09/09/2014, 00.00
AFGHANISTAN - INDIA
Invia ad un amico

Afghanistan, il gesuita indiano rapito "è vivo e al sicuro"

Lo ha dichiarato Sushma Swaraj, ministro indiano degli Affari esteri. Il capo del dicastero ha aggiunto che New Delhi è "al lavoro per il suo rilascio". P. Alexis Prem Kumar sj è stato sequestrato lo scorso giugno.

Kabul (AsiaNews/Agenzie) - P. Alexis Prem Kumar sj, gesuita indiano rapito lo scorso giugno in Afghanistan, "è vivo e al sicuro. Siamo al lavoro per il suo rilascio". Lo ha dichiarato nel tardo pomeriggio di ieri Sushma Swaraj, ministro indiano degli Affari esteri, rompendo così il silenzio sulle sorti del sacerdote.

Originario del Tamil Nadu, p. Prem Kumar sj è a capo della sezione afghana del Jesuit Refugee Service (Jrs). È stato sequestrato il 2 giugno scorso nella provincia di Herat, in Afghanistan, da uomini armati non identificati.

In una lettera inviata nel giugno scorso al chief minister Jayalalithaa, il premier indiano Narendra Modi ha affermato che in questa fase la preoccupazione principale è assicurare l'integrità degli sforzi in corso per la liberazione di p. Kumar e "per essere certi che egli non sia ferito".

"Posso garantirle che il governo non risparmierà alcuno sforzo - aveva scritto Modi - affinché il rilascio di p. Kumar avvenga in fretta e in sicurezza. Continuerò a controllare la situazione da vicino".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Afghanistan, libero il gesuita indiano rapito otto mesi fa
23/02/2015
Gesuita rapito in Afghanistan, il padre: Aiutava i poveri, perché l'hanno rapito?
06/06/2014
Arrestati tre talebani per il sequestro del gesuita indiano
07/06/2014
Afghanistan, arrestato un sospettato per il rapimento del gesuita indiano
05/06/2014
Gesuita indiano rapito in Afghanistan, "una vita al servizio degli emarginati"
04/06/2014