25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/07/2008, 00.00

    CINA – SUD AFRICA

    Animalisti sul piede di guerra contro il mercato di avorio in Cina



    L’organizzazione che si occupa del commercio di specie in via d’estinzione ha dato il via libera agli scambi fra Cina e Sud Africa, assegnando al Paese asiatico importazioni per 51 tonnellate. In Kenia arrestati tre cinesi con l’accusa di “traffico illegale” di avorio.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Gli animalisti sudafricani sono sul piede di guerra per la riapertura alla Cina del commercio di avorio. Secondo gli attivisti la mossa del governo si rivelerà “disastrosa” per gli elefanti – dalle cui zanne si ricava il pregiato materiale – mentre le prime stime parlano di 8mila esemplari che verranno sacrificati per far fronte alla richiesta cinese.

    Martedì 15 luglio la Convenzione sul commercio internazionale di specie in via di estinzione (Cites) ha incluso la Cina, uno dei principali consumatori al mondo di avorio, fra le nazioni che possono commerciare con il Sud Africa: al Paese del dragone è stata concessa l’importazione di 51 tonnellate.

    Vibrante la protesta degli animalisti, che attraverso un comunicato emesso dal gruppo Animal Rights Africa sottolinea come “sia stata data luce verde ai trafficanti internazionali e ai bracconieri”, mentre le associazioni che si battono per la difesa dell’ambiente “sono costrette a una lotta impari per la mancanza di adeguate risorse economiche”. Secondo le prime stime fornite, per far fronte alle richieste del nuovo mercato cinese “saranno abbattuti circa 7.699 capi di bestiame”, una carneficina che essi imputano “al governo sudafricano” colpevole di favorire “l’immorale commercio di avorio”. Oltre al Sud Africa, gli altri Paesi africani che trarranno dei profitti dall’ingresso nella Cina nel mercato sono il Botswana, la Namibia e lo Zimbawe.

    Nel 1989 il Cites, che raggruppa 173 nazioni al mondo, ha deciso di bandire il commercio del prezioso materiale per poi consentirlo nel 1997 ad uno sparuto gruppo di Paesi sudafricani, secondo intervalli prestabiliti. La decisione di includere anche la Cina sarebbe il riconoscimento degli sforzi fatti da Pechino per bloccare il traffico illegale: secondo altri animalisti, in aperto contrasto con il fronte dei critici, il Paese asiatico “ha compiuto enormi progressi nel bloccare il commercio clandestino”, dando prova di “maturità e responsabilità”.

    Ieri mattina intanto la polizia keniota ha arrestato tre cittadini (di cui due donne) cinesi all’aeroporto internazionale di Nairobi; secondo l’accusa essi sono colpevoli di “traffico illegale di avorio”, avendo nascosto fra i bagagli 36 pezzi fra cui braccialetti, bacchette e figure intagliate nel prezioso materiale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/05/2007 CINA - AFRICA
    Cina e Africa: sviluppo comune, ma senza neo-colonialismo
    Per la prima volta Pechino si preoccupa delle crisi africane e del genocidio del Darfur, ma rimane interessata anzitutto ai rapporto commerciali. Gli Stati africani vogliono aumentare i rapporti commerciali con Cina e Asia ma senza essere sfruttati.

    19/07/2012 CINA – AFRICA
    Hu Jintao raddoppia gli interventi economici cinesi i Africa
    In occasione del Forum di cooperazione Cina-Africa il presidente comunista annuncia: “Pronti a garantire credito fino a 20 miliardi di dollari”. Sulla carta serviranno per le infrastrutture e per la formazione della popolazione, ma lo scopo è quello di mantenere il controllo sulle risorse naturali del Continente Nero.

    16/01/2008 CINA - AFRICA
    La Sierra Leone caccia i cinesi: distruggono le foreste
    Il Paese lamenta che le ditte estere (in buona parte cinesi) hanno depredato il legname, tagliato senza criterio e portato via senza vantaggi per le popolazioni locali. Esperti: il problema è se Pechino si limita a portare via materie prime pregiate o se aiuta anche le nascenti industrie locali.

    24/08/2013 KENYA-CINA
    Kenya, 30 mesi di carcere a una cinese per contrabbando di avorio
    È la prima seria condanna nel Paese depredato dell'oro bianco. L'alta domanda di avorio sul mercato nero mette in serio pericolo elefanti e rinoceronti in tutta l'Africa centrale. Le prime timide reazioni di Nairobi di fronte al dramma del contrabbando.

    10/02/2009 CINA-AFRICA
    Hu Jintao inizia il primo viaggio in Africa nell’epoca della crisi globale
    Da anni la Cina aumenta i rapporti economici con i Paesi africani, comprando materie prime. Pechino ama presentarsi come Paese amico, ma spesso è accusata di sfruttamento coloniale. Ora, in periodo di crisi, diminuisce la concorrenza con le società occidentali.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®