminario teologico di Sheshan e come seminaristi siamo andati spesso a pregare in basilica, aiutando anche i pellegrini durante i mesi dei pellegrinaggi”.
 
Nella Cina centrale, Teresa, una cattolica laica, ha dichiarato ad AsiaNews che lei continua a pregare perché i vescovi della Cina – dei quali molti sono giovani e nuovi – possano essere forti.
 
Nel nord ovest del Paese, p. Joseph, un sacerdote sotterraneo, ha detto che questa mattina i suoi sacerdoti hanno pregato con altri cattolici della Chiesa non ufficiale, In alcuni casi è seguita l’adorazione e la benedizione con Santissimo Sacramento. Alcuni hanno tentato di andare in pellegrinaggio a Sheshan, nonostante il grande numero di controlli per la sicurezza e il traffico.
 
Personalmente, p. Joseph ha pregato per l’unità fra le divise comunità cristiane in Cina e per una vicina normalizzazione dei rapporti fra Cina e Vaticano, oltre che per la crescita di vocazioni sacerdotali in numero e in qualità.
 
P. Pietro di Zhengding (Hebei), anch’egli sacerdote sotterraneo, ha pregato per l’unità della Chiesa e per l’evangelizzazione della Cina, ma anche per il ritorno del suo vescovo, mons. Giulio Jia Zhiguo, che è scomparso nelle mani della polizia da mesi.
 
“Per me – confida - la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta dal santo Padre, è un modo per donarci un sostegno spirituale”. Anche un seminarista Giovanni dell’Hebei ha detto che l’intenzione più forte per oggi è l’unità della Chiesa e una “maggiore comprensione, e non divisione, fra le comunità”.
 
Mons. Han Zhihai di Lanzhou (Gansu), ha molta fede nella Madre che aiuta e protegge la Chiesa in Cina. Egli ha pregato perché la Chiesa in Cina “abbia più libertà, più vocazioni sacerdotali e ci siano presto miglioramenti nei rapporti fra Cina e Vaticano”.
 
Proprio ieri mons. Han ha amministrato la cresima a 130 adulti e ragazzi. Altri 400 cattolici in altre parrocchie aspettano di ricevere il sacramento in questi giorni.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/05/2010 CINA – VATICANO
Nostra Signora di Sheshan, la persecuzione e la divisione
di Bernardo Cervellera
24/05/2008 CINA - VATICANO
Anche nella persecuzione, preghiamo la Madonna di Sheshan
di Wang Zhicheng
23/05/2011 VATICANO - CINA
Sheshan: la guerra di Pechino e la “guerra” del Papa
di Bernardo Cervellera
26/05/2011 CINA - VATICANO
Migliaia di fedeli a Sheshan, nonostante i divieti
di Wang Zhicheng
25/05/2009 CINA – VATICANO
Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate