01 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/08/2016, 08.59

    SIRIA

    Aleppo: ucciso al-Adnani, portavoce dello Stato islamico e ideatore dei “lupi solitari”



    La morte giunge in un momento di difficoltà del movimento jihadista sul piano militare. Egli è stato ucciso durante una “missione di ricognizione” nella provincia. Portavoce Pentagono: colpito il “principale architetto” delle operazioni esterne dello SI. Fra i fondatori del “Califfato”, sulla sua testa pendeva una taglia di cinque milioni di dollari. 

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Abu Muhammad al-Adnani, portavoce e capo della strategia dello Stato islamico (SI), divenuto celebre in queste ultime settimane per l’appello agli attacchi in Occidente durante il Ramadan, è stato ucciso in Siria. La conferma è giunta ieri sera attraverso fonti jihadiste rilanciate dall’agenzia Amaq, vicina a Daesh [acronimo arabo per lo SI], secondo cui egli è morto in una località della provincia di Aleppo, oggi epicentro del conflitto siriano. 

    La notizia del decesso di uno dei più importanti uomini del Califfato giunge in un momento di difficoltà, almeno sul piano militare, per il movimento estremista islamico; nelle ultime settimane le milizie jihadiste hanno subito pesanti sconfitte in Siria e in Iraq. 

    Secondo quanto riferisce l’agenzia Amaq, Adnani è stato ucciso durante una missione di ricognizione nell’area circostante Aleppo, dove si combatte la "madre di tutte le battaglie". Di recente si sono intensificati i combattimenti nella capitale del nord della Siria, con i ribelli intenti a rompere l’assedio governativo e i caccia russi e siriani impegnati in raid aerei. 

    In serata una nota del Pentagono ha confermato un attacco contro un “importante leader” dello Stato islamico nella zona di Al Bab, nel governatorato di Aleppo, circa 50 km a nord-est della città. 

    Peter Cook, portavoce del Pentagono, ha definito il leader jihadista il “principale architetto delle operazione esterne dell’Isil” (altro nome dello SI).

    Il portale di intelligence Site, esperto nel monitorare le attività jihadiste, riferisce che Adnani è stato ucciso durante il viaggio da Raqqa, “capitale” del Califfato, ad Aleppo. Egli non era solo il portavoce del gruppo, ma anche uno dei gerarchi più feroci e ispiratore dei cosiddetti “lupi solitari” responsabili di attacchi sanguinari in Europa. “La scomparsa di Adnani dal campo di battaglia - ha aggiunto Cook - sarebbe un duro colpo per lo SI”. 

    Nato nella cittadina settentrionale di Banash nel 1977, il suo vero nome era Taha Sobhi Falaha: sulla sua testa pendeva una taglia di cinque milioni di dollari da parte degli Stati Uniti. Negli anni duemila ha fatto il suo ingresso nella galassia terrorista, dopo aver prestato giuramento nelle mani di al Zarqawi, leader di Daesh in Iraq. 

    Nel 2014 egli ha dichiarato in via informale la nascita del “Califfato” dello Stato islamico, che nel frattempo aveva conquistato almeno la metà dei territori - peraltro in gran parte aree desertiche - di Siria e Iraq. Sempre lui aveva annunciato la leadership del gruppo, affidata alla guida del leader estremista Abu Bakr al-Baghdadi e chiedendo l’alleanza dei musulmani di tutto il mondo.

    Celebre il messaggio audio del 22 settembre 2014, in cui lo stesso al Adnani nel contesto di un discorso di oltre 40 minuti invocava la “chiamata alle armi” dei lupi solitari. Una incitazione rivolta ai fedeli musulmani che vivono in Occidente, perché uccidano civili nei loro Paesi ricorrendo a ogni mezzo disponibile per giungere all’obiettivo. 

    Molti degli attacchi dell’ultimo periodo rivendicati dai jihadisti sono stati ispirati proprio dalle parole di al Adnani, come avvenuto negli attentati a Nizza e Rouen, in Francia, oltre che l’attentato suicida a Baghdad. Secondo analisti ed esperti egli era dotato di notevole oratoria e capacità militari; a lui si deve la formazione di una rete di cellule terroristiche dormienti in Europa - e non solo - pronte a colpire in ogni momento. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/12/2016 12:44:00 SIRIA
    Al Bab, la porta di Aleppo, il nuovo fronte di scontro fra turchi, siriani e curdi

    Mentre Damasco festeggia la riconquista della seconda città del Paese, i turchi bombardano alle porte della città. Nei raid aerei sono morti 29 civili, fra cui otto bambini. Illesi i miliziani di Daesh. Al Bab il prezzo ceduto alla Turchia per convincere i jihadisti e i ribelli a evacuare Aleppo Est.

     



    19/07/2016 16:34:00 SIRIA
    Aleppo: peggiora la crisi umanitaria, 200mila persone a rischio fame

    Da giorni mancano cibo, pane e altri generi di prima necessità. Preoccupazione delle Nazioni Unite che denunciano il blocco della distribuzione di aiuti. L’assedio governativo alla zona est della città potrebbe rappresentare una svolta nel conflitto siriano. Nel nord-est del Paese alle fiamme una chiesa siro-ortodossa; dietro il raid (forse) miliziani dello Stato islamico.

     



    12/07/2016 11:43:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Troppa violenza, sospendiamo le attività. Ma la chiesa resta aperta

    Per tutta la giornata di ieri si sono susseguiti pesanti bombardamenti. Diverse vittime fra la popolazione civile. Mons. Abou Khazen: il fronte è altrove, si tratta di attacchi sferrati dai ribelli verso i quartieri governativi “per spirito di vendetta”. Il vicariato ferma le attività e i campi estivi per i ragazzi; resta aperta solo la chiesa per la preghiera e le funzioni. 



    19/04/2017 11:25:00 SIRIA
    Parroco ad Aleppo: non sono le religioni ad alimentare la guerra, la fede è fonte di pace

    Secondo p. Ibrahim in questa “drammatica guerra” solo i leader religiosi veri “operatori di pace”. Senza l’intervento dei capi cristiani, sunniti e sciiti la stessa Aleppo sarebbe “andata distrutta”. L’incontro col gran muftì fonte di pace e di riconciliazione. L’attentato ai profughi di Rashideen per fomentare le divisioni confessionali. Oltre le distruzioni, la gioia per le celebrazioni della Pasqua.

     



    18/04/2017 15:35:00 SIRIA - ONU
    Onu: l’attacco al convoglio ad Aleppo un crimine. Salgono a 126 le vittime

    Fra i morti vi sono anche 68 bambini. Al momento non si hanno notizie ufficiali sugli autori. Nessun gruppo ha rivendicato la strage. Colpiti civili in fuga da Foah e Kefraya, cittadine da tempo sotto assedio governativo. I media occidentali alludono a un coinvolgimento di Damasco. Ma la mano sembra quella di al Qaeda.

     





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®