27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/06/2012, 00.00

    SIRIA – TURCHIA

    Ankara: L’aereo militare turco può aver violato il cielo siriano



    Il presidente Abdullah Gül allenta la tensione, dopo l’ammissione di Damasco di aver abbattuto l’aereo da guerra turco Phantom F4. Ancora dispersi i piloti. Erdogan: “Prenderemo i provvedimenti necessari solo a caso chiarito”. Damasco e Ankara sono “in contatto” per risolvere la situazione.

    Damasco (AsiaNews) - Il caccia militare turco abbattuto da Damasco "potrebbe aver violato lo spazio aereo siriano". A parlare è il presidente della Turchia, Abdullah Gül, allentando così la tensione generatasi dopo l'incidente di ieri. Questa notte, la Siria ha confermato di aver abbattuto l'aereo da guerra Phantom F4, "in base alle procedure previste dalle nostre leggi in simili situazioni". In un'operazione congiunta, le forze della Marina turca e siriana stanno cercando i due piloti, ancora dispersi.

    Le forze militari turche dichiarano di aver perso il contatto radio con il Phantom F4 alle 11:58 di ieri (ora locale), circa 90 minuti dopo la partenza dalla base di Erhac, nella provincia di Malatya. Secondo le autorità siriane, un "obiettivo aereo non identificato" sarebbe penetrato nello spazio aereo nazionale intorno alle 11:40 (ora locale), viaggiando a bassa quota e ad alta velocità. A quel punto, sarebbero scattate le operazioni di difesa: l'aviazione militare di Damasco ha abbattuto il caccia militare a circa 1km dalla costa della provincia di Latakia. "Appena è stato chiaro che l'obiettivo era un aereo militare turco - si legge nel comunicato ufficiale - ci siamo messi in contatto per attuare operazioni congiunte di recupero".

    Nonostante l'iniziale clima di tensione, la Turchia ha subito assunto una posizione di estrema cautela. Il primo ministro, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che il Paese "prenderà i provvedimenti necessari" solo quando tutti i fatti saranno chiariti. Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, ha richiamato all'uso dei canali diplomatici per risolvere questo serio incidente.

    "La violazione dello spazio aereo siriano - ha spiegato Gül - non aveva cattive intenzioni. Purtroppo, queste cose succedono a causa della velocità dei caccia". Il presidente ha poi aggiunto che un'indagine stabilirà con precisione dove si trovasse l'aereo turco al momento dell'incidente.

    Gül ha inoltre rivelato che Ankara è in contatto con Damasco, nonostante entrambi i Paesi abbiamo dichiarato "sgraditi" i reciproci diplomatici, all'inizio di quest'anno. "Abbiamo ritirato i nostri delegati - ha chiarito il presidente turco - per ragioni di sicurezza. Questo non significa che non siamo in contatto".

    Una volta stretti alleati, le relazioni tra Turchia (membro Nato, ndr) e Siria si sono deteriorate dopo la sollevazione contro il presidente siriano Bashar al-Assad, iniziata nel marzo 2011. Da allora, decine di migliaia di rifugiati siriani hanno attraversato il confine turco, per sfuggire alle violenze. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2012 TURCHIA - SIRIA
    Cresce la tensione fra Ankara e Damasco. Nato e UE discutono sul jet abbattuto
    Il ministro turco degli esteri denuncia che l'abbattimento è avvenuto in acque internazionali. Pesante condanna di Usa e Gran Bretagna. La Siria abbassa i toni: "Non c'è inimicizia fra Siria e Turchia". La difficile posizione della Nato.

    28/03/2009 TURCHIA
    Elezioni in Turchia: banco di prova per Erdogan e per l’esercito
    L’Akp è il grande favorito e sembra poter vincere sui nazionalisti e sui curdi. La campagna elettorale si è svolta fra scandali, ma in modo libero e aperto. L’incognita del dopo-elezioni: rapporti con l’Ue o programma “neo-ottomano”? Anche il Vaticano dice la sua.

    11/10/2012 TURCHIA – SIRIA
    Riparte il volo di linea siriano bloccato da Ankara. Sequestrato il carico
    Secondo le autorità turche, il cargo trasportava armi. L’Airbus A320 della Syrian Airlines proveniva da Mosca ed era diretto a Damasco. A bordo, 35 passeggeri e due membri dell’equipaggio. Ahmet Davutoglu, ministro turco degli Affari esteri: “La Turchia non vuole una guerra in Siria”, ma è “inaccettabile sfruttare il nostro spazio aereo per simili trasferimenti”.

    25/07/2015 TURCHIA
    Ankara scatena raid aerei e arresti contro lo Stato islamico e contro i militanti kurdi
    Colpite basi jihadiste in Siria e sedi del Pkk nel nord Iraq. Arrestate 320 persone in 22 province della Turchia. Fra essi vi sono sospetti militanti dello Stato islamico e militanti kurdi. Manifestazione a Istanbul dispersa con gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Attesa per domani una grande manifestazione “per la pace” indetta dai kurdi.

    15/09/2014 TURCHIA
    La nuova Turchia di Erdogan impone a tutti gli studenti lo studio del Corano
    Entra in vigore la riforma che estende a tutte le scuole l'insegnamento e l'educazione della religione islamica. Il passo successivo prevede l'insegnamento dell'arabo per permettere agli studenti di capire il Corano. Il problema dei 200mila cristiani sirani rifugiati in Turchia.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®