28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/04/2012, 00.00

    EGITTO

    Al- Azhar e copti insieme contro l'islamizzazione dell'Egitto



    Entrambi hanno ritirato i propri rappresentanti dall'Assemblea costituente dominata da Fratelli musulmani e salafiti. Portavoce della Chiesa cattolica avverte sulle finte posizioni moderate dei partiti islamici. Giustizia e Libertà (Fratelli musulmani), nomina il suo candidato per le elezioni presidenziali.

    Il Cairo (AsiaNews) - "Come durante la rivoluzione dei Gelsomini, cristiani e musulmani sono di nuovo riuniti per il bene del Paese e sono contro l'eccessivo potere degli islamisti". È quanto sottolinea ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, sul boicottaggio dell'Assemblea costituente di cristiani copti, università islamica di al-Azhar e partiti laici. Ad accrescere i timori vi è anche la candidatura alle elezioni presidenziali del magnate Khairat el-Shater, membro dei Fratelli musulmani (nella foto).  

    Oggi, il Sinodo della Chiesa copta ortodossa ha ritirato il suo rappresentante, accusando i movimenti islamici di voler scrivere la costituzione con "un'unica mano", dando un'impronta islamica radicale. Nei giorni scorsi anche il delegato della Corte costituzionale ha rassegnato le sue dimissioni. Questa notte il Consiglio supremo delle forze armate (Scaf) si è riunito per studiare una nuova votazione dell'Assemblea che tenga conto di tutte le parti sociali, politiche e religiose. La maggioranza islamista ha escluso dalla scrittura della nuova costituzione diverse parti importanti della società, fra cui la Chiesa cattolica.

    Nominata nelle scorse settimane dal Parlamento, l'Assemblea costituente è composta da 100 membri, 50 giuristi della camera alta e della camera bassa del Parlamento, e 50 figure pubbliche. Essi hanno il compito di scrivere la nuova costituzione egiziana, dopo la caduta del regime di Mubarak.  Forti del loro 60% guadagnato alle elezioni, Fratelli musulmani e salafiti hanno sfruttato la maggioranza parlamentare per dominare l'Assemblea e impedire alle forze moderate di influenzare eventuali decisioni impopolari, soprattutto in merito di libertà religiosa e diritti umani.

    Il comportamento dei Fratelli musulmani e dei salafiti ha scandalizzato le autorità di al-Azhar.  Ahmed al Tayeb, grande imam dell'Università, ha sottolineato che "lo spazio dato ai delegati in Assemblea sminuisce l'importanza di al-Azhar e non rispecchia il ruolo storico dell'ateneo nella società egiziana".

    P. Greiche nota che "i Fratelli musulmani  stanno mantenendo una finta posizione moderata per mantenere il potere e andare avanti con il loro programma di radicalizzazione del Paese. In questi mesi essi hanno detto solo menzogne". Fino a pochi giorni prima delle votazioni, gli islamisti avevano garantito un'Assemblea fondata sull'intesa nazionale e non sulla maggioranza parlamentare.  Oggi, Giustizia e libertà, braccio politico dei Fratelli musulmani, ha annunciato a sorpresa la candidatura alle presidenziali di Khairat el- Shater, tesoriere e organizzatore della campagna elettorale del partito. Dopo la vittoria alle elezioni della Camera alta i leader di Giustizia e Libertà avevano escluso un'eventuale candidatura per non monopolizzare la scena politica.

    Khairat el-Shater, uomo d'affari di 62 anni  è  uno dei principali finanziatori del movimento dei Fratelli musulmani. Egli è stato condannato nel 2007 a sette anni di carcere per aver addestrato studenti dell'università di al-Azhar a compiere attentati.  L'esercito lo ha rilasciato nel 2011 dopo la rivoluzione. Tuttavia , secondo alcuni esperti, per potersi candidare, egli ha la necessità di chiedere la grazia per i suoi crimini.  El - Shater è il terzo candidato appartenente a una formazione vicina all'islam radicale, dopo  Abdel-Monein Abul-Fottouh ex di Giustizia e Libertà espulso per sue ambizioni politiche, e Hazem Salah Abu Ismail, che concorrerà alle elezioni per il partito salafita al- Nour. (S.C.) 

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/11/2012 EGITTO
    Blitz di Fratelli musulmani e salafiti: la sharia è la principale fonte del diritto
    Votato in tempo record l'art. 2 della nuova costituzione che subordina il diritto ai dettami precisi del Corano. L'Assemblea ha votato nonostante il boicottaggio dei partiti liberali, Chiesa copta ortodossa e altri realtà della società civile. Alla seduta erano presenti solo 85 membri su 100.

    19/08/2013 EGITTO
    Egitto, Chiese cristiane: con le loro bugie i media occidentali aiutano gli islamisti
    In due comunicati distinti le comunità copta-ortodossa e cattolica condannano le violenze di questi giorni e offrono sostegno alle istituzioni. L'invito ai media occidentali per diffondere un'immagine vera dell'Egitto senza fomentare scontri confessionali. Solo l'unità fra cristiani e musulmani può salvare il Paese.

    19/02/2013 EGITTO
    Egitto, Benedetto XVI un esempio per cattolici e ortodossi
    I pastori delle sette denominazioni cattoliche egiziane considerano le dimissioni del Papa un grande gesto di fede e responsabilità. La via indicata dal Sinodo del Medio Oriente unica strada per affrontare le sfide emerse con la Primavera araba. Per i greco-ortodossi la decisione del Papa darà nuovo impulso alla Chiesa.

    01/02/2013 EGITTO
    Egitto, la ricetta "spirituale" di al-Azhar per fermare le violenze
    Un documento in 10 punti è stato presentato ieri dal grande imam al-Tayeb. All'incontro erano presenti varie personalità fra cui il patriarca copto ortodosso Tawadros II. Fra i temi la sacralità della vita umana, il riconoscimento della diversità presenti nella società egiziana. L'appello ai media e ai leader religiosi per denunciare le violenze.

    07/01/2014 EGITTO
    Il Cairo: I copti ortodossi festeggiano un Natale "blindato", ma senza violenze
    Al Cairo e in tutto l'Egitto polizia ed esercito controllano l'accesso alle chiese. Per la prima volta dalla visita di Nasser un presidente si reca alla cattedrale copta-ortodossa di Abasseya. Per Tawadros II la nascita di Gesù "infonde speranza, coraggio e una nuova vita".



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®