25 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/04/2017, 08.40

    FRANCIA-ISLAM

    Ancora terrore a Parigi: lo Stato islamico rivendica l’attentato agli Champs Elisées



    L’autore era conosciuto dalle forze di sicurezza come pericoloso. L’attentato a pochi giorni dalle elezioni presidenziali. La lunga serie di violenze a Parigi, Nizza, Rouen, Marsiglia. Fra le cause delle violenze si parla della povertà e dell'abbandono nelle periferie, ma anche dell'insegnamento fondamentalista di molti imam nelle moschee francesi.

    Parigi (AsiaNews) – Un sospetto terrorista, già conosciuto dalla sicurezza, ha ucciso un poliziotto e ferito altri due ieri sera verso le 9, lungo gli Champs Elisées. L’attentato, rivendicato subito dopo dallo Stato islamico, avviene a tre giorni dalle elezioni presidenziali nel Paese.

    L’autore dell’attacco guidava un’Audi 80 lungo il viale quando è sceso davanti a una macchina della polizia è ha fatto fuoco con un mitra. Dopo aver ucciso uno dei poliziotti e feriti altri due colleghi, è stato ucciso da altri soldati della sicurezza.

    Una dichiarazione dello SI pubblicata sulla loro agenzia Amaq afferma che “l’autore dell’attacco agli Champs Elisees nel centro di Parigi è Abu Yussef, il belga, ed è uno dei combattenti dello Stato islamico”. Secondo alcune fonti, l’uomo era conosciuto dalle forze anti-terroristiche e considerato pericoloso.

    L’attacco sembra voler coincidere con la conclusione della campagna elettorale presidenziale, influenzando in qualche modo il risultato, sebbene secondo ricerche sociologiche, gli elettori francesi sono più preoccupati da temi come disoccupazione e potere d’acquisto, più che dal terrorismo.

    L’attacco avviene due giorni dopo l’arresto a Marsiglia di due uomini che preparavano un attentato con armi ed esplosivi.

    La Francia è nel mirino del terrorismo di stampo islamico da molto tempo. Dal 2015 vi sono stati diversi attentati che hanno ucciso oltre 230 persone. Fra i più crudeli vanno ricordati nel gennaio 2015 l’attacco alla redazione del Charlie Hebdo; in novembre dello stesso anno un attacco a diversi siti, compreso il teatro Bataclan; nel luglio 2016 un attentato sul lungomare di Nizza, nello stesso mese l’uccisione di p. Jacques Hamel in una chiesa di St Etienne du Rouvray, vicino a Rouen.

    Gli analisti mettono in luce la provenienza sociale degli attentatori (periferie abbandonate, disoccupazione, ecc.), ma molti puntano il dito sull'educazione che giovani e adulti ricevono nelle moschee da parte di imam fondamentalisti. L’imam di Nimes, Hocine Drouiche, ha commentato l’attacco di ieri sui social: “Chiedo a tutti gli imam di condannare con la più grande fermezza questo attacco in tutte le moschee di Francia e di lanciare una campagna aperta e coraggiosa che combatte le idee terroriste di questa corrente islamica. La politica dello struzzo non vale più ed essa sarà considerata da molti francesi come una complicità. I responsabili musulmani, gli imam e i predicatori devono fare il loro dovere o devono dare le dimissioni subito”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/10/2016 08:35:00 FRANCIA-ISLAM
    Riapre la chiesa di p. Jacques Hamel. In via eccezionale, si apre il suo processo di beatificazione

    Era stata chiusa dal giorno dell’assassinio del sacerdote ad opera di due giovani jihadisti. Una cerimonia riparatrice guidata dall’arcivescovo di Rouen, seguita dalla messa.  Papa Francesco ha acconsentito alla richiesta dei fedeli di accelerare il processo di beatificazione. Alla cerimonia erano presenti anche membri della comunità musulmana locale.



    03/08/2016 08:47:00 ISLAM-EUROPA
    Cristiani e musulmani in preghiera. Il futuro dell’islam di fronte alla deriva jihadista

    La condivisione e la preghiera fra cristiani e musulmani è la via per sconfiggere la violenza e il nichilismo delle frange fondamentaliste. Gli integralisti sono musulmani? Essi compiono tutto ciò che non è islamico: uccidere vecchi, bambini, distruggere luoghi di culto. Eppure si fregiano di frasi del Corano e dell’aura di giustizieri, sfruttando una lettura letteralista del Corano. Per i musulmani è tempo di lanciare un’interpretazione teologica del libro sacro. Da Paolo Nicelli, missionario Pime docente ed esperto di islam.



    28/07/2016 11:59:00 FRANCIA-ISLAM
    Identificato il secondo terrorista che ha ucciso p. Jacques Hamel: un giovane di 19 anni

    Il giovane aveva tentato di andare i Siria a combattere con lo Stato islamico. In un video, Abdel Malik Nabil Petitjean e Adel Kermiche, i due terroristi, giurano fedeltà al “califfo” Abu Bakr al Baghdadi. Rappresentanti religiosi in Francia: No alla guerra di religione. Intellettuali musulmani: Per sconfiggere l’Isis, garantire libertà religiosa alle comunità non musulmane nei Paesi islamici. Altri chiedono la revisione delle alleanze con Arabia saudita, Emirati, Qatar, Kuwait, Turchia, sostenitori del jihadismo wahabita e indiretti sostenitori dello Stato islamico.



    27/07/2016 17:15:00 EGITTO-ISLAM-FRANCIA
    Il Grande Imam di Al Azhar condanna l’uccisione di p. Jacques Hamel in Francia

    Ahmad Al Tayyeb offre condoglianze al presidente francese, all’arcivescovo di Rouen, ai familiari delle vittime e a tutta la Francia. Gli assalitori “privi di qualunque senso di umanità”. L’islam “ordina di rispettare i luoghi sacri e di culto e la sacralità dei non-musulmani”. Fronteggiare il terrorismo anche combattendo “il pensiero estremista” nella religione islamica.



    16/11/2015 FRANCIA-ISLAM
    Imam di Nîmes: Non lasciate che l’islam sia ostaggio degli estremisti
    Gli imam di Francia condannano gli attacchi terroristi di Parigi e si dissociano dagli attentati compiuti in “nome della nostra religione”. Allo stesso tempo chiedono alle comunità musulmane di osare a vivere il dialogo e l’amicizia con gli europei, senza paura e senza arroganza. Per secoli i musulmani hanno escluso la ragione dalla loro vita religiosa. La testimonianza del vice-presidente degli imam di Francia.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®