28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/03/2017, 09.20

    INDONESIA

    A Yogyakarta la prossima Giornata della gioventù asiatica: in arrivo giovani da 29 Paesi

    Mathias Hariyadi

    Il pluralismo della società indonesiana ha ispirato il tema dell’evento. La Chiesa cattolica in Asia nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. Mons. Suharyo: “Tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità”. Mons. Prapdi: “La diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo”.

    Jakarta (AsiaNews) – Tremila giovani provenienti da 29 Paesi dell’Asia prenderanno parte alla 7ma Giornata della gioventù asiatica 2017, che si terrà dal 30 luglio al 6 agosto a Yogyakarta (Java centrale), Indonesia. L’edizione indonesiana dell’appuntamento per i giovani cattolici asiatici avrà come argomento centrale la  diffusione dello spirito del pluralismo, espresso dal tema: “Gioisci, gioventù asiatica! Vivere il Vangelo nell’Asia multiculturale”.

    La Chiesa cattolica in Asia vive e testimonia la propria fede nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. L'Indonesia è il luogo in cui tale diversità esiste anche nella società. L’adozione e la difesa del concetto di “unità nella diversità” è divenuto infatti il fondamento della nazione indonesiana.

    Mons. Pius Riana Prapdi, presidente della Commissione per i giovani della Conferenza episcopale indonesiana (KomKep Kwi) racconta ad AsiaNews come il tema della 7ma Giornata della gioventù asiatica sia stato scelto di comune accordo con la Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc).

    Per i partecipanti l’evento rappresenterà l’occasione di vivere l’esperienza quotidiana della Chiesa cattolica in Asia e in Indonesia: una società pluralista caratterizzata dalla diversità di lingue, culture, tradizioni e valori. I ragazzi che vi prenderanno parte avranno l’opportunità di rinnovare e rafforzare la propria fede di discepoli di Cristo e diventarne testimoni per il prossimo nei contesti sociali del continente asiatico.

    La Giornata della gioventù asiatica di Yogyakarta segue, a distanza di tre anni, quella tenutasi a Daejeon (Corea del Sud). Mons. Ignatius Suharyo, presidente della conferenza episcopale indonesiana (Kwi), spiega che tali eventi hanno il compito di dare un forte impulso al morale di tutti i giovani cattolici asiatici nel promuovere uno spirito di solidarietà e generare valori positivi, in quanto discepoli di Cristo e membri della Chiesa cattolica. “In qualità di ospiti – dichiara mons. Suharyo – speriamo che tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità” .

    Mons. Prapdi sottolinea che la diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo. Essa  deve essere difesa con serietà e custodita con cura. I commenti del vescovo sono in linea con i concetti espressi dalla componente più moderata della società indonesiana, che negli ultimi anni si è opposta alle attività dei gruppi musulmani radicali, che negano la realtà pluralista del Paese .

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/10/2014 COREA DEL SUD
    Corea, mons. Kim nuovo presidente dei vescovi. A mons. You la guida di Giustizia e Pace
    La Conferenza episcopale ha concluso l'Assemblea plenaria, convocata per eleggere i nuovi vertici dell'episcopato. L'arcivescovo di Gwangju scelto a larga maggioranza, il suo vice sarà mons. Chang. Al vescovo di Daejeon la Commissione più "sensibile". Per Cristo Re una raccolta fondi per i cristiani di Siria e Iraq.

    02/11/2015 INDONESIA
    Chiesa indonesiana: la famiglia, Vangelo di speranza per tutta la società
    Oggi inizia la Conferenza nazionale della Chiesa cattolica indonesiana (Sagki 2015) con a tema “la vocazione e la missione della famiglia nella società plurale”. Vescovi, sacerdoti e laici parleranno di problemi come il divorzio, i lavoratori migranti e i figli abbandonati. Arcivescovo di Jakarta: “La famiglia cattolica deve testimoniare una qualità della vita da cui tutti possono imprarare”.

    07/02/2017 11:37:00 INDONESIA
    Arcivescovo di Jakarta: al voto contro ogni estremismo e violenza

    Il 15 febbraio a Jakarta e in altri distretti e reggenze del Paese si vota per le Pilkada, le elezioni locali. Nel Paese si respira un clima di crescente tensione, esasperato da campagne e proteste promosse dall’ala estremista islamica. Nel mirino il governatore della capitale, perché cristiano. Mons. Suharyo: la Chiesa è apartitica, ma difende i valori fondanti dello Stato.

     



    28/07/2016 11:05:00 INDONESIA
    Arcivescovo di Jakarta: Siamo contrari alla pena di morte, preghiamo per i condannati

    Il governo sta preparando l’esecuzione di 14 prigionieri di più nazionalità, che sarà eseguita entro  tre giorni. Sono tutti accusati di spaccio o possesso di droga. Mons. Suharyo chiede ai fedeli preghiere speciali “affinché la pena capitale sia eliminata dal nostro sistema legale”. L’Unione Europea domanda la sospensione delle esecuzioni. India e Pakistan fanno appello per salvare la vita ai propri cittadini.

     



    14/09/2009 THAILANDIA
    La diocesi di Nakhon Sawan festeggia il suo nuovo vescovo
    Il 12 settembre oltre 5000 fedeli tra cui molti tribali della diocesi Nakhon Sawan hanno accolto mons. Joseph Phibun Visitnonthachai. Attraverso il motto “Dio è amore” egli ha ricordato loro l’esempio dell’amore di Cristo morto in croce per salvarci dai nostri peccati.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®