22 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/05/2010
CINA - VATICANO
A Sheshan e in tutta la Cina si prega per l’unità e le vocazioni sacerdotali
di Zhen Yuan
Nella Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta da Benedetto XVI, cattolici ufficiali e sotterranei pregano per una maggiore unione fra le comunità e per una presta soluzione al rapporto fra Cina e Vaticano. Ancora di più, chiedono forza per i giovani vescovi e per i fedeli per evangelizzare il continente, sempre più assetato di Dio.

Shanghai (AsiaNews) – Quest’oggi, nella festa di Nostra Signora Aiuto dei cristiani, i cattolici cinesi hanno pregato per la Chiesa in Cina, secondo l’indicazione che Benedetto XVI ha dato nella sua Lettera del 2007, di celebrare una Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina il 24 maggio, giorno della festa di Nostra Signora di Sheshan (Shanghai).
 
Questa mattina, a Sheshan, mons. Giuseppe Xing Wenzhi, ausiliare di Shanghai, ha guidato una processione dalla chiesa a metà collina, fino alla basilica sulla cima, dove ha celebrato una messa. Mons. Xing era insieme a altri 3 mila cattolici per pregare per tutti i sacerdoti e per i cattolici della Cina, come anche per le vittime dei disastri e per l’Expo, che è tuttora in corso nella grande metropoli.
P. Li Fangyuan, rettore della basilica di Sheshan ha confermato oggi ad AsiaNews di aver celebrato stamattina alle 6.30 una messa con preghiera per la Cina, sperando di vedere “una via d’uscita” per le relazioni intracclesiali.
 
A Xiamen (Fujian) , il neo-vescovo mons. Cai Bingrui ha dichiarato che tutti i suoi sacerdoti hanno pregato nelle messe per la Chiesa in Cina. “Sono ottimista – afferma -
sulla Chiesa in Cina, perché è benedetta” da questa decisione del papa di designare una Giornata speciale per pregare con questa intenzione. “Oltretutto – continua – ho molta devozione verso Nostra Signora di Sheshan. Io ho studiato nel seminario teologico di Sheshan e come seminaristi siamo andati spesso a pregare in basilica, aiutando anche i pellegrini durante i mesi dei pellegrinaggi”.
 
Nella Cina centrale, Teresa, una cattolica laica, ha dichiarato ad AsiaNews che lei continua a pregare perché i vescovi della Cina – dei quali molti sono giovani e nuovi – possano essere forti.
 
Nel nord ovest del Paese, p. Joseph, un sacerdote sotterraneo, ha detto che questa mattina i suoi sacerdoti hanno pregato con altri cattolici della Chiesa non ufficiale, In alcuni casi è seguita l’adorazione e la benedizione con Santissimo Sacramento. Alcuni hanno tentato di andare in pellegrinaggio a Sheshan, nonostante il grande numero di controlli per la sicurezza e il traffico.
 
Personalmente, p. Joseph ha pregato per l’unità fra le divise comunità cristiane in Cina e per una vicina normalizzazione dei rapporti fra Cina e Vaticano, oltre che per la crescita di vocazioni sacerdotali in numero e in qualità.
 
P. Pietro di Zhengding (Hebei), anch’egli sacerdote sotterraneo, ha pregato per l’unità della Chiesa e per l’evangelizzazione della Cina, ma anche per il ritorno del suo vescovo, mons. Giulio Jia Zhiguo, che è scomparso nelle mani della polizia da mesi.
 
“Per me – confida - la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina, voluta dal santo Padre, è un modo per donarci un sostegno spirituale”. Anche un seminarista Giovanni dell’Hebei ha detto che l’intenzione più forte per oggi è l’unità della Chiesa e una “maggiore comprensione, e non divisione, fra le comunità”.
 
Mons. Han Zhihai di Lanzhou (Gansu), ha molta fede nella Madre che aiuta e protegge la Chiesa in Cina. Egli ha pregato perché la Chiesa in Cina “abbia più libertà, più vocazioni sacerdotali e ci siano presto miglioramenti nei rapporti fra Cina e Vaticano”.
 
Proprio ieri mons. Han ha amministrato la cresima a 130 adulti e ragazzi. Altri 400 cattolici in altre parrocchie aspettano di ricevere il sacramento in questi giorni.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/05/2010 CINA – VATICANO
Nostra Signora di Sheshan, la persecuzione e la divisione
di Bernardo Cervellera
24/05/2008 CINA - VATICANO
Anche nella persecuzione, preghiamo la Madonna di Sheshan
di Wang Zhicheng
23/05/2011 VATICANO - CINA
Sheshan: la guerra di Pechino e la “guerra” del Papa
di Bernardo Cervellera
26/05/2011 CINA - VATICANO
Migliaia di fedeli a Sheshan, nonostante i divieti
di Wang Zhicheng
25/05/2009 CINA – VATICANO
Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate