5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/03/2012
INDONESIA – CINA
Accordi commerciali fra Jakarta e Pechino per 17 miliardi di dollari
La firma in occasione della due giorni di visita ufficiale in Cina del presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono. Egli ha inoltre ricevuto un dottorato honoris causa da una prestigiosa università cinese. La cooperazione segna una svolta dopo un 2011 negativo e riguarda i settori del commercio, dell’industria e dell’agricoltura.

Jakarta (AsiaNews/Agenzie) - Jakarta ha siglato 15 accordi economici e commerciali con imprese cinesi, per un valore di affari complessivo pari a 17,4  miliardi di dollari. La firma è arrivata questa mattina a Pechino, in occasione della due giorni di visita ufficiale del presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono. "Mi fa piacere apprendere - ha dichiarato il capo di Stato alla stampa - degli accordi commerciali fra Indonesia e Cina, a testimonianza della crescente cooperazione fra le due nazioni". In mattinata Yudhoyono ha incontrato Wan Jifei, responsabile del Dipartimento cinese per la Promozione del commercio internazionale; egli ha inoltre ricevuto un dottorato honoris causa dall'università di Tsinghua, a Pechino, considerato fra gli istituti accademici di eccellenza in Cina.

Tra gli accordi sottoscritti da Pechino e Jakarta vi è una cooperazione a livello tecnico fra il gigante dell'acciaieria statale indonesiano PT Krakatu e la cinese Capital Engineering and Research Inc. Ltd. Vi sono poi collaborazioni nei settori agricolo e tessile; infine un prestito di lungo periodo del valore di 200 milioni di dollari per finanziare la costruzione del Krakatau's Blast Furnace Complex, per la lavorazione del metallo pesante.

Per la controparte cinese, l'Indonesia rappresenta un mercato in espansione col quale rafforzare la cooperazione in campo economico e commerciale. Jakarta riveste inoltre un interesse strategico per Pechino, perché collabora alla sicurezza e al mantenimento della "stabilità" nella regione Asia-Pacifico.

Sul fronte indonesiano, il ministro del Commercio Gita Wirjawan è soddisfatto per la firma degli accordi che serviranno a saldare il deficit commerciale registrato nel 2011 fra Pechino e Jakarta. Per gli analisti, il segno negativo era dovuto al "problematico" Accordo di libero scambio fra Cina e Asean, l'associazione che riunisce 10 nazioni del Sud-est asiatico.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/03/2009 INDONESIA
Indonesia a rischio recessione. Meno 30% nelle esportazioni
di Mathias Hariyadi
11/07/2006 CINA - TAIWAN
Una banca cinese presta denaro a Taiwan per favorire gli investimenti in Cina
01/03/2007 CINA - SRI LANKA
Cina e Sri Lanka: collaborazione economica e politica, con uno sguardo all’India
di Melani Manel Perera
31/12/2009 NEPAL - CINA
La svolta nepalese: il Tibet fa parte della Cina, basta proteste
di Kalpit Parajuli
01/04/2014 FILIPPINE - CINA
Mar Cinese meridionale, Manila chiede aiuto all'Onu per fermare Pechino

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate