5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/10/2004
ARABIA SAUDITA
Anche gli stranieri non islamici devono osservare il Ramadan

Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Anche gli stranieri devono osservare le regole prescritte per il sacro mese del Ramadan: non potranno mangiare, bere o fumare in pubblico nelle ore diurne. Il governo saudita ha avvertito gli stranieri e ha confermato che non saranno tollerate violazioni alla legge.

Il mese sacro del Ramadan – nono del calendario islamico – comincerà il prossimo 15 ottobre con la nuova luna e durerà 4 settimane; in questo periodo i musulmani dovranno digiunare e astenersi dal sesso dall'alba al tramonto.

In una nota diffusa dall'agenzia di stampa di stato, il Ministro degli interni afferma che "gli stranieri devono rispettare i sentimenti e le leggi dei musulmani: anche per loro vale la regola che proibisce di mangiare, bere e fumare nei negozi, per le strade e negli uffici".

"Non essere un musulmano – precisa il ministro – non garantisce l'impunità; chi infrangerà la legge perderà il lavoro e verrà espulso dal paese".

La nota informa che è compito dei datori di lavoro avvertire i non musulmani; la disposizione verrà trasmessa anche dalla tv e dalla radio di stato in tre diverse lingue: arabo, inglese e francese.

Secondo la tradizione islamica circa 1400 anni fa, durante il Ramadan, Dio rivelò al profeta Maometto il Corano, libro santo dei musulmani.

L'Arabia Saudita è retta da una monarchia assoluta fondata sui principi dell'islam wahabita, una delle correnti più fondamentaliste. La legge islamica, la shari'ah, regge il sistema di governo. Su una popolazione di 21,6 milioni di abitanti gli stranieri sono 8 milioni circa. I musulmani sono il 93,7%; i cristiani sono il 3,7%, nella quasi totalità lavoratori stranieri. I cattolici sono 900 mila. (DS)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/11/2008 ARABIA SAUDITA
Maglietta “drivers” e torta con un’automobile: la protesta delle guidatrici saudite
07/09/2004 arabia saudita
"Una Chiesa delle catacombe, ma viva e universale"
di Giuseppe Caffulli
28/08/2004 ARABIA SAUDITA
Processo a riformisti rinviato per proteste in aula
26/11/2008 ARABIA SAUDITA
AccoLade, la prima rock-band “in rosa” del regno saudita
25/11/2004 ARABIA SAUDITA
La campagna "Salvate il cristiano O'Connor", esempio di solidarietà via internet

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate