18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2016, 08.34

    TURCHIA

    Ancora nessuna rivendicazione per l’attentato di Ankara. Il governo sospetta i curdi

    NAT da Polis

    Fra i più probabili esecutori vi è il gruppo dei Tak, i Falchi alati per la libertà del Kurdistan, un ramo ancora più radicale del Pkk. Dubbi sul ruolo geopolitico  della Turchia nello scacchiere medio-orientale. La grande popolarità di Erdogan.

    Istanbul (AsiaNews) - A decine di ore dalla potente esplosione che ha scosso il centro di Ankara, vicino alla Assemblea Nazionale, nessun gruppo ne ha ancora rivendicato la matrice. Dietro anonimato, un alto funzionario dei servizi di sicurezza ha confermato la mancanza di rivendicazioni, come pure che l’attentato era un attacco suicida.

    Funzionari del Ministero degli Interni ipotizzano che i responsabili siano da trovare nel Pkk (Il Partito curdo dei lavoratori, che è fuorilegge) o in frange vicine, come i Tak, i Falchi alati per la libertà del Kurdistan, un ramo ancora più radicale del Pkk, che non obbedisce ai tentativi di dialogo e di apertura del capo del Pkk, Abdullah Öcalan.

    La potentissima esplosione di ieri cade a quasi un mese da   quella avvenuta sempre nella capitale turca e che aveva provocato anche allora tantissimi morti e feriti. Anche stavolta come allora l’intento degli attentatori è stato di colpire postazioni nevralgici della capitale turca, vicini a sedi istituzionali. Anche stavolta, come un mese fa, poche ore dopo l'esplosione, è stato negato l'accesso ai social network: un tribunale di Ankara ha immediatamente  ordinato  il divieto  di accesso a Facebook, Twitter e altri social media.

    Fra gli osservatori nella capitale, si è sorpresi per la capacità degli attentatori di agire malgrado le draconiane misure prese dal governo turco dopo l’attentato di un mese fa. Secondo questi osservatori, ciò dimostra che la Turchia di Erdogan si trova in grandissima difficoltà nel gestire sia la questione curda, sia il  suo ruolo  geopolitico  nello scacchiere medio orientale, dopo la débâcle siriana.

    Allo stesso tempo, si sta osservando una radicale polarizzazione della società turca, dove una grande parte sostiene  il presidente Erdogan, credendo che la Turchia faccia timore ai potenti della Terra.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/03/2016 08:32:00 TURCHIA
    L’attentato di Istanbul attribuito ai jihadisti

    Nel timore di nuovi attacchi, cancellato il match fra Galatasaray e Fenerbahçe. Proibite le feste per Nouruz, il capodanno kurdo. Israele raccomanda ai suoi connazionali di non andare in Turchia. L’attentatore sarebbe un giovane turco dello Stato islamico che ha combattuto in Siria. Fermati altri cinque sospetti.



    17/03/2016 11:50:00 TURCHIA
    Radicali kurdi rivendicano l’attacco di Ankara, ma Erdogan accusa il pacifico Demirtas

    L’attacco del 13 marzo ad opera del Tak (Falchi della libertà del Kurdistan”. Una vendetta contro “i 300 kurdi uccisi a Cizre” nelle operazioni delle forze di sicurezza. Fermati avvocati kurdi e studenti universitari. Erdogan chiede al parlamento di strappare l’immunità a cinque deputati kurdi, “complici” del terrorismo.



    19/03/2016 13:07:00 TURCHIA
    Attacco suicida nel centro di Istanbul


    13/03/2016 22:30:00 TURCHIA
    Ankara colpita da un’esplosione: almeno 34 morti e 125 feriti


    08/09/2017 11:34:00 TURCHIA
    Erdogan impone il silenzio anche fuori dei confini turchi

    Attraverso l’Interpol e la lotta al terrorismo, il presidente turco riesce a far arrestare giornalisti esuli in Germania o in Svezia. Accusati di “terrorismo” perché criticano Erdogan, o pubblicano articoli sul Genocidio armeno o sui curdi.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®