21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/05/2014, 00.00

    SIRIA

    Accordo per la fine dell'assedio a Homs. La fame, un nuovo strumento di guerra



    Dopo quasi due anni di assedio, i ribelli potranno lasciare la città, portando aiuti e cure per i civili e i feriti. Lo "scambio" con gli aiuti in due villaggi sciiti pro-regime. L'Onu accusa "le parti in lotta" di non aiutare l'apertura di canali umanitari. Necessari "aiuti massicci" per i rifugiati interni e i profughi nella regione e nei Paesi di accoglienza.

    Damasco (AsiaNews) - Un accordo è stato raggiunto fra il regime e i ribelli che da oltre due anni occupano la zona centrale della città, assediati dalle truppe di Damasco.  Tale "accordo" prevede la fine dell'assedio e la messa in salvo di ribelli, civili e feriti, in tutto circa 2250 persone. I ribelli potranno uscire con le loro famiglie e le loro armi personali e trasferiti nel nord del Paese, nelle aree controllate dall'opposizione.

    In cambio essi dovrebbero liberare 70 prigionieri libanesi e iraniani, tenuti in ostaggio dai ribelli ad Aleppo e permettere l'aiuto umanitario a due villaggi sciiti pro-regime, nelle vicinanze di Aleppo. Prima di lasciare la città assediata, i ribelli devono consegnare le mappe con l'indicazione delle mine piazzate nel terreno.

    L'accordo di per sé è molto fragile anche perché nessuna delle parti si fida dell'altra. In ogni caso - se si attuerà come previsto - esso porterà alla liberazione della città dai ribelli e alla fine dell'assedio di Homs, la città che in questi due anni ha visto gente morire di fame e sete, come pure la morte del gesuita p. Frans Van der Lugt.

    Nella guerra civile siriana, che dura da più di tre anni, la fame è divenuta un nuovo strumento per decretare vittorie e sconfitte. In molte zone assediate i ribelli vengono criticati dalla popolazione proprio perché essi non riescono a garantire il cibo.

    Nei (falliti) dialoghi di Ginevra, lo scorso febbraio, si era decisa l'apertura di canali umanitari per aiutare con cibo e medicine le persone nelle zone di conflitto o assediate. Ma da allora poco o nulla è stato fatto.  Secondo l'Onu, solo 242mila persone sotto assedio hanno finora ricevuto degli aiuti. Il regime cerca di frenare in tutti i modi la distribuzione di aiuti nelle zone controllate dai ribelli. Secondo fonti legate a organizzazioni non governative, almeno 100 persone sono morte nel campo palestinese di Yarmouk, a sud di Damasco, a causa della mancanza di medicine e cibo.

    Il Consiglio di sicurezza dell'Onu aveva richiesto alle parti in lotta che si permettesse un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli alle agenzie umanitarie Onu e ai loro partner. Ma, come Damasco, anche i ribelli frenano gli aiuti nelle zone controllate dal governo. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha dichiarato alcuni giorni fa che "nessuna delle parti in conflitto ha rispettato le esigenze del Consiglio [di sicurezza]... E le persone muoiono ogni giorno".

    Sul terreno, le truppe di Assad continuano ad accumulare vittorie, e il governo prepara per il mese prossimo le elezioni presidenziali, almeno nelle zone sotto il suo controllo. Nell'opposizione armata vi è sempre caos e divisione. Il Fronte di Al Nousra, il ramo siriano di Al Qaeda, continua a combattere contro il Free Syrian Army e contro gli altri rivali jihadisti (fra cui lo Stato islamico d'Iraq e del levante, Isis) e ciò malgrado l'appello del capo di Al Qaeda, Ayman al-Zawahiri, di unire le forze.

    Nel sud, al Nousra ha rapito Ahmad al Neamah, un comandante militare ribelle moderato, e altri cinque ufficiali. Neamah aveva accusato i jihadisti di mettere in crisi la loro lotta. Nell'est del Paese, i combattimenti fra al Nousra e Isis hanno provocato l'esodo di 60mila persone, oltre ad un bilancio di 62 morti in quattro giorni.

    All'inizio del quarto anno di guerra e con oltre 150mila morti e milioni di sfollati interni o profughi, l'Onu ha criticato ieri la comunità internazionale che non dà aiuti sufficienti per i rifugiati siriani nella regione e nei Paesi di accoglienza, sottolineando che occorre un "aiuto massiccio".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/02/2014 SIRIA
    Siria, i ribelli "pronti all'offensiva di primavera" per il controllo di Damasco
    Governo e opposizione si sfidano sul piano militare: attesa una "grande battaglia" per Daraa, provincia considerata "il cancello" per la capitale. "Migliaia" di combattenti addestrati in Giordania dalle forze occidentali. Ban Ki-moon invita le parti a tornare al tavolo dei colloqui di pace.

    10/06/2015 SIRIA

    I ribelli conquistano una base militare vicino a Deraa
    E’ l’ultima di una serie di sconfitte dell’esercito siriano. Conquistato anche un villaggio cristiano ad al-Rakham. In corso i dialoghi fra 150 rappresentanti dell’opposizione al Cairo. Si prospetta una soluzione politica sotto l’egida Onu, ma si esclude ogni futuro per il regime di Assad. Il bilancio dei morti in quattro anni di guerra.

    01/03/2012 SIRIA - ONU
    Kofi Annan per una soluzione pacifica, fermando le violenze di tutti
    L'ex segretario generale Onu non ha ancora ricevuto l'ok per recarsi in Siria. L'Onu sembra avvicinarsi alle posizioni del Vaticano, sottolineando una soluzione pacifica (e non militare) e condannando le violenze di tute le parti e non solo di Damasco. Continuano i bombardamenti ad Homs, città di enorme importanza strategica. Anche Cina e Russia sembrano disponibili a corridoi umanitari.

    12/02/2014 SIRIA-ONU
    In stallo i dialoghi di pace a Ginevra. Si allunga il cessate-il-fuoco a Homs
    Entrambe le parti minacciano un "fallimento" dei colloqui. Per il regime siriano è importante la lotta la terrorismo; per gli oppositori occorre preparare il governo di transizione senza Bashar Assad. Lakhdar Brahimi ricorda "l'incubo" che vive la popolazione siriana. Liberati dall'assedio di Homs 1132 persone. Alcune centinaia di maschi sono stati fermati per verificare possibili legami col terrorismo. Salvati anche 400 bambini e 20 donne incinte.

    07/02/2014 SIRIA - ONU
    Operazione umanitaria ad Homs, la città sotto assedio
    Damasco e Onu d'accordo per far uscire i civili dalla città assediata e per portare aiuti ai residenti. Necessario un cessate-il-fuoco temporaneo, a cui dovrebbero aderire anche i ribelli. Nuove battaglie e morti ad Aleppo. Per la ripresa dei negoziati di pace non vi è ancora il sì di Assad.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®