25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/12/2009, 00.00

    CINA

    A un anno dall’arresto, sotto accusa l’autore di Carta 08



    Liu Xiaobo, dissidente ed ex professore, è stato arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione dopo la pubblicazione di Carta 08, il documento che chiede alla Cina democrazia, libertà religiosa e diritti umani per salvare lo stesso progresso economico.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – A un anno dal suo arresto, le autorità cinesi sarebbero pronte a incriminare formalmente il noto dissidente cinese Liu Xiaobo. L’arrestato, noto professore universitario, un anno fa, ha presentato al governo, insieme ad altre 300 firme, una petizione pubblica – nota come “Carta 08” – con cui si chiede al Paese di realizzare i desideri di democrazia e libertà presenti nella storia recente della Cina. Il rispetto dei diritti umani – fra cui la libertà religiosa - è mostrata come l’unica via per salvaguardare il progresso economico raggiunto da Pechino e per correggere le devianze dittatoriali, di corruzione e di squilibrio sociale ed ecologico (Cfr. AsiaNews.it, 26/01/2009 Il testo integrale di Carta 08, per i diritti umani in Cina).

    Mo Shaoping, il legale di Liu, sostiene che la polizia ha finito le sue indagini e sta per presentarle al procuratore generale.  La mossa riaccenderà l’attenzione su un caso che ha attivato una nuova serie di controlli e arresti verso le voci critiche del Partito unico cinese. Anche alcuni politici occidentali hanno espresso la loro preoccupazione sull’arresto di Liu, 53 anni, noto al regime cinese sin dal 1989: in quell’anno, per sostenere il movimento democratico di piazza Tiananmen, lanciò infatti uno sciopero della fame.

    Per quell’azione egli è stato incarcerato per venti mesi, poi condannato a tre anni di reclusione in un campo di “rieducazione attraverso il lavoro”. Nel giugno del 2009 la polizia lo ha arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione, un’accusa generica che il Partito usa per bloccare chi critica l’apparato governativo e le sue politiche.

     “Carta 08” ha ottenuto una vasta eco ed è stata adottata da centinaia di migliaia di persone in Cina e nel mondo.

    Ieri Mo ha contattato la stampa per spiegare: “Se il procuratorato conclude che le accuse sono sostenute da delle prove, potrà iniziare la procedura legale”. Nei prossimi 45 giorni, gli avvocati dell’accusa potrebbero decidere anche di rigettare il caso o ordinare nuove indagini. Ma questo, spiega Mo, “non avviene mai nei casi contro i dissidenti. Liu ha poche speranze”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2010 UE - CINA
    Vaclav Havel scrive a Hu Jintao: “Libera Liu Xiaobo”
    L’ex presidente ceco – estensore di Charta ’77 - si è presentato insieme ad altre due figure della dissidenza di Praga davanti all’ambasciata cinese per chiedere il rispetto dei diritti umani in Cina e un giusto processo di appello per l’autore di Carta 08.

    12/10/2009 CINA
    Attivista detenuto per ore: scritta “anti-rivoluzionaria” sulla maglietta
    La scritta ritenuta “pericolosa” criticava “la dittatura del partito unico” ed era di Liu Xiaoqi. La campagna contro gli slogan sulle magliette dura dalle Olimpiadi dello scorso anno. Vittime anche alcuni membri di Carta 08.

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.

    05/01/2010 CINA
    Il processo a Liu Xiaobo, ovvero la morte della giustizia
    La leader delle “Madri di Tiananmen”, una fra i primi firmatari di Carta 08, attacca il governo cinese: “Con la sentenza contro il dissidente, è iniziato il crollo morale del regime comunista. E si tratta di un processo irreversibile”. Fino a che Liu rimarrà in galera “nessuno avrà un giorno di pace”.

    24/06/2009 CINA
    Liu Xiaobo di Carta 08 accusato di “sovversione contro il potere dello Stato”
    Il firmatario (e forse l’estensore) di Carta 08 domandava riforme politiche, libertà di associazione, indipendenza del potere giudiziario. Rischia come minimo 15 anni di prigione. La polizia rifiuta Mo Shaoping, l’avvocato difensore scelto dalla moglie del dissidente, perché anche lui è un firmatario di Carta 08.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®