18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/12/2010, 00.00

    ISRAELE

    Al Qaeda rivendica: l’incendio del Carmelo è opera nostra



    Un gruppo, che si autodefinisce in un messaggio Internet “Leoni dei mujahidin in Palestina” sostiene di aver appiccato l’incendio fra giovedì e venerdì per vendicare la morte di alcuni guerriglieri a Gaza. Le autorità israeliane negano però l’origine dolosa. In arrivo aiuti internazionali.

    Haifa (AsiaNews/Agenzie) – L’incendio che ha devastato la foresta del monte Carmelo, il più grave disastro ambientale nella storia di Israele, è stato rivendicato dall’organizzazione terroristica Al Qaeda. Anche se le autorità locali di polizia attribuiscono alla negligenza, e alla siccità che sta colpendo la regione, il divampare delle fiamme.

    Oggi una nuova sigla terroristica, che sostiene di essere collegata con Al Qaeda, ha pubblicato sui forum jihadisti su Internet, gli stessi utilizzati da Osama Bin Laden per i suoi videomessaggi, un messaggio di rivendicazione. Il gruppo, denominato “Leoni dei mujahidin in Palestina” sostiene di aver appiccato il fuoco agli alberi del monte israeliano, dando il via all'incendio in corso. "I Leoni dei mujahidin in Palestina" avrebbero agito nella notte tra giovedì e venerdì scorso - si legge nel messaggio - "eseguendo una spedizione benedetta ed eroica unica nel suo genere all'interno del territorio del popolo usurpatore, sul monte Carmelo occupato, appiccando il fuoco tra i suoi alberi e provocando al morte di più di 40 persone e il ferimento di altre decine, come riconosciuto dallo stesso nemico".

    Il gruppo terroristico della cui credibilità per il momento non esistono conferme indipendenti, ha inoltre ringraziato "il vento, che è stato uno dei soldati di Allah, per il suo aiuto, facendo espandere le fiamme fino a dove non avremmo mai pensato, tanto che il nemico non è stato in grado di domarlo e si è visto costretto a chiedere aiuto a forze straniere". Nel messaggio si ricorda infine che "questa spedizione benedetta fa parte della serie di spedizioni condotte contro l'occupante ebreo per vendicare il sangue dei musulmani uccisi, primo tra tutti Muhamman al-Namnam e i fratelli Islam e Muhammad Yasin ed altri salafiti jihadisti palestinesi. Il nemico sa che i figli del monoteismo non dormono e sono in grado di dare loro una lezione". Il riferimento è ai tre esponenti del gruppo jihadista palestinese “Esercito dell'Islam”, sigla legata alla rete di al-Qaeda nella Striscia di Gaza, uccisi nei giorni scorse settimane in due diversi raid aerei israeliani.

    Invece secondo le autorità israeliane l'incendio in corso nella zona del Monte Carmelo, il più grave disastro ambientale della storia di Israele, non sarebbe di origine dolosa ma sarebbe stato causato da negligenza: lo ha dichiarato il portavoce della polizia israeliana, Micky Rosenfeld, senza fornire ulteriori dettagli. L'incendio ha causato almeno 42 morti, costretto allo sgombero di 17mila persone e distrutto ettari di bosco oltre a numerose abitazioni: nonostante l'intervento degli aerei anti-incendio inviati dall'estero, le fiamme non sarebbero ancora sotto controllo e il forte vento starebbe anzi alimentando ulteriormente l'incendio, che minaccia ora alcuni sobborghi di Haifa. Altri aiuti internazionali sono arrivati in Israele per combattere il vasto incendio . Due enormi aerei russi, con capacità di 42 tonnellate di acqua, sono già al lavoro sul posto, insieme ai 6 mezzi aerei inviati da Francia, Turchia, Grecia e Cipro, hanno riferito i vigili del fuoco. Il portavoce dei vigili del fuoco, Yoram Levy ha detto che gli aiuti arrivati dall'estero "potrebbero aiutarci ad estinguere entro stanotte le fiamme" che hanno divorato 4 milioni di alberi su una superficie di 3.400 ettari. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2010 ISRAELE
    Dopo quattro giorni si ferma l’incendio sul monte Carmelo
    Fondamentale l’intervento degli aiuti internazionali, richiesti da Netanyahu per far fronte agli scarsi mezzi a disposizione dei vigili del fuoco israeliani. Sale a 42 il numero delle vittime, con la morte del capo della polizia di Haifa Ahuva Tomer, prima donna a diventare comandante di una stazione di polizia.

    03/12/2010 ISRAELE
    Fuoco sul Monte Carmelo: 40 morti
    Un autobus con guardie carcerarie è stato avvolto dalle fiamme. Distrutti finora quasi 3 mila ettari. Netanyahu: “Un disastro senza precedenti”. Grecia, Spagna, Cipro, Russia, Turchia inviano aerei cisterna ed elicotteri.

    07/12/2010 ISRAELE
    Non si trova il colpevole dell’incendio del Monte Carmelo, rilasciato ragazzo arrestato ieri
    Il ragazzo, arrestato ieri, aveva ammesso la sua responsabilità, dichiarando che si era però trattato di un incidente. Oggi, la smentita: la sua confessione sarebbe arrivata sotto coercizione della polizia. Il padre: “Mi dispiace per le vittime dell’incendio, ma mio figlio non pagherà il prezzo di questa tragedia”.

    07/12/2010 ISRAELE-TURCHIA
    Ankara e Gerusalemme tentano la “diplomazia del fuoco”
    L’aiuto dato dalla Turchia contro l’incendio del Monte Carmelo può essere un’occasione per superare il muro creatosi tra i due Paesi dopo l’attacco alla “flottiglia di Gaza”. A Ginevra, ci sono stati colloqui. Ma ci sono difficoltà.

    02/11/2010 INDONESIA
    Indonesia in ginocchio per eruzioni vulcaniche e tsunami
    Nel Central Java una nuova esplosione del Monte Merapi rallenta i soccorsi. Bloccati anche gli aeroporti internazionali. I vulcanologi temono nuove eruzioni nelle prossime settimane. A rischio oltre 50mila sfollati al momento in campi di fortuna senza cibo, acqua e servizi di prima necessità. Nelle Mentawai colpite dallo tsunami il maltempo blocca le navi dei soccorritori.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®