1 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2012
EGITTO
Al- Azhar e copti insieme contro l'islamizzazione dell'Egitto
Entrambi hanno ritirato i propri rappresentanti dall'Assemblea costituente dominata da Fratelli musulmani e salafiti. Portavoce della Chiesa cattolica avverte sulle finte posizioni moderate dei partiti islamici. Giustizia e Libertà (Fratelli musulmani), nomina il suo candidato per le elezioni presidenziali.

Il Cairo (AsiaNews) - "Come durante la rivoluzione dei Gelsomini, cristiani e musulmani sono di nuovo riuniti per il bene del Paese e sono contro l'eccessivo potere degli islamisti". È quanto sottolinea ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, sul boicottaggio dell'Assemblea costituente di cristiani copti, università islamica di al-Azhar e partiti laici. Ad accrescere i timori vi è anche la candidatura alle elezioni presidenziali del magnate Khairat el-Shater, membro dei Fratelli musulmani (nella foto).  

Oggi, il Sinodo della Chiesa copta ortodossa ha ritirato il suo rappresentante, accusando i movimenti islamici di voler scrivere la costituzione con "un'unica mano", dando un'impronta islamica radicale. Nei giorni scorsi anche il delegato della Corte costituzionale ha rassegnato le sue dimissioni. Questa notte il Consiglio supremo delle forze armate (Scaf) si è riunito per studiare una nuova votazione dell'Assemblea che tenga conto di tutte le parti sociali, politiche e religiose. La maggioranza islamista ha escluso dalla scrittura della nuova costituzione diverse parti importanti della società, fra cui la Chiesa cattolica.

Nominata nelle scorse settimane dal Parlamento, l'Assemblea costituente è composta da 100 membri, 50 giuristi della camera alta e della camera bassa del Parlamento, e 50 figure pubbliche. Essi hanno il compito di scrivere la nuova costituzione egiziana, dopo la caduta del regime di Mubarak.  Forti del loro 60% guadagnato alle elezioni, Fratelli musulmani e salafiti hanno sfruttato la maggioranza parlamentare per dominare l'Assemblea e impedire alle forze moderate di influenzare eventuali decisioni impopolari, soprattutto in merito di libertà religiosa e diritti umani.

Il comportamento dei Fratelli musulmani e dei salafiti ha scandalizzato le autorità di al-Azhar.  Ahmed al Tayeb, grande imam dell'Università, ha sottolineato che "lo spazio dato ai delegati in Assemblea sminuisce l'importanza di al-Azhar e non rispecchia il ruolo storico dell'ateneo nella società egiziana".

P. Greiche nota che "i Fratelli musulmani  stanno mantenendo una finta posizione moderata per mantenere il potere e andare avanti con il loro programma di radicalizzazione del Paese. In questi mesi essi hanno detto solo menzogne". Fino a pochi giorni prima delle votazioni, gli islamisti avevano garantito un'Assemblea fondata sull'intesa nazionale e non sulla maggioranza parlamentare.  Oggi, Giustizia e libertà, braccio politico dei Fratelli musulmani, ha annunciato a sorpresa la candidatura alle presidenziali di Khairat el- Shater, tesoriere e organizzatore della campagna elettorale del partito. Dopo la vittoria alle elezioni della Camera alta i leader di Giustizia e Libertà avevano escluso un'eventuale candidatura per non monopolizzare la scena politica.

Khairat el-Shater, uomo d'affari di 62 anni  è  uno dei principali finanziatori del movimento dei Fratelli musulmani. Egli è stato condannato nel 2007 a sette anni di carcere per aver addestrato studenti dell'università di al-Azhar a compiere attentati.  L'esercito lo ha rilasciato nel 2011 dopo la rivoluzione. Tuttavia , secondo alcuni esperti, per potersi candidare, egli ha la necessità di chiedere la grazia per i suoi crimini.  El - Shater è il terzo candidato appartenente a una formazione vicina all'islam radicale, dopo  Abdel-Monein Abul-Fottouh ex di Giustizia e Libertà espulso per sue ambizioni politiche, e Hazem Salah Abu Ismail, che concorrerà alle elezioni per il partito salafita al- Nour. (S.C.) 

 

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/11/2012 EGITTO
Blitz di Fratelli musulmani e salafiti: la sharia è la principale fonte del diritto
19/08/2013 EGITTO
Egitto, Chiese cristiane: con le loro bugie i media occidentali aiutano gli islamisti
19/02/2013 EGITTO
Egitto, Benedetto XVI un esempio per cattolici e ortodossi
di André Azzam
01/02/2013 EGITTO
Egitto, la ricetta "spirituale" di al-Azhar per fermare le violenze
19/01/2012 EGITTO
Dopo 50 anni, Al-Azhar conquista l'indipendenza dai politici

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate