29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
TURCHIA - SIRIA
Ankara all'Onu: Il jet abbattuto una "minaccia alla sicurezza" da parte della Siria
Il vicepremier turco dichiara che questo "atto ostile... non rimarrà impunito". Oggi la Nato si incontra per discutere su una possibile risposta comune alla Siria. Ma Erdogan rimane moderato e i Paesi europei escludono ogni azione militare.

Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - In una lettera inviata al Consiglio di sicurezza dell'Onu, il governo turco definisce  "una minaccia per la sicurezza" della regione l'abbattimento di un suo jet militare da parte della Siria. Il vicepremier Bulent Arinc ha detto ieri ad una conferenza stampa che l'azione siriana "non rimarrà impunita".

Questi pesanti commenti giungono a poche ore dall'incontro della Nato, voluto da Ankara, in base all'articolo 4 dell'Alleanza Atlantica, secondo cui se un membro si sente minacciato e subisce un'offesa, tale offesa è vista come fatta a tutti i membri.

Bulent Arinc ha anche detto che l'abbattimento del jet da parte della Siria è "un atto ostile al massimo grado".

Lo scorso 22 giugno un F-4 Phantom dell'aviazione militare turca è sconfinato nei cieli siriani. Secondo la versione di Ankara esso è poi rientrato subito nello spazio internazionale, ma qui è stato abbattuto dalla contraerea di Damasco. La Turchia afferma che la Siria conosceva bene l'identità dell'aereo e non ha avvertito prima di sparare. La versione di Damasco è che l'aereo era sconosciuto e volando a 100 metri dal suolo, alla velocità di 700-800 km/h, ha dovuto rispondere subito alla minaccia.

In una conferenza stampa ieri, Jihad Makdissi, portavoce del ministero degli esteri a Damasco, ha ribadito che "Noi non abbiamo alcuna intenzione ostile contro il popolo turco o il governo turco".

L'incidente ha innalzato la tensione fra i due Paesi, già ad un punto di rottura per il sostegno che Ankara dà ai ribelli che combattono contro il regime di Assad. Finora, però, lo stesso premier turco Tayyip Erdogan è rimasto piuttosto misurato. D'altra parte, l'idea di coinvolgere la Nato in qualche operazione militare nella regione sembra finora esclusa. Ieri i ministri degli esteri dell'Unione europea, incontratisi in Lussemburgo, hanno promesso di accrescere pressioni su Assad, ma hanno anche chiesto alla Turchia di dar prova di moderazione. Il ministro olandese ha dichiarato che "un intervento militare in Siria è fuori discussione".

Intanto, la ricerca nel Mediterraneo non ha dato alcun risultato e i due piloti del jet turco sono ancora dispersi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/07/2011 SIRIA-TURCHIA
Damasco: tentativi di dialogo governo-opposizione, ma la polizia continua a sparare
di Naman Tarcha
13/10/2014 TURCHIA-SIRIA
Il "cancro" della questione kurda mette Ankara alle strette
di NAT da Polis
11/10/2012 TURCHIA – SIRIA
Riparte il volo di linea siriano bloccato da Ankara. Sequestrato il carico
02/07/2012 TURCHIA - SIRIA
Ankara invia jet da guerra sul confine siriano
17/06/2011 SIRIA-TURCHIA
Ankara annuncia: corridoio umanitario per 10 mila profughi siriani

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate