07/04/2021, 09.06
GIAPPONE
Invia ad un amico

A Tokyo apre un supermercato 'robotico' (con tecnologia cinese)

Non avrà cassieri: telecamere e sensori individueranno i clienti e addebiteranno in automatico il costo dell’acquisto. Amazon ha già lanciato negozi “digitali”: quello della compagnia nipponica Daiei sarà più conveniente. Nessun impatto negativo sull’occupazione nazionale.

Tokyo (AsiaNews) – La catena di supermercati Daiei aprirà nella capitale il magazzino senza personale, più conveniente tra quelli esistenti. Lo rivela Nikkei, sottolineando che il negozio sarà inaugurato quest’estate in collaborazione con la startup cinese Cloudpick: nelle intenzioni del gruppo nipponico Aeon, proprietario del marchio Daiei, esso dovrebbe essere il primo di una serie.

Nel “supermercato digitale” il personale sistemerà i prodotti sugli scaffali, ma non vi saranno cassieri. La struttura sarà dotata di telecamere e sensori che individueranno cosa il compratore prende e addebiteranno poi il relativo costo.

Questi sistemi basati sull’intelligenza artificiale e il riconoscimento facciale sono usati già nei negozi Amazon.com e Amazon Go in Cina e negli Usa. La peculiarità di Daiei è che lancerà supermercati “intelligenti” con costi più bassi della concorrenza. Il loro costo di avviamento si aggira sui 30 milioni di yen per 100mq: più o meno la spesa per aprire un negozio tradizionale con personale. Un magazzino Amazon costa però tra i 150 e i 200 milioni di yen per 200mq. Il grossista giapponese punta a risparmiare usando meno sensori.

Per migliorare l’offerta, i nuovi supermercati Daiei raccoglieranno dati dei propri clienti. In questo saranno aiutati da Cloudpick, che fornisce tecnologia a 130 negozi automatizzati in 11 Paesi. Il ricorso alla robotica e ai nuovi strumenti hi-tech è considerato necessario per migliorare la produttività di un dato settore.

Tale trend rischia però di ridurre le opportunità di occupazione umana. In Giappone non sembra un problema: malgrado gli effetti negativi della pandemia, nel Paese vi è un eccesso di posti di lavoro disponibili, fenomeno dovuto in larga parte al costante invecchiamento della popolazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tokyo, negli hotel falliscono i robot e tornano gli umani
19/01/2019 08:45
Il robot-monaco buddista canta e suona il tamburo ai funerali
24/08/2017 10:54
Rabbino argentino: l’intelligenza viene da Dio, non dalle macchine
27/02/2019 12:15
Nuove tecnologie: il 72% dei laureati thai a rischio disoccupazione entro il 2030
13/09/2018 10:30
Intelligenza artificiale: ‘Serve un accordo mondiale contro i pericoli’
29/01/2021 14:40