19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/05/2010, 00.00

    VIETNAM

    Abusi e violenze, il nuovo “ideale” dei giovani vietnamiti

    Nguyen Hung

    Secondo uno studio del governo docenti universitari e insegnanti fanno carriera grazie a minacce e ingiustizie compiute contro i rivali e trasmettono questi “nuovi valori” ai loro studenti. Essi considerano la violenza un normale comportamento della società e ogni anno oltre 6 milioni di giovani sono vittime o artefici di abusi.

    Hanoi (AsiaNews) – In Vietnam i giovani crescono sempre di più in un clima di violenza fisica e psicologica. Ogni anno oltre 6 milioni di adolescenti sono vittime di abusi o coinvolti in casi di violenza. Detti tradizionali come “se un cavallo sta male gli altri non mangiano l’erba”, o “ama il prossimo tuo come te stesso” non sono più contemplati dalla società.

    Uno studio del dipartimento di educazione del governo afferma che i docenti universitari e i professori di scuola fanno carriera grazie a corruzione, minacce e ingiustizie contro i possibili rivali. Gli studenti seguono l’esempio dei maestri e per loro il nuovo scopo non è imparare, ma promuovere se stessi. Secondo l’analisi è normale per i ragazzi tra  5 e 11 anni di età mentire, picchiare e minacciare i compagni di scuola. Il dato cresce nelle scuole superiori dove gli studenti utilizzano armi e oggetti affilati nelle dispute contro i compagni.  

    L’utilizzo della violenza è sempre più frequente nel Paese e per i giovani è un normale comportamento della società, che ha nel modello economico dello sviluppo ad ogni costo sponsorizzato dal governo i principali promotori.  

    Di recente i giornali hanno riportato la storia di Hao Anh, ragazzo di 14 anni della provincia Ca Mau, inviato a lavorare in un’azienda agricola, per aiutare la madre da poco abbandonata dal marito. Dopo due anni di duro lavoro il ragazzo è stato picchiato e torturato senza motivo dai proprietari dell’azienda ed è ora invalido al 60% e non si hanno notizie sull’eventuale condanna degli aguzzini.

    Altro caso è quello avvenuto in questi giorni nella parrocchia di Con dau, diocesi di Da Nang. Qui polizia e teppisti assoldati dal governo hanno picchiato e arrestato un gruppo di fedeli in protesta contro la lottizzazione del cimitero.

     

         
     
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/03/2012 CINA
    Anp: Tibet e Xinjiang "non fermeranno lo sviluppo della Cina"
    Ai margini dell'Assemblea nazionale del Popolo i dirigenti delle province più problematiche mostrano il pugno di ferro: "La cricca del Dalai Lama non vincerà contro Pechino. E in Xinjiang operano dei terroristi comuni, che vanno sconfitti".

    08/09/2011 CINA
    La polizia libera 30 schiavi nelle fabbriche di mattoni dell’Henan
    Sono disabili mentali gravi, rapiti e venduti per 300 yuan, da molti anni; costretti a turni di lavoro massacranti senza paga e pestati per ogni trasgressione. Ora la polizia cerca le famiglie, ma alcuni nemmeno sanno il nome e hanno difficoltà a parlare. Nella grande Cina rimane attuale la schiavitù, specie di disabili e bambini.

    07/07/2010 VIETNAM
    Cattolici in Vietnam: l’educazione è più del nozionismo
    I cattolici di Ho Chi Minh City lanciano l’allarme: educare significa far crescere una persona e non solo trasmettere nozioni e capacità. P. Vincent Pham Trung Thanh: “Non accusiamo gli altri. Ogni cattolico deve contribuire all’educazione delle famiglie, della Chiesa e della società”.

    19/05/2010 INDIA
    Orissa, la Chiesa contro l’industrializzazione selvaggia
    Sta per partire l’impianto della prima acciaieria della multinazionale coreana “Posco”, che dovrebbe creare posti di lavoro e sviluppo industriale. Ma questo, ricorda la Chiesa locale, non deve avvenire a spese degli abitanti.

    29/11/2011 COREA
    Decine di morti per costruire le “100mila case”, follia del regime
    Per onorare il 100mo compleanno del “presidente eterno” Kim Il-sung, il dittatore nordcoreano ha ordinato di costruire “100mila case” in meno di un anno nella capitale Pyongyang. Richiamati studenti e operai improvvisati, che muoiono come mosche nei cantieri edili.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®