21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/10/2009, 00.00

    IRAN

    Aiea, Teheran temporeggia: risposta sul nucleare rimandata alla settimana prossima



    Il governo iraniano valuta in modo “favorevole” la proposta dell’Aiea – approvata da Stati Uniti, Russia e Francia – ma chiede “altro tempo”. Per ElBaradei un accordo porterà una “nuova era di cooperazione”. Lo slittamento dovuto o a contrasti interni alla leadership iraniana o è il tentativo di continuare in segreto il programma nucleare.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) – L’Iran prende tempo e rimanda alla prossima settimana la decisione sul contenzioso nucleare. Mohammed ElBaradei, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), spera in una risposta “positiva” di Teheran. In precedenza Stati Uniti, Russia e Francia avevano dato parere positivo all’accordo, che prevede la fornitura al regime degli ayatollah di uranio arricchito per scopi pacifici.
     
    È stata una giornata convulsa quella vissuta ieri a Vienna, in Austria, sede dell’Aiea. Sul tavolo la proposta – elaborata al termine di una tre giorni di incontri – che prevede la cessione dell’Iran di gran parte delle sue scorte – il 75% circa – di uranio leggermente arricchito (fino al 5%) a Paesi terzi, fra cui Russia e Francia, i quali poi lo riconsegnerebbero arricchito al 20%, per uso esclusivamente civile in un reattore di ricerca medica controllato dall’Aiea.
     
    In un primo momento la Tv di Stato iraniana aveva annunciato che Teheran “non è disposta” ad accettare una parte fondamentale dell’accordo, relativa alla consegna all’estero di materiale nucleare. Un possibile fallimento nella trattativa è stato avanzato anche da Bernard Kouchner, Ministro francese degli esteri, in visita diplomatica in Libano: “Dalle notizie che mi giungono da Vienna – aveva affermato il ministro – la situazione non è positiva”. Più tardi l’Iran ha comunicato agli osservatori delle Nazioni Unite sul nucleare che valuta in modo “favorevole” il piano proposto, ma necessita di “altro tempo” per dare una risposta definitiva.
     
    “L’Iran ha informato il direttore generale – si legge in una nota diffusa ieri sera dall’Aiea  – che sta valutando la proposta a fondo e in un’ottica favorevole, ma necessita di tempo, fino alla metà della prossima settimana, per fornire una risposta”. ElBaradei auspica che il responso di Teheran sia “altrettanto positivo, poiché l’approvazione dell’accordo segnerà una nuova era di cooperazione”.
     
    Anche da Washington premono per la firma, augurandosi che “la prossima settimana [le autorità iraniane] daranno una risposta positiva”. “Ovviamente, avremmo preferito – spiega Ian Kelly, portavoce del Dipartimento di Stato Usa – una risposta oggi (ieri, ndr). Per noi la questione ha una priorità assoluta”.
     
    Analisti internazionali avanzano ipotesi sulle ragioni del temporeggiamento da parte di Teheran: da un lato vi sarebbe l’idea che l’Iran voglia solo rimandare decisioni e risposte, per continuare in gran segreto il programma nucleare nel Paese. Dall’altro, la possibilità che vi siano davvero visioni diverse all’interno del governo iraniano e serva altro tempo per una risposta finale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2006 IRAN
    Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

    Nulla di fatto ieri nella riunione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla questione nucleare iraniana. Ma Ahmadinejad si dice pronto anche a una difesa militare.



    07/11/2009 IRAN
    Teheran: no all’invio all’estero di uranio arricchito
    Lo ha affermato Alaeddin Borujerdi, presidente della commissione parlamentare per gli affari esteri. Il parlamentare aggiunge che si stanno cercando “soluzioni alternative" e che l’Occidente “non può imporre scadenze”. Crescono i timori che l’Iran stia fabbricando in segreto la bomba atomica.

    01/04/2010 CINA – IRAN
    Pechino: “Sul nucleare iraniano, soluzione pacifica”
    Il portavoce del ministero degli Esteri Qin Gang sottolinea: “Sì ai colloqui con il 5+1, ma privilegiamo la diplomazia alle sanzioni”. E oggi a Pechino arriva il capo negoziatore per il nucleare di Teheran.

    29/12/2015 IRAN - STATI UNITI
    Teheran invia in Russia 11 tonnellate di uranio arricchito
    Il segretario di Stato Usa John Kerry conferma il mantenimento degli impegni presi dall’Iran. Sale da tre a nove mesi il tempo necessario per produrre l’atomica; si avvicina ‘breakout time’ fissato dalle potenze internazionali.

    21/09/2015 IRAN - ONU
    Nucleare iraniano: Il capo dell’Aiea visita il controverso sito di Parchin
    Yukiya Amano ha varcato ieri i cancelli del sito militare, sospettato in passato di ospitare esperimenti volti alla produzione della bomba atomica. Una vista svolta nel contesto degli sforzi in atto per dirimere “ambiguità” relative al “carattere militare” del programma nucleare di Teheran. Per il presidente Rouhani il popolo è favorevole all’accordo.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®