19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/05/2017, 08.57

    TURCHIA

    Ankara, al via il processo contro 220 alti ufficiali dell’esercito



    Alla sbarra anche 26 generali. Fra questi Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica e un tempo fedelissimo del presidente. Il pubblico ministero chiede il carcere a vita. All’esterno gruppi di manifestanti invocano la pena di morte. Erdogan rieletto nel fine settimana alla guida del partito Akp.

     

    Ankara (AsiaNews/Agenzie) - Si è aperto ieri ad Ankara, capitale della Turchia, il processo a carico di oltre 220 alti ufficiali dell’esercito, fra i quali vi sono anche 26 generali, per aver ordito e promosso il (fallito) golpe del luglio scorso. Alla sbarra anche il gen. Akin Ozturk, ex comandante dell’aeronautica. Contro gli imputati il pubblico ministero ha chiesto il carcere a vita, la pena massima prevista dall’ordinamento. Tuttavia, all’esterno dell’edificio in cui si tiene il processo decine di simpatizzanti filo-governativi invocavano la pena di morte, che il presidente Recep Tayyip Erdogan vorrebbe reintrodurre nel Paese.

    Oltre all’ex fedelissimo del presidente, a lungo numero uno delle forze aeree, alla sbarra vi sono decine fra generali, colonnelli e maggiori. I militari hanno sfilato ieri, ammanettati e scortati ciascuno da due agenti, fino all’interno dell’edificio. A poca distanza i dimostranti che gridavano slogan e lanciavano cappi nella loro direzione.

    Secondo quanto riferisce l’agenzia filo-governativa Anadolu, oltre 1500 persone sono state mobilitate a garanzia della sicurezza. Il processo si tiene in un edificio realizzato di recente proprio per ospitare il dibattimento e sorge a Sincan, nella periferia della capitale turca.

    Dal luglio scorso, le autorità turche hanno lanciato una campagna di repressione che ha portato all’arresto di quasi 50mila persone fra docenti, militari, intellettuali, oppositori politici, imprenditori, giornalisti, attivisti e semplici cittadini. Sospesi dal servizio o licenziati più di 135mila mila funzionari del settore pubblico. Nel mirino, oltre ai curdi, anche simpatizzanti (o presunti tali) del movimento che fa capo al predicatore islamico Fethullah Gülen, in esilio in Pennsylvania (Stati Uniti). Secondo il presidente Erdogan e i vertici di governo egli sarebbe la mente del colpo di Stato in Turchia in cui sono morte 270 persone, migliaia i feriti.

    Fra le persone finite a processo ieri ad Ankara vi sono le cosiddette “menti” del colpo di Stato, fra cui gli autori del raid alla televisione di Stato turca. Nelle concitate fasi della rivolta i golpisti avevano costretto il presentatore a leggere un comunicato in cui si affermava che l’esercito aveva assunto il potere e avrebbe guidato il Paese attraverso un comitato “di pace”. A processo in contumacia, assieme ad altre 11 persone, anche il predicatore islamico Gülen.

    Presenti in aula anche i parenti di alcuni delle vittime decedute nel contesto della rivolta. Una donna, prima di svenire, ha esclamato: “Uccidete questi traditori, gli assassini di mio figlio”.

    Le udienze in aula dovrebbero proseguire fino al prossimo 16 giugno.

    Intanto il presidente Erdogan ha esteso, in via informale, lo stato di emergenza in vigore all’indomani del tentato golpe. Egli ha aggiunto che il decreto permarrà sino a che la nazione raggiungerà “benessere e sicurezza”. L’annuncio è giunto nel contesto della rielezione, avvenuta lo scorso 21 maggio, del leader turco alla guida del Partito per la Giustizia e lo sviluppo (Akp) al governo nel Paese.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2017 11:39:00 TURCHIA
    A un anno dal "golpe" arresti e purghe nel regno del “sultano” Erdogan

    Prosegue la campagna di repressione avviata all’indomani del colpo di Stato del 15 luglio 2016. Oltre 50mila arresti, 120mila fermi, 170mila persone indagate. Licenziato anche il pilota che ha portato in salvo il presidente nella notte del golpe. Iniziate le celebrazioni ufficiali volute dal governo, all’impronta del nazionalismo e del culto di Erdogan.

     



    18/07/2017 08:57:00 TURCHIA
    Turchia: nuovi arresti di attivisti pro diritti umani, anche la direttrice di Amnesty

    Un tribunale turco ha confermato il carcere per sei militanti, fra cui Idil Eser. AI parla di  “simulacro di giustizia” in atto nel Paese. In cella anche due formatori, uno svedese e un tedesco. Essi avrebbero commesso “un crimine” in nome di una “organizzazione terrorista” (il movimento di Gulen) “senza farne parte”.

     



    07/06/2017 08:50:00 TURCHIA
    Arrestato il presidente di Amnesty International, sospettato di essere guelenista

    Fermati Taner Kilic e altri 22 attivisti e avvocati. Nel mirino anche Birol Erdem, primo consigliere del premier Yildirim, e il genero dell’ex vice-premier Bülent Arınc. Oltre 120mila persone fermate nel contesto delle purghe promosse dal governo. 

     



    16/01/2017 12:40:00 TURCHIA
    Il Parlamento turco approva in prima battuta la nuova Costituzione in chiave presidenziale

    Entro la fine settimana in calendario una seconda votazione. Poi il referendum popolare, che sancirà l’effettiva entrata in vigore. Il governo ha ottenuto i tre quinti necessari grazie al sostegno del partito di estrema destra. I curdi hanno boicottato il voto. Nei giorni scorsi scontri e risse fra i parlamentari. 

     



    15/05/2017 11:24:00 TURCHIA
    Festa della mamma in Turchia: oltre 17mila donne in carcere, molte con i propri figli

    Arrestate su ordine del governo anche donne incinte o che avevano partorito da poco. In alcuni casi il fermo è avvenuto in sala travaglio; altre sono state incarcerate mentre visitavano i mariti in prigione. Nelle prime due settimane di maggio fermate 1257 persone, 264 rinchiuse in carcere.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®