07/05/2013, 00.00
MALAYSIA
Invia ad un amico

Analista cattolico: Dal pasticcio delle urne partirà la Primavera malaysiana

Il direttore del giornale cattolico Herald Malaysia, p. Lawrence sj, parla di casi evidenti di irregolarità, che gettano un’ombra sulla vittoria “risicata” del partito di governo. Domani è prevista una manifestazione di piazza dell’opposizione. Una battaglia per “ristabilire verità e libertà” per risollevare il Paese dalla “melma” del potere.

Kuala Lumpur (AsiaNews) - "Le elezioni sono state un gran pasticcio". Così p. Andrew Lawrence Sj., direttore del giornale cattolico Herald Malaysia, giudica il voto dello scorso fine settimana che ha confermato - seppur con un margine "risicato" - la coalizione governativa guidata dal premier Najib Razak. Tuttavia, aggiunge, "risultano sempre più casi evidenti di voti irregolari" che sono arrivati attraverso le urne, in particolare per quanto concerne i voti dall'estero, e che hanno determinato la vittoria del Barisan Nasional (Bn, Fronte nazionale). "Ciò equivale a un atto di tradimento [della volontà popolare] - accusa il sacerdote ed esperto di politica malaysiana - operato dai responsabili delle operazioni, per gli atti illegali e incivili compiuti il 5 maggio scorso". Intanto per domani l'opposizione ha indetto una manifestazione di piazza, per denunciare i brogli e contestare l'esito delle urne come ha già anticipato il leader Anwar Ibrahim.

Secondo i risultati forniti dalla Commissione elettorale, il partito del premier ha ottenuto un totale di 133 seggi sui 222 in palio, il peggior risultato nella sua storia. Il movimento di opposizione ha conquistato 89 seggi, sette in più del precedente Parlamento. Si tratta della 13ma vittoria consecutiva per il Fronte nazionale dalla conquista dell'indipendenza dalla Gran Bretagna del 1957. Ha votato l'80% degli aventi diritto, pari a oltre 10 milioni di persone su un totale di 13 milioni registrati. Poco dopo l'annuncio ufficiale, migliaia di elettori vicini hanno cambiato la propria immagine sui social network, sostituendola con un francobollo nero in segno di protesta

Ieri il premier ha giurato per il nuovo mandato quinquennale, ma in pochi sono pronti a scommettere che il suo cammino sarà libero da ostacoli; persino all'interno del suo stesso partito, una frangia consistente delusa per il margine minimo di vittoria vorrebbe imprimere un cambio di leadership. Simpatizzanti vicini all'opposizione rilanciano le denunce di brogli, mediante cartelli e ritratti (nella foto) che parlano di "voti piovuti dal cielo", urne che "scompaiono per qualche ora" e polizia che "difende gli organi di governo e non la gente".

Interpellato da AsiaNews sul voto, p. Lawrence conferma i dubbi sulla legittimità del risultato. In alcuni casi, spiega, il partito di governo è stato "aiutato dai cosiddetti voti per posta", che sono serviti a "mantenere a galla un leader in declino" solo per permettere al partito di mantenere il potere.

Il direttore del giornale cattolico Herald Malaysia sottolinea che "la Primavera malaysiana è iniziata" e domani si avrà un primo assaggio "con la grande manifestazione di piazza" in cui verrà scandito lo slogan "la voce del popolo è sacra". Egli è convinto che "Najib non durerà a lungo", perché la battaglia "per ristabilire verità e libertà" si potrà risollevare il Paese "dalla melma" del potere.(DS)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Elezioni in Malaysia: vittoria (risicata) del governo. Accusa di brogli dall’opposizione
06/05/2013
Al via la connessione fra la borsa di Hong Kong e quella di Shenzhen
05/12/2016 08:37
Elezioni generali, Mahatir: ‘No alla svendita del Paese a Pechino’
09/04/2018 13:05
Sempre più Paesi stampano le proprie banconote in Cina
13/08/2018 11:27
Esperti commentano lo yuan rivalutato (di poco)
22/07/2005