30 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/06/2012
SIRIA – TURCHIA
Ankara: L’aereo militare turco può aver violato il cielo siriano
Il presidente Abdullah Gül allenta la tensione, dopo l’ammissione di Damasco di aver abbattuto l’aereo da guerra turco Phantom F4. Ancora dispersi i piloti. Erdogan: “Prenderemo i provvedimenti necessari solo a caso chiarito”. Damasco e Ankara sono “in contatto” per risolvere la situazione.

Damasco (AsiaNews) - Il caccia militare turco abbattuto da Damasco "potrebbe aver violato lo spazio aereo siriano". A parlare è il presidente della Turchia, Abdullah Gül, allentando così la tensione generatasi dopo l'incidente di ieri. Questa notte, la Siria ha confermato di aver abbattuto l'aereo da guerra Phantom F4, "in base alle procedure previste dalle nostre leggi in simili situazioni". In un'operazione congiunta, le forze della Marina turca e siriana stanno cercando i due piloti, ancora dispersi.

Le forze militari turche dichiarano di aver perso il contatto radio con il Phantom F4 alle 11:58 di ieri (ora locale), circa 90 minuti dopo la partenza dalla base di Erhac, nella provincia di Malatya. Secondo le autorità siriane, un "obiettivo aereo non identificato" sarebbe penetrato nello spazio aereo nazionale intorno alle 11:40 (ora locale), viaggiando a bassa quota e ad alta velocità. A quel punto, sarebbero scattate le operazioni di difesa: l'aviazione militare di Damasco ha abbattuto il caccia militare a circa 1km dalla costa della provincia di Latakia. "Appena è stato chiaro che l'obiettivo era un aereo militare turco - si legge nel comunicato ufficiale - ci siamo messi in contatto per attuare operazioni congiunte di recupero".

Nonostante l'iniziale clima di tensione, la Turchia ha subito assunto una posizione di estrema cautela. Il primo ministro, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che il Paese "prenderà i provvedimenti necessari" solo quando tutti i fatti saranno chiariti. Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, ha richiamato all'uso dei canali diplomatici per risolvere questo serio incidente.

"La violazione dello spazio aereo siriano - ha spiegato Gül - non aveva cattive intenzioni. Purtroppo, queste cose succedono a causa della velocità dei caccia". Il presidente ha poi aggiunto che un'indagine stabilirà con precisione dove si trovasse l'aereo turco al momento dell'incidente.

Gül ha inoltre rivelato che Ankara è in contatto con Damasco, nonostante entrambi i Paesi abbiamo dichiarato "sgraditi" i reciproci diplomatici, all'inizio di quest'anno. "Abbiamo ritirato i nostri delegati - ha chiarito il presidente turco - per ragioni di sicurezza. Questo non significa che non siamo in contatto".

Una volta stretti alleati, le relazioni tra Turchia (membro Nato, ndr) e Siria si sono deteriorate dopo la sollevazione contro il presidente siriano Bashar al-Assad, iniziata nel marzo 2011. Da allora, decine di migliaia di rifugiati siriani hanno attraversato il confine turco, per sfuggire alle violenze. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/06/2012 TURCHIA - SIRIA
Cresce la tensione fra Ankara e Damasco. Nato e UE discutono sul jet abbattuto
28/03/2009 TURCHIA
Elezioni in Turchia: banco di prova per Erdogan e per l’esercito
di NAT da Polis
11/10/2012 TURCHIA – SIRIA
Riparte il volo di linea siriano bloccato da Ankara. Sequestrato il carico
15/09/2014 TURCHIA
La nuova Turchia di Erdogan impone a tutti gli studenti lo studio del Corano
di NAT da Polis
30/12/2013 TURCHIA
La "Notte di san Bartolomeo" dell'islam politico turco
di NAT da Polis

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate