2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/05/2012
CINA - VATICANO
A Sheshan sono benvenuti i turisti, ma non i pellegrini
di Bernardo Cervellera
I cattolici di tutta la Cina "consigliati" di rimanere a casa in occasione della Giornata di preghiera voluta dal papa. Solo ai fedeli di Shanghai è concesso di celebrare la messa il 24 maggio. Le questioni di "sicurezza" e il cambio della leadership. Ma intanto, il China Daily fa pubblicità per le gite a Sheshan per vedere l'osservatorio, gustare la cucina, incontrare specie animali protette, visitare i campi da golf. Proibito pregare la "Salve Regina".

Roma (AsiaNews) - Per la festa della Madonna di Sheshan, il prossimo 24 maggio, i pellegrini cinesi non sono benvenuti, anzi è consigliato loro di starsene a casa. Ma  sui giornali statali si moltiplicano gli inviti ai turisti per visitare vicino a Shanghai la fauna protetta, l'osservatorio astronomico e il golf club.

Fra due giorni i cattolici cinesi celebrano la festa di Maria aiuto dei cristiani, venerata nel santuario di Sheshan. La chiesa costruita nel XIX secolo e benedetta come santuario nazionale, si staglia in cima a una collina piena di vegetazione e di alberi rari, a circa 40 km a sudovest di Shanghai. Nelle vicinanze del santuario vi è pure un osservatorio astronomico sorto per opera dei gesuiti agli inizi del '900 e in seguito nazionalizzato.

Per decenni centinaia di migliaia di cattolici, anche nei periodi più bui della persecuzione, sono giunti da tutta la Cina per chiedere grazie e pregare Maria, Regina della Cina. La devozione a Maria è stata anche importante per mantenere uniti i cristiani, tentati dalla separazione reciproca.

Contro il Papa

Nel giugno 2007, Benedetto XVI, nella sua Lettera a i cattolici cinesi, ha istituito la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, facendola coincidere con la festa della Madonna di Sheshan. Per l'occasione, il papa ha anche composto una speciale preghiera e ha chiesto a tutti i cattolici del mondo di organizzare per quel giorno momenti di preghiera affinché si rafforzi l'unità fra cristiani sotterranei e ufficiali e la comunione col successore di Pietro, chiedendo anche al Signore la forza di perseverare nella testimonianza cristiana, pur fra le sofferenze della persecuzione.

Ma dal 2008, la prima volta della celebrazione della Giornata, è divenuto impossibile per i cristiani giungere a Sheshan il 24 maggio: si permette solo ai fedeli di Shanghai di raggiungere il santuario e si bloccano gli altri pellegrini ancora prima che giungano nella città. Poliziotti in borghese e in divisa, metal-detector, telecamere, divieto di sostare e di fare picnic, come se a Sheshan si aspettasse un attacco terroristico. I motivi ufficiali sono "la sicurezza": nel 2008 a causa delle Olimpiadi, è stato proibito a tutti i fedeli delle diocesi della Cina (esclusa Shanghai) di andare a Sheshan; nel 2010 la causa era l'Expo della grande città costiera; nel 2011, la tensione causata dalle ordinazioni illecite... Insomma, vi sono tante ragioni, che si assommano a quella fondamentale: eliminare un gesto semplice di obbedienza al papa e di unità per la Chiesa cinese.

Pellegrinaggi locali

Anche quest'anno il 24 maggio solo ai fedeli della diocesi di Shanghai sarà possibile arrivare al santuario. "Il clima politico è molto pesante - racconta p. Wang, un sacerdote della Cina centrale ad AsiaNews - e vi sono molte tensioni politiche". Per l'ottobre prossimo ci si attende il cambiamento al vertice del Partito e dello Stato, con il passaggio di consegne da Hu Jintao e Wen Jiabao ai leader della Quinta generazione. Ma vi sono segni di una lotta strisciante fra le diverse anime del Partito, specie fra quella liberale e la neo-maoista.

P. Wang conferma che anche quest'anno la sua diocesi e quelle vicine organizzano solo pellegrinaggi ai santuari locali. "Se qualcuno voleva andare a Sheshan, ci è andato prima dell'inizio del mese di maggio, o ci andrà dopo, ma certo non in questo mese e assolutamente non il 24 maggio".

"In più - egli fa notare - molte persone, soprattutto giovani, a causa della crisi economica, non possono affrontare una grossa spesa come quella del pellegrinaggio".

Per la diocesi di Shanghai, invece, sarà possibile proprio il 24 maggio effettuare il pellegrinaggio dalla chiesetta a metà collina, fino alla basilica in cima. Lì, mons. Ma Daqin, vicario generale, celebrerà la messa solenne. Il vescovo della diocesi, mons. Aloysius Jin Luxian, 93 anni, pur alla sua veneranda età, ha già celebrato la messa al santuario il 1° maggio, aprendo le celebrazioni del mese mariano,  e il 14. "Per i fedeli di Shanghai - spiega un sacerdote - tutti i weekend di maggio sono buoni per venire al santuario. Il 24 è un giorno feriale ed è impossibile lasciare il lavoro. Tutti gli altri cattolici in Cina sono sconsigliati con forza a venire in maggio a Sheshan, anche se poi, individualmente, qualcuno riesce a intrufolarsi".

Il China Daily e il turismo a Sheshan

La "sicurezza" e le "tensioni politiche" sembrano però non preoccupare il China Daily, il quotidiano in inglese del Partito, che proprio in questi giorni sta pubblicando una serie di articoli dedicati al turismo a Sheshan. In essi si spinge il lettore a fare visita alla collina, dove si trovano specie animali protette, come il pangolino e il cane procione, e molti uccelli rari.

Un altro articolo è dedicato all'osservatorio astronomico, che entro la fine di quest'anno avrà ha un radio telescopio di 65metri di apertura, capace di captare "voci e messaggi dalla Via Lattea". Infine, vi sono articoli elogiativi della cucina locale e dei paradisiaci campi da golf. Non una parola, invece, alla Madonna e ai pellegrini.

Durante il periodo del maoismo, era proibito recitare la preghiera del "Salve Regina": i comunisti non accettavano la definizione della terra come "valle di lacrime". Una cattolica cinese mi ha raccontato che una Guardia Rossa l'aveva minacciata: "La Cina sotto il presidente Mao è un paradiso: come puoi chiamarla una 'valle di lacrime'?".  I tempi sono passati; la Cina è divenuta un 'paradiso dei ricchi', ma è sempre proibito piangere "nella valle di lacrime", soprattutto se vicino alla Madonna vi è il Golf Course di Sheshan.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2008 CINA - VATICANO
Anche nella persecuzione, preghiamo la Madonna di Sheshan
di Wang Zhicheng
23/05/2011 CINA - VATICANO
Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina: Sheshan sotto controllo; sacerdoti arrestati
di Jian Mei
18/05/2011 CINA - VATICANO
Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina: proibita ai cattolici di Shanghai
25/05/2010 CINA – VATICANO
Nostra Signora di Sheshan, la persecuzione e la divisione
di Bernardo Cervellera
24/05/2010 CINA - VATICANO
A Sheshan e in tutta la Cina si prega per l’unità e le vocazioni sacerdotali
di Zhen Yuan

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate