28 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/06/2012, 00.00

    CINA- ASIA CENTRALE

    Afghanistan e Iran, l'aiuto della Cina e del Gruppo di Shanghai

    Wang Zhicheng

    Pechino offre un "aiuto sincero e gratuito" a Karzai: 19 milioni di euro per infrastrutture e borse di studio. Timori per influenze fondamentaliste nello Xinjiang. Stanziati 10 miliardi di dollari per potenziare ferrovie, telecomunicazioni e oleodotti nella regione. Il gruppo riafferma la sua contrarietà all'uso della forza contro l'Iran, ma chiede a Teheran di essere "pragmatico e flessibile" nei dialoghi sul programma nucleare.

    Pechino (AsiaNews) - La Shanghai Cooperation Organization (Sco) - il gruppo che raccoglie Cina, Russia e le quattro nazioni dell'Asia Centrale - ha accolto l'Afghanistan come osservatore. La Cina ha promesso di aiutare Kabul fin da ora e soprattutto quando le truppe Nato lasceranno il Paese nel 2014. Il gruppo ha anche affermato la sua opposizione a ogni uso della forza contro l'Iran, altro paese osservatore.

    All'incontro di due giorni svoltosi nella capitale cinese e concluso ieri, è stata accolta anche la Turchia come "partner di dialogo". In tal modo l'Sco viene ad abbracciare una serie di Paesi euroasiatici dal Mediterraneo fino all'Oceano Pacifico. In esso infatti sono compresi, oltre a Russia e Cina, anche Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan and Kazakistan. Oltre all'Iran, anche India, Pakistan e Mongolia sono osservatori.

    Partito con l'intenzione di collaborare nella sicurezza e contro il terrorismo, il gruppo sta diventando una grande zona di collaborazione economica. Ieri la Cina ha deciso di offrire un prestito di 10 miliardi di dollari Usa per la costruzione di ferrovie, impianti di telecomunicazioni, oleodotti e gasdotti. Il gruppo ha anche deciso di rafforzare i reciproci rapporti economici.

    Per l'Afghanistan, l'accoglienza nella Sco è una manna economica e politica. Hu Jintao ha deciso di offrire un aiuto "sincero e gratuito" al presidente Hamid Karzai per 150 milioni di yuan (circa 19 milioni di euro), da destinare alla costruzione di infrastrutture e a borse di studio per i giovani del Paese. In più, Pechino ha firmato un accordo strategico per accrescere gli investimenti cinesi in Afghanistan.

    Il ritiro delle truppe Nato dal Paese fa temere a Pechino un incremento del caos, del commercio di oppio e del fondamentalismo, contro cui essa sta lottando soprattutto nello Xinjiang. Hu ha detto che la Sco deve giocare un ruolo sempre maggiore in Afghanistan. Ma la parte russa ha escluso che questo aiuto implichi una presenza militare nel Paese.

    Hu Jintao ha anche incontrato il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad e gli ha chiesto di essere "pragmatico e flessibile" nei dialoghi con le grandi potenze sul nucleare.

    Il 18-19 giugno si terrà a Mosca una nuova tornata di dialoghi fra Teheran e i "5+1" (Usa, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina e Germania) per bloccare lo sviluppo nucleare dell'Iran che secondo le grandi potenze nasconde fini militari. Se non si trova un accordo, il primo luglio scatteranno nuove pesanti sanzioni commerciali e finanziarie.

    L'Iran ha sempre negato di avere scopi militari nel suo programma nucleare. Ali Ashghar Soltanieh, ambasciatore iraniano all'Aiea, l'agenzia Onu per l'energia atomica, ha dichiarato in questi giorni che il suo Paese è pronto a calmare ogni paura e a "rimuovere ogni ambiguità, provando davanti al mondo che le nostre attività hanno solo scopi pacifici".

    In una dichiarazione finale, la Sco ha sottolineato che l'uso della forza contro l'Iran - a causa delle preoccupazioni riguardo al suo programma nucleare - è inaccettabile e porterebbe a circostanze imprevedibili nella regione e nel mondo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2012 ASIA CENTRALE- CINA
    Il gruppo di Shanghai si evolve verso una nuova Via della Seta
    All'incontro del prossimo giugno, entrano anche l'Afghanistan e la Turchia. A tema il potenziamento di vie di comunicazione e la fondazione di una banca regionale. La competizione economica e militare con i piani Usa per l'area Asia-Pacifico. È urgente una maggiore collaborazione fra i popoli e le culture della regione.

    06/06/2012 CINA - RUSSIA
    L'asse Mosca-Pechino per ridurre l'influenza Usa in Asia
    Firmati 12 accordi e varato un fondo di investimento comune di 4 miliardi di dollari Usa. Colloqui con Ahmadinejad. Russia e Cina ribadiscono il sostegno al piano Annan sulla Siria. Intanto Pechino rafforza i rapporti economici con il Tajikistan: ricerche di gas nel sottosuolo; prestiti per strade; miniere di rame ed oro.

    12/06/2010 RUSSIA-CINA-ASIA CENTRALE
    La Sco apre a India e Pakistan, ma non all’Iran
    Il summit della Shanghai Cooperation Organization, conclusosi ieri in Uzbekistan, per la prima volta ha previsto la partecipazione di nuovi membri. Divieto di ingresso per chi è sottoposto a sanzioni Onu. Per evitare proteste durante il summit, la polizia uzbeka mette gli attivisti pro-diritti agli arresti domiciliari.

    17/08/2007 CINA - RUSSIA - IRAN
    Iran cerca alleanza con Cina, Russia e Asia centrale contro gli Usa
    Durante gli incontri ufficiali della Sco, il presidente Ahmadinejad chiede che sia creata una difesa contro lo scudo missilistico di Washington. Intanto Cina, Russia e Paesi dell'Asia centrale discutono una maggiore collaborazione soprattutto in campo energetico.

    18/01/2010 ASIA CENTRALE
    Asia Centrale agli ultimi posti nel mondo per libertà civili e democratiche
    Lo afferma il rapporto annuale di Freedom in the World. Nel 2009 in molti Stati ci sono stati addirittura peggioramenti per il rispetto dei diritti e della democrazia.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®