25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/06/2012
CINA- ASIA CENTRALE
Afghanistan e Iran, l'aiuto della Cina e del Gruppo di Shanghai
di Wang Zhicheng
Pechino offre un "aiuto sincero e gratuito" a Karzai: 19 milioni di euro per infrastrutture e borse di studio. Timori per influenze fondamentaliste nello Xinjiang. Stanziati 10 miliardi di dollari per potenziare ferrovie, telecomunicazioni e oleodotti nella regione. Il gruppo riafferma la sua contrarietà all'uso della forza contro l'Iran, ma chiede a Teheran di essere "pragmatico e flessibile" nei dialoghi sul programma nucleare.

Pechino (AsiaNews) - La Shanghai Cooperation Organization (Sco) - il gruppo che raccoglie Cina, Russia e le quattro nazioni dell'Asia Centrale - ha accolto l'Afghanistan come osservatore. La Cina ha promesso di aiutare Kabul fin da ora e soprattutto quando le truppe Nato lasceranno il Paese nel 2014. Il gruppo ha anche affermato la sua opposizione a ogni uso della forza contro l'Iran, altro paese osservatore.

All'incontro di due giorni svoltosi nella capitale cinese e concluso ieri, è stata accolta anche la Turchia come "partner di dialogo". In tal modo l'Sco viene ad abbracciare una serie di Paesi euroasiatici dal Mediterraneo fino all'Oceano Pacifico. In esso infatti sono compresi, oltre a Russia e Cina, anche Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan and Kazakistan. Oltre all'Iran, anche India, Pakistan e Mongolia sono osservatori.

Partito con l'intenzione di collaborare nella sicurezza e contro il terrorismo, il gruppo sta diventando una grande zona di collaborazione economica. Ieri la Cina ha deciso di offrire un prestito di 10 miliardi di dollari Usa per la costruzione di ferrovie, impianti di telecomunicazioni, oleodotti e gasdotti. Il gruppo ha anche deciso di rafforzare i reciproci rapporti economici.

Per l'Afghanistan, l'accoglienza nella Sco è una manna economica e politica. Hu Jintao ha deciso di offrire un aiuto "sincero e gratuito" al presidente Hamid Karzai per 150 milioni di yuan (circa 19 milioni di euro), da destinare alla costruzione di infrastrutture e a borse di studio per i giovani del Paese. In più, Pechino ha firmato un accordo strategico per accrescere gli investimenti cinesi in Afghanistan.

Il ritiro delle truppe Nato dal Paese fa temere a Pechino un incremento del caos, del commercio di oppio e del fondamentalismo, contro cui essa sta lottando soprattutto nello Xinjiang. Hu ha detto che la Sco deve giocare un ruolo sempre maggiore in Afghanistan. Ma la parte russa ha escluso che questo aiuto implichi una presenza militare nel Paese.

Hu Jintao ha anche incontrato il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad e gli ha chiesto di essere "pragmatico e flessibile" nei dialoghi con le grandi potenze sul nucleare.

Il 18-19 giugno si terrà a Mosca una nuova tornata di dialoghi fra Teheran e i "5+1" (Usa, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina e Germania) per bloccare lo sviluppo nucleare dell'Iran che secondo le grandi potenze nasconde fini militari. Se non si trova un accordo, il primo luglio scatteranno nuove pesanti sanzioni commerciali e finanziarie.

L'Iran ha sempre negato di avere scopi militari nel suo programma nucleare. Ali Ashghar Soltanieh, ambasciatore iraniano all'Aiea, l'agenzia Onu per l'energia atomica, ha dichiarato in questi giorni che il suo Paese è pronto a calmare ogni paura e a "rimuovere ogni ambiguità, provando davanti al mondo che le nostre attività hanno solo scopi pacifici".

In una dichiarazione finale, la Sco ha sottolineato che l'uso della forza contro l'Iran - a causa delle preoccupazioni riguardo al suo programma nucleare - è inaccettabile e porterebbe a circostanze imprevedibili nella regione e nel mondo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/05/2012 ASIA CENTRALE- CINA
Il gruppo di Shanghai si evolve verso una nuova Via della Seta
di Wang Zhicheng
06/06/2012 CINA - RUSSIA
L'asse Mosca-Pechino per ridurre l'influenza Usa in Asia
di Wang Zhicheng
12/06/2010 RUSSIA-CINA-ASIA CENTRALE
La Sco apre a India e Pakistan, ma non all’Iran
17/08/2007 CINA - RUSSIA - IRAN
Iran cerca alleanza con Cina, Russia e Asia centrale contro gli Usa
18/01/2010 ASIA CENTRALE
Asia Centrale agli ultimi posti nel mondo per libertà civili e democratiche

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate