24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2012, 00.00

    ISLAM - FRANCIA

    Abdennour Bidar: Mohammed Merah, un mostro creato dalla malattia dell'islam

    Samir Khalil Samir

    Un grande filosofo musulmano francese si domanda se la violenza salafita - come quella che ha ucciso i bambini della scuola ebraica di Tolosa - non sia il sintomo di qualcosa di guasto nella tradizione musulmana. Una religione che si è chiusa in se stessa. Per rinnovare oggi l'islam occorre accettare la sfida della modernità e dell'umanesimo. " Chi avrà questo coraggio ? Chi si prenderà questo rischio ? ". L'analisi di p. Samir Khalil.

    Beirut (AsiaNews) - Mohammed Merah, ucciso a 23 anni, è tristemente famoso per aver compiuto, lo scorso 19 marzo, la strage dei bambini ebrei davanti alla scuola di Tolosa (Francia) e per l'uccisione giorni prima di alcuni parà francesi a Montauban. Assediato per ore dalla polizia nella casa dove si era rinchiuso, è morto in uno scontro a fuoco lo scorso 22 marzo.

    Abdennour Bidar è un filosofo francese musulmano[1], che ho avuto la gioia di conoscere.  Il 23 marzo scorso, egli ha pubblicato un articolo sul quotidiano "Le Monde", dal titolo: "Merah, un monstre issu de la maladie de l'islam  (Merah, un mostro creato dalla malattia dell'islam ) ". Vista la sua importanza, vorrei presentarlo qui.

    "Dopo che l'uccisore di Tolosa e di Montauban è stato identificato come 'salafita jihadista'... il discorso dei dignitari dell'islam in Francia è stato quello di evitare ogni 'amalgama' fra la radicalità di questo individuo e la 'comunità' pacifica dei musulmani di Francia" per ben "distinguere fra islam e islamismo, islam e violenza".

    Rimane però una grave questione : " Nel suo insieme, la religione islam può essere sdoganata da questo tipo di azione radicale ?... Non vi è comunque in questo gesto l'espressione estrema di una malattia dello stesso islam ? ".

    Bidar ricorda che nell'islam esiste una " degenerazione " che prende delle forme multiple : " ritualismo, formalismo, dogmatismo, sessismo, antisemitismo, intolleranza, incultura o 'sottocultura' religiosa sono i mali da cui è incancrenita ".

    Queste malattie sono diffuse, ma si trovano anche " musulmani moralmente, socialmente, spiritualmente illuminati dalla loro fede ". Non si può dunque dire che " l'islam è per essenza intollerante ". Si può però dire che l'islam contiene - affianco a esigenze morali certe - anche elementi di intolleranza che riappaiono a periodi in diverse circostanze. E aggiunge : " Tutti questi mali che ho enumerato alterano la salute della cultura islamica in Francia e altrove ".

    Di fronte a una simile situazione, i musulmani devono reagire con coraggio. L'autore dice che l'islam deve riconoscere " che questo tipo di gesto, pur essendo estraneo alla sua spiritualità e alla sua cultura, è comunque il sintomo più grave, più eccezionale, della profonda crisi che esse attraversano ". E si domanda : " Chi avrà questo coraggio ? Chi si prenderà questo rischio ? "

    Ci si può chiedere perché l'autore parli di coraggio. Il motivo è che "da diversi secoli" l'islam è bloccato nelle sue certezze. Non osa rimettersi in questione. Si accontenta di affermare e riaffermare la sua "verità". Più si afferma con forza, più mostra la sua debolezza interna. Di fronte al mondo che lo contesta, esso risponde con la violenza, perché non osa affrontare il mondo esterno, se non per dichiararlo malvagio e corrotto. Esso "è incapace di autocritica", dice Bidar.

    È questa la malattia dell'islam: "considerare in modo paranoico che ogni messa in causa dei suoi dogmi è un sacrilegio. Corano, Profeta, ramadan, halal, ecc..: anche presso individui educati, coltivati, in tante cose pronti al dialogo, il minimo tentativo di rimettere in causa questi totem dell'islam, si scontra con un ultimo rifiuto".

    Nella loro maggioranza, i musulmani negano a chiunque di poter rimettere in questione le loro tradizioni, i loro riti, i loro costumi o abitudini. Essi si sono murati nel loro mondo proprio, che assolutizzano, sacralizzano, dichiarano sacro. "La più parte delle coscienze musulmane si rifiutano e  rifiutano pure a chiunque il diritto di discutere ciò che una tradizione fissata in una sacralità intoccabile ha istituito da millenni: riti, principi, costumi, che però non corrispondono più a tutti i bisogni spirituali del tempo presente".

    Essi sono rimasti attaccati a queste tradizioni, stabilite nel 7° secolo, in un contesto beduino, e "non si rendono conto nemmeno loro stessi che sempre più sovente, le loro rivendicazioni  hanno cambiato natura". I valori che essi sostengono come autenticamente musulmani, perché fedeli alla pratica degli "Antichi" (i salaf, da cui la parola salafita), non corrispondono più del tutto ai criteri attuali degli stessi musulmani, criteri stabiliti "in nome di valori del tutto profani: diritto alla differenza, alla tolleranza, alla libertà di coscienza".

    E il nostro autore aggiunge: "Come stupirsi se in questo clima generale di civilizzazione, congelato e schizofrenico, qualche spirito malato trasformi e radicalizzi questa chiusura collettiva in fanatismo assassino?".

    In effetti, per i salafiti, il modello rimane fissato al passato, all'epoca del "Profeta", al VII secolo, al modello della società beduina o sedentarizzata di recente. Il modello va all'indietro e non in avanti. Il vero musulmano, per questi salafiti, per ritrovare la vera essenza dell'islam, deve operare un ritorno all'indietro e non guardare in avanti, questo "avanti" rappresentato dalla cultura occidentale, bollata come corrotta e depravata.

    Il musulmano medio reagisce dicendo che questi salafiti sono l'eccezione, che essi non rappresentano il vero islam, che è un islam retrogrado, ecc... Nello stesso tempo, i salafiti si presentano come i soli "autentici", perché essi sono fedeli alla "Tradizione del Profeta" (sunnat al-Nabi), e che il Profeta è presentato nel Corano come il modello per eccellenza (Corano 33 : 21). A sua volta, il musulmano medio ribatte che l'islam autentico è l'islam pacifico, conforme al Corano che dice "Nessuna costrizione in materia di religione " ((Corano 2, 256).

    Il musulmano medio dice che " un fanatismo simile è [solo] di qualcheduno e che  'è l'albero che nasconde la foresta di un islam pacifico' ".

    Ma Bidar si pone la domanda : " Qual è lo stato reale della foresta in cui alberi simili prendono radice ? Una cultura sana e una vera educazione spirituale avrebbero potuto generare mostri simili ? "

    Tali casi sono ormai troppo numerosi per essere solo un albero nella foresta ! Come mai vi sono così tanti " fanatici ", i quali quali sono spesso persone educate, che superano alla lunga la media dei musulmani ? Com'è che tanti occidentali convertiti all'islam, o musulmani che da tanto tempo vivono in occidente si sentono attirati verso questo estremismo ?

    E più ancora, com'è che tanti imam e guide, formati nei migliori e più autentici centri islamici mondiali, facciano poi pubblicità per un islam simile ?

    "Alcuni musulmani - dice l'autore - intuiscono che questo tipo di questione è stata ritardata per troppo tempo. Inizia a emergere  fra loro la coscienza che [col tempo] diverrà più difficile voler deresponsabilizzare l'islam dai suoi fanatici, e di fare come se fosse sufficiente richiamare alla distinzione fra islam e islamismo radicale ".

    Di fronte alle frequenti manifestazioni dell'islamismo radicale è troppo facile dire soltanto che questo non è l'islam. La "primavera araba" che vediamo svilupparsi sotto i nostri occhi è troppo sovente trasformata in un "autunno islamico". E questo islamismo rischia di riportarci alla civiltà del deserto.

    E Bidar proclama: "Ma per molti più musulmani deve diventare evidente che ormai in questa cultura religiosa le radici dell'albero del male sono troppo assorbite e troppo numerose perché essa continui a credere di potersi accontentare di denunciare le sue pecore nere... L'islam deve accettare il principio della sua completa rifondazione o - senza dubbio - della sua integrazione a un umanesimo più vasto, che lo conduca alla fine a superare le proprie frontiere e orizzonti".

    Si tratta dunque di un superamento di sé, "delle proprie frontiere e del proprio orizzonte", come dice il prof. Abdennour. O avviene questo o è la morte. Si tratta di "rifondare in modo completo" in un "umanesimo più vasto". E a questo punto egli pone la domanda: "Ma[l'islam] accetterà di morire in questo modo perché dalla sua eredità rinasca una nuova forma di vita spirituale? E dove cercare l'ispirazione per questo superamento?".

    Da buon professore di filosofia, Abdennour ("il servitore della Luce"), dà questa risposta: "Come specialista del pensiero fra i più profondi dell'islam, io vedo che i pensieri filosofici e mistici di Averroè (1126-1198) e di Ibn Arabi (1165-1241) [hanno] una saggezza che è stata perduta - la maggioranza dei musulmani non conosce più nemmeno i loro nomi. Ad ogni modo, non si tratta di farli risuscitare, né di ripeterli. È ormai troppo tardi per questo. Si tratta di trovare il loro equivalente per il nostro tempo. Da questo punto di vista, non basta essere pronti ad ammettere che alla fine vi è "una malattia generale dell'islam" e che occorre tornare a queste "saggezze del passato".

    Vi è dunque una "malattia generale dell'islam". Da diversi decenni l'islam attraversa una crisi fra le più forti. La maggior parte degli intellettuali e dei pensatori illuminati lo dicono e lo ripetono. Molti tentano di uscire da questa crisi, ma la tendenza fondamentalista è più forte e blocca ogni sforzo di rinnovamento o di riforma, come dice Bidar. Il punto è che il salto in avanti è un salto nell'ignoto, con tutti i rischi che esso comporta, mentre il ritorno all'indietro sembra sicuro, conforme alla Sunnah ed è rassicurante. Per Bidar, l'islam "deve re-inventarsi una cultura spirituale". Quest'ultima parola  è una delle parole-chiavi del nostro filosofo, in tutte le sue opere: la spiritualità. Citiamo allora la sua conclusione:

    "La sfida è molto più importante. Occorre che l'islam giunga a questa lucidità completamente nuova in cui comprendere che esso deve reinventare una cultura spirituale sulle macerie del materiale morto delle sue tradizioni. Ma, altra difficoltà importante, esso non potrà farlo da sé e per sé: a tutt'oggi non servirebbe a nulla voler istituire un "umanesimo islamico" affianco a un "umanesimo occidentale" o a un "umanesimo buddista". Se il domani del XXI secolo è spirituale, ciò non avverrà in modalità separate fra le differenti religioni e visioni del mondo, ma sulla base di una fede comune nell'uomo. Da trovare insieme".

     


    [1] Nato a Clermont-Ferrand il 13 gennaio 1971 da madre francese musulmana.  Educato dal nonno, un laicista estremo, egli cerca la sua strada in un islam riflesso e spirituale. Ho incontrato personalmente Bidar il 12 luglio 2007 al Senato di Parigi, durante il Colloquio «Europa-Oriente : Dialogo con l'Islam », patrocinato Christian Poncelet, presidente del Senato (v. : http://www.senat.fr/colloques/europe_orient/europe_orient_mono.html).  Con altri, Abdennour doveva trattare il tema « Si può adattare l'islam all'Europa ? » ; io (insieme a Mohammed Arkoun, Abdelmajid Charfi e Youssef Seddik) dovevo trattare la questione « Si può concepire un'esegesi islamica ? ». Abbiamo avuto uno scambio profondo e personale, che per me rimane indimenticabile.  Egli è anche autore di numerosi articoli e soprattutto di cinque opere che hanno fatto molto discutere :  Un islam pour notre temps (Un islam per il nostro tempo, 2004) ; Self Islam, Histoire d'un islam personnel (Self-Islam, storia di un islam personale, 2006) ; L'islam sans soumission. Pour un existentialisme musulman (L'islam senza sottomissione. Per un esistenzialismo musulmano, 2008) ; L'islam face à la mort de Dieu. Actualité de Mohammed Iqbal (L'islam davanti alla morte di Dio. Attualità di Mohammed Iqbal, 2010) ; Comment sortir de la religion ? (Come uscire dalla religione ?, 2012).

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/03/2012 FRANCIA - ISRAELE
    Caccia all'uomo che ha ucciso i bambini della scuola ebraica. Legami con al Qaida
    Dalle 3 di stanotte il sospetto è sotto assedio della polizia di Tolosa. È un giovane 24enne, di madre algerina, con viaggi in Afghanistan e Pakistan, che voleva "vendicare i bambini palestinesi" e denunciare i "crimini" della Francia in Afghanistan. I funerali del rabbino e dei tre bambini uccisi si svolgeranno oggi a Gerusalemme

    22/03/2012 FRANCIA - ISLAM - ISRAELE
    Tolosa, ucciso Mohammed Merah in uno scontro con la polizia
    La polizia è entrata nell'appartamento dove il giovane si era rinchiuso. Il giovane franco-algerino, disoccupato, si era addestrato nel Waziristan e si è autodefinito "mujaheddin". Era da tempo sotto il controllo dei servizi di sicurezza. I funerali a Gerusalemme dei quattro uccisi alla scuola ebraica Ozar Hatorah. Il premier palestinese chiede di non usare più la causa palestinese per giustificare atti criminali.

    18/10/2016 16:05:00 ISLAM-FRANCIA
    Come fermare l’islam radicale in Francia

    Davanti ai sempre più frequenti attentati non basta dire “L’islam non c’entra; l’islam è pace”. E’ necessaria una riforma dell’islam che metta insieme la fede e la ragione, la spiritualità e i valori di laicità, libertà, uguaglianza. La proposta dell’imam di Nimes, vicepresidente degli imam di Francia, per cancellare la paura e stabilire la convivenza dei musulmani in Europa.



    23/08/2016 12:20:00 FRANCIA – ISLAM
    Giovane musulmano: Sono molto pessimista su una riforma dell’islam

    Per secoli l’islam è rimasto chiuso e ha creato una “ignoranza sacra” che blocca ogni domanda e sviluppo. A tale stasi contribuiscono oggi il “clero” islamico e gli Stati arabi che hanno deciso di fare dell’islam la religione di Stato. Molti intellettuali, pensatori, religiosi che cercano di riformare l’islam vengono cacciati, perseguitati, espulsi, le loro opere proibite.



    19/01/2015 FRANCIA - ISLAM
    Dopo Charlie Hebdo, per Francia e occidente è tempo di attuare una "laicità positiva"
    La libertà di espressione non è fine a se stessa. Gli opposti estremismi del fondamentalismo violento e della libertà assoluta devono lasciare spazio alla "volontà di convivenza". L'occidente sta diventando una società multireligiosa. Come per la Shoah, occorre trovare un limite al "negazionismo" verso le religioni. Il Libano come modello. La laicité è morta.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®