12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2017, 11.39

    TURCHIA

    A un anno dal "golpe" arresti e purghe nel regno del “sultano” Erdogan



    Prosegue la campagna di repressione avviata all’indomani del colpo di Stato del 15 luglio 2016. Oltre 50mila arresti, 120mila fermi, 170mila persone indagate. Licenziato anche il pilota che ha portato in salvo il presidente nella notte del golpe. Iniziate le celebrazioni ufficiali volute dal governo, all’impronta del nazionalismo e del culto di Erdogan.

     

    Istanbul (AsiaNews) - Ad un anno dal fallito golpe in Turchia, che nella notte fra il 14 e il 15 luglio 2016 ha visto vacillare, per alcune ore, il dominio del presidente Recep Tayyip Erdogan, prosegue la campagna di repressione lanciata dalle autorità contro presunti complici o sostenitori. Secondo l’ultimo bilancio ufficiale fornito dal ministero turco degli Interni, in 12 mesi sono state arrestate 50.510 persone, altre 120mila poste in stato di fermo per un periodo di tempo variabile e 169.013 sono state oggetto di indagine. Oltre 130mila persone hanno perso il lavoro.

    A questi si aggiungono i mandati di arresto pendenti per 8.087 cittadini, dei quali almeno 152 sono ufficiali dell’esercito, 392 agenti di polizia e tre governatori o alti funzionari amministrativi. Fra le persone finite in prigione vi sono 169 generali, 7.089 colonnelli e 24 governatori.

    Per quanto concerne il settore della magistratura, in un anno sono finite in prigione 2.431 persone fra giudici e pubblici ministeri; a questi si aggiungono 265 magistrati che risultano tuttora latitanti e hanno fatto perdere le proprie tracce. Un totale di 4521 hanno perso il lavoro e sono stati espulsi dall’albo professionale.

    Giornalisti, intellettuali, professori, militari, funzionari pubblici o giudici; e ancora medici, sportivi, imprenditori e semplici cittadini, la repressione governativa post fallito golpe non ha risparmiato nessun ambito della società turca. Fra le accuse, il più delle volte pretestuose, che hanno portato al fermo o all’apertura di un’inchiesta l’affiliazione a gruppi “terroristi” curdi o l’appartenenza al movimento che fa capo al predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti).

    Secondo Erdogan e i vertici di governo, egli sarebbe la mente del colpo di Stato in Turchia in cui sono morte 270 persone, migliaia i feriti. Il leader islamico, un tempo alleato del presidente, ha sempre negato con forza ogni responsabilità e ha invocato una inchiesta internazionale per fare piena luce sul golpe e le forze che lo hanno ispirato. Intanto, in questi mesi il leader turco - che ha definito il colpo di Stato “un dono di Dio” - ha promosso (e vinto con margine risicato e accuse di brogli) un referendum sul presidenzialismo che ne ha ampliato. Ora, egli è di fatto il padre padrone della nazione.

    Fra le persone arrestate negli ultimi giorni vi sono 78 cittadini oggetto di un raid nella provincia di Antalya contro sospetti gulenisti. In realtà queste persone stavano promuovendo una raccolta fondi per sostenere le spese legali di alcuni parenti, già in carcere con l’accusa di appartenenza al movimento del leader islamico. Centinaia di arresti si sono ripetuti anche in altre otto province.

    Fra le persone licenziate nell’ultimo periodo, il sito attivista Turkeypurge (che documenta arresti e repressioni in atto nel Paese) racconta la storia di Barış Yurtseven; egli è il pilota dell’aereo che ha tratto in salvo il presidente Erdogan nella concitata notte del fallito golpe, trasportandolo da Dalaman a İstanbul. Il pilota è stato cacciato dalla compagnia di bandiera nazionale Turkish Airlines (THY), per la quale lavorava da oltre 20 anni, per presunti legami con il movimento di Gülen. Il licenziamento risale al febbraio scorso, ma è emerso solo in questi ultimi giorni, quando l’uomo ha fatto domanda di impiego presso un’altra compagnia aerea. La sua colpa sarebbe stata quella di depositare soldi in una banca che le autorità hanno chiuso di recente, perché sospettata di legami con i golpisti. A questo si aggiunge il fatto di aver lasciato acceso il trasponder la notte del colpo di Stato, permettendo così l’individuazione del velivolo con a bordo il presidente Erdogan. Egli è stato oggetto di una approfondita inchiesta, in seguito alla quale non sono emersi elementi che potessero confermare il legame fra il pilota e i gulenisti.

    L’11 luglio scorso la Turchia ha dato il via alla settimana di celebrazioni in memoria del golpe, con una cerimonia di apertura e la visita del presidente a due figure di primo piano che hanno perso la vita in quella notte (il sergente Halisdemir e il consigliere di Erdogan Erol Olcok). Per questi giorni sono previste conferenze, mostre, incontri e una speciale preghiera che interesserà 81 moschee in tutto il Paese. In chiusura, il discorso del capo di Stato al Parlamento e la “veglia per la democrazia” a Istanbul, cui seguirà la “marcia per l’unità nazionale” sul Bosforo e l’inaugurazione di un monumento dedicato alla resistenza.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2017 08:51:00 TURCHIA
    Turchia, chiesto l’ergastolo per tre giornalisti accusati di complicità nel (fallito) golpe

    Si tratta dei fratelli Ahmet e Mehmet Altan e della cronista 73enne Nazli Ilicak. Per i giudici avrebbero cercato di rovesciare governo e ordine costituzionale e sarebbero complici di una organizzazione terrorista. Respinta l’istanza di scarcerazione avanzata dai legali. Il governo vuole costruire 228 nuove carceri in cinque anni.

     



    22/09/2017 08:59:00 TURCHIA
    Istanbul, arrestati 14 avvocati: difendevano due insegnanti incarcerati e in sciopero della fame

    I legali appartengono al Dipartimento per i diritti del popolo (Hhb) e sono stati incriminati con l’accusa di terrorismo. Essi sarebbero legati al Fronte Rivoluzionario della liberazione popolare (Dhkp-C), gruppo marxista fuorilegge. L’arresto è avvenuto alla vigilia del processo a carico dei due insegnanti, con un tempismo “sospetto”. 

     



    31/08/2017 08:55:00 TURCHIA
    Le purghe di Erdogan hanno affollato le carceri: oltre 22mila detenuti dormono per terra

    Per la prima volta il totale della popolazione carceraria supera quota 224mila. Ad oggi le galere turche possono ospitare un massimo di circa 200mila detenuti. Il governo libera i detenuti comuni per richiudere i presunti “golpisti”. I fondi stanziati per le carceri superano il budget di molti ministeri. Entro la fine del 2017 pronte 76 nuove prigioni. 

     



    23/05/2017 08:57:00 TURCHIA
    Ankara, al via il processo contro 220 alti ufficiali dell’esercito

    Alla sbarra anche 26 generali. Fra questi Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica e un tempo fedelissimo del presidente. Il pubblico ministero chiede il carcere a vita. All’esterno gruppi di manifestanti invocano la pena di morte. Erdogan rieletto nel fine settimana alla guida del partito Akp.

     



    18/07/2017 08:57:00 TURCHIA
    Turchia: nuovi arresti di attivisti pro diritti umani, anche la direttrice di Amnesty

    Un tribunale turco ha confermato il carcere per sei militanti, fra cui Idil Eser. AI parla di  “simulacro di giustizia” in atto nel Paese. In cella anche due formatori, uno svedese e un tedesco. Essi avrebbero commesso “un crimine” in nome di una “organizzazione terrorista” (il movimento di Gulen) “senza farne parte”.

     





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®