09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/06/2012, 00.00

    TURCHIA - SIRIA

    Ankara all'Onu: Il jet abbattuto una "minaccia alla sicurezza" da parte della Siria



    Il vicepremier turco dichiara che questo "atto ostile... non rimarrà impunito". Oggi la Nato si incontra per discutere su una possibile risposta comune alla Siria. Ma Erdogan rimane moderato e i Paesi europei escludono ogni azione militare.

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - In una lettera inviata al Consiglio di sicurezza dell'Onu, il governo turco definisce  "una minaccia per la sicurezza" della regione l'abbattimento di un suo jet militare da parte della Siria. Il vicepremier Bulent Arinc ha detto ieri ad una conferenza stampa che l'azione siriana "non rimarrà impunita".

    Questi pesanti commenti giungono a poche ore dall'incontro della Nato, voluto da Ankara, in base all'articolo 4 dell'Alleanza Atlantica, secondo cui se un membro si sente minacciato e subisce un'offesa, tale offesa è vista come fatta a tutti i membri.

    Bulent Arinc ha anche detto che l'abbattimento del jet da parte della Siria è "un atto ostile al massimo grado".

    Lo scorso 22 giugno un F-4 Phantom dell'aviazione militare turca è sconfinato nei cieli siriani. Secondo la versione di Ankara esso è poi rientrato subito nello spazio internazionale, ma qui è stato abbattuto dalla contraerea di Damasco. La Turchia afferma che la Siria conosceva bene l'identità dell'aereo e non ha avvertito prima di sparare. La versione di Damasco è che l'aereo era sconosciuto e volando a 100 metri dal suolo, alla velocità di 700-800 km/h, ha dovuto rispondere subito alla minaccia.

    In una conferenza stampa ieri, Jihad Makdissi, portavoce del ministero degli esteri a Damasco, ha ribadito che "Noi non abbiamo alcuna intenzione ostile contro il popolo turco o il governo turco".

    L'incidente ha innalzato la tensione fra i due Paesi, già ad un punto di rottura per il sostegno che Ankara dà ai ribelli che combattono contro il regime di Assad. Finora, però, lo stesso premier turco Tayyip Erdogan è rimasto piuttosto misurato. D'altra parte, l'idea di coinvolgere la Nato in qualche operazione militare nella regione sembra finora esclusa. Ieri i ministri degli esteri dell'Unione europea, incontratisi in Lussemburgo, hanno promesso di accrescere pressioni su Assad, ma hanno anche chiesto alla Turchia di dar prova di moderazione. Il ministro olandese ha dichiarato che "un intervento militare in Siria è fuori discussione".

    Intanto, la ricerca nel Mediterraneo non ha dato alcun risultato e i due piloti del jet turco sono ancora dispersi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/11/2015 TURCHIA – RUSSIA
    Mosca: “è un incidente grave” l’abbattimento dell’aereo russo da parte della Turchia
    Ankara sostiene che l’aereo russo aveva violato il suo spazio aereo. Mosca smentisce: “era in Siria”. Il portavoce del Cremlino dice di non sapere se sarà cancellata la prevista visita in Turchia del ministro degli esteri Sergey Lavrov, ma invita comunque a “non trarre conclusioni”.

    26/11/2015 RUSSIA – TURCHIA
    Jet abbattuto: Mosca minaccia conseguenze economiche, ma in Turchia ha forti interessi
    Medvedev ha parlato di possibile stop a progetti congiunti e riduzione delle quote di mercato delle aziende turche, ma gli interessi russi in Turchia vanno dal gas al nucleare, passando per banche e internet.

    11/07/2011 SIRIA-TURCHIA
    Damasco: tentativi di dialogo governo-opposizione, ma la polizia continua a sparare
    A Damasco si sono incontrati rappresentanti del governo, dei partiti e personalità indipendenti. Ma molti oppositori non sono venuti, perché a dispetto del dialogo la repressione continua. Rientrano alla spicciolata i profughi dalla Turchia, mentre si attende a Damasco l’arrivo del ministro degli Esteri turco nei prossimi giorni.

    26/03/2016 09:02:00 TURCHIA-SIRIA
    Isis, Turchia e petrolio: i documenti sui legami fra Ankara e lo Stato islamico

    Documenti abbandonati dai jihadisti e testimonianze di combattenti catturati rivelano il legame fra Ankara e Daesh in tema di petrolio. I fascicoli riportano nel dettaglio le modalità di trasporto, il valore del greggio venduto e il numero di fattura. Civili costretti a lavorare nelle raffinerie sotto minaccia. Le frontiere turche, spesso sguarnite, favoriscono gli spostamenti dei miliziani.



    13/10/2014 TURCHIA-SIRIA
    Il "cancro" della questione kurda mette Ankara alle strette
    I 15 milioni di curdi presenti nelle grandi città vogliono che la Turchia intervenga con decisione per salvare la città di Kobane. Erdogan teme lo sbriciolamento del Paese e attizza il nazionalismo.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®