25/04/2015, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Aceh: morto un altro elefante di Sumatra. Gli esperti: specie a rischio estinzione

di Mathias Hariyadi
L’esemplare, un maschio di 15 anni, presentava una profonda ferita alla zampa; incapace di camminare, sarebbe stato abbandonato dal resto del gruppo ed è deceduto per le gravi infezioni. Ambientalisti lanciano l’allarme: se non verranno protetti, “gli elefanti di Sumatra si estingueranno”.

Jakarta (AsiaNews) - È morto nei giorni scorsi un rarissimo esemplare di elefante di Sumatra, ferito in precedenza a una gamba con tutta probabilità nel contesto di un episodio di bracconaggio. Il cadavere dell’animale è stato scoperto da un gruppo di persone a Seumanah Jaya, nel sotto-distretto di Ranto Peureulak, nella reggenza di East Aceh. Nel Paese torna dunque di stretta attualità il problema dei mammiferi proboscidati, dopo che l’Indonesia ha fatto registrare il record per gli scontri tra elefanti e popolazione.

Fonti locali riferiscono che un gruppo di cinque elefanti è stato avvistato ai primi di aprile nella zona, ma negli ultimi giorni si erano perse le loro tracce; sarebbe rimasto solo un esemplare di maschio gigante, di circa 15 anni, che presentava gravi ferite a un arto.

Genman Hasibuan, responsabile della sezione locale dell’Agenzia per la tutela dell’Ambiente, riferisce che l’esemplare morto sarebbe stato abbandonato dai compagni, perché non più in grado di camminare assieme al resto del gruppo. “L’elefante è morto a causa delle gravi infezioni - ha sottolineato l’ambientalista - dopo che la sua zampa è rimasta impigliata in una trappola, che ha causato profonde ferite e una infezione”.

Il gruppo era già intervenuto il 10 e 20 aprile scorso per salvare un altro gruppo di elefanti, poi trasferiti in una riserva protetta a Saree Aceh Besar, circa 350 km di distanza dal punto in cui è stato rinvenuto l’esemplare deceduto.

Il 13 aprile scorso era stato ritrovato un altro elefante ucciso a Kareung Hampa, nel sotto-distretto di Lam Balek, nella reggenza di West Aceh, a 150 km di distanza da una piantagione di palme, uno dei principali motivi di scontro con l’uomo. All’animale erano stati tagliate le zanne e le sue condizioni erano definite “drammatiche”.

Secondo quanto riferisce la sezione indonesiana del Wwf, dal 2012 a oggi sono stati uccisi almeno 36 esemplari dell’elefante di Sumatra, la maggior parte dei quali per avvelenamento, caduti in trappola o uccisi dai fili elettrici a protezione delle piantagioni. Se non verranno prese misure di protezione adeguate, avvertono gli esperti, “gli elefanti di Sumatra si estingueranno”.

Con 2mila esemplari di elefante registrati, l’Indonesia si piazza al quarto posto nella classifica di Stati asiatici con presenza più massiccia di questi mammiferi sul proprio territorio. Al primo posto svetta l’India, con ben 8mila: seguono la Malaysia con 3.800 e il Myanmar con 2.600. Pur non essendo il primo Paese per presenza di elefanti sul territorio, l’Indonesia è prima come percentuale di incidenti uomo-elefante sul totale nazionale: 1,2%, riferito al numero di animali. Il secondo Paese classificato, la Thailandia, ha solo lo 0,4%.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sumatra: salviamo gli elefanti dall’estinzione
13/08/2016 11:27
A Sumatra il primo ospedale per elefanti, specie a rischio estinzione
31/01/2012
Rischio estinzione per l’elefante vietnamita: a ruba il suo ‘ciuffo portafortuna’
29/09/2018 09:00
Myanmar, a rischio estinzione 331 specie animali
06/03/2019 12:00
Borneo, una taglia per fermare lo sterminio degli elefanti albini
06/02/2013