18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/03/2017, 09.20

    INDONESIA

    A Yogyakarta la prossima Giornata della gioventù asiatica: in arrivo giovani da 29 Paesi

    Mathias Hariyadi

    Il pluralismo della società indonesiana ha ispirato il tema dell’evento. La Chiesa cattolica in Asia nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. Mons. Suharyo: “Tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità”. Mons. Prapdi: “La diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo”.

    Jakarta (AsiaNews) – Tremila giovani provenienti da 29 Paesi dell’Asia prenderanno parte alla 7ma Giornata della gioventù asiatica 2017, che si terrà dal 30 luglio al 6 agosto a Yogyakarta (Java centrale), Indonesia. L’edizione indonesiana dell’appuntamento per i giovani cattolici asiatici avrà come argomento centrale la  diffusione dello spirito del pluralismo, espresso dal tema: “Gioisci, gioventù asiatica! Vivere il Vangelo nell’Asia multiculturale”.

    La Chiesa cattolica in Asia vive e testimonia la propria fede nella vasta varietà di etnie, lingue e culture. L'Indonesia è il luogo in cui tale diversità esiste anche nella società. L’adozione e la difesa del concetto di “unità nella diversità” è divenuto infatti il fondamento della nazione indonesiana.

    Mons. Pius Riana Prapdi, presidente della Commissione per i giovani della Conferenza episcopale indonesiana (KomKep Kwi) racconta ad AsiaNews come il tema della 7ma Giornata della gioventù asiatica sia stato scelto di comune accordo con la Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc).

    Per i partecipanti l’evento rappresenterà l’occasione di vivere l’esperienza quotidiana della Chiesa cattolica in Asia e in Indonesia: una società pluralista caratterizzata dalla diversità di lingue, culture, tradizioni e valori. I ragazzi che vi prenderanno parte avranno l’opportunità di rinnovare e rafforzare la propria fede di discepoli di Cristo e diventarne testimoni per il prossimo nei contesti sociali del continente asiatico.

    La Giornata della gioventù asiatica di Yogyakarta segue, a distanza di tre anni, quella tenutasi a Daejeon (Corea del Sud). Mons. Ignatius Suharyo, presidente della conferenza episcopale indonesiana (Kwi), spiega che tali eventi hanno il compito di dare un forte impulso al morale di tutti i giovani cattolici asiatici nel promuovere uno spirito di solidarietà e generare valori positivi, in quanto discepoli di Cristo e membri della Chiesa cattolica. “In qualità di ospiti – dichiara mons. Suharyo – speriamo che tutti i partecipanti capiscano a fondo l’importanza del concetto di unità nella diversità” .

    Mons. Prapdi sottolinea che la diversità è un bene sociale e culturale senza prezzo. Essa  deve essere difesa con serietà e custodita con cura. I commenti del vescovo sono in linea con i concetti espressi dalla componente più moderata della società indonesiana, che negli ultimi anni si è opposta alle attività dei gruppi musulmani radicali, che negano la realtà pluralista del Paese .

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/05/2017 08:42:00 INDONESIA
    Chiesa indonesiana per il dialogo: oltre 5mila ragazzi alla Joyful Run

    All’evento sportivo hanno partecipato giovani provenienti da religioni, comunità e classi sociali differenti. Raccolto con entusiasmo l’invito ad abbracciare lo spirito di unità e a difendere il pluralismo. Mons. Pius Riana Prapdi: “Celebrare le differenze nella società significa celebrare la nazione”. La festa è una forte risposta all'attuale situazione socio-politica in Indonesia. p. Antonius Haryanto: “Essere diversi è una cosa comune e rimanere uniti è una grazia enorme”.

     



    07/07/2017 14:56:00 INDONESIA
    West Kalimantan, la Chiesa festeggia l’ordinazione di due tribali Dayak

    Nella remota provincia centrale, vi solo 24 sacerdoti diocesani e 11 religiosi passionisti. La missione pastorale della Chiesa è resa difficile dalla mancanza di sacerdoti. La cerimonia ha richiamato la partecipazione di migliaia di cattolici. P. Hendrikus e p. Fransiscus raccontano ad AsiaNews il loro percorso di fede.



    18/11/2017 08:55:00 INDONESIA
    Jakarta, i vescovi ricordano l’importate ruolo della Chiesa nella storia d’Indonesia

    Rinnovare il sostegno ai valori nazionali dell’unità e dell’armonia. L’impegno dei cattolici prima e dopo l’indipendenza. Il Vaticano è stato tra le prime nazioni straniere a riconoscere il nuovo Stato. La Chiesa cattolica indonesiana ha contribuito a stabilizzare il Paese. L’opera di mons. Albertus Soegijapranata del vicariato apostolico di Semarang



    11/07/2017 12:43:00 FILIPPINE
    I vescovi filippini: ‘Guerra a Marawi, mai più! Guerra a Marawi, non più!’

    La Conferenza episcopale (Cbcp) sottolinea che gli scontri in corso dal 23 maggio scorso non rappresentano una guerra religiosa. I prelati condannano il terrorismo dei Maute: “Contraddetti i principi fondamentali dell'islam”. Ribadita la necessità di un dialogo interreligioso. Mons. Edwin Angot dela Peña, vescovo di Marawi: “Ricostruire le persone colpite dalla distruzione della loro vita”. Mons. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato: “Una provincia autonoma nel sud è una soluzione per la pace”.



    30/10/2014 COREA DEL SUD
    Corea, mons. Kim nuovo presidente dei vescovi. A mons. You la guida di Giustizia e Pace
    La Conferenza episcopale ha concluso l'Assemblea plenaria, convocata per eleggere i nuovi vertici dell'episcopato. L'arcivescovo di Gwangju scelto a larga maggioranza, il suo vice sarà mons. Chang. Al vescovo di Daejeon la Commissione più "sensibile". Per Cristo Re una raccolta fondi per i cristiani di Siria e Iraq.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®