27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/03/2007
CINA
Anp: alla fine in Cina arrivò la proprietà privata
Pur ostacolata dai comunisti radicali, presentata la legge che difende investimenti, case, terreni privati. Ma il problema è che si vigili sull’attuazione. Anche la Chiesa attende il ritorno delle sue proprietà legittime.

Pechino (AsiaNews) – La tanto attesa legge sulla proprietà privata è stata presentata ieri all’Assemblea nazionale del popolo e sarà votata entro venerdì 16 marzo, alla fine dell’assemblea.

La bozza di legge, già pronta nel 2002, ha subito un iter difficoltoso: almeno 100 incontri e dibattiti nel Comitato permanente dell’Anp. La resistenza viene dai comunisti più radicali, che vedono in essa il fallimento degli ideali socialisti. Dopo l’approvazione, che sembra ormai assicurata, la legge sarà in vigore a partire dall’ottobre 2007.

Wang Zhaoguo, vice-presidente del Comitato permanente dell’Anp, ha presentato ieri la bozza e i vantaggi che essa presenta per la società cinese, mettendo sullo stesso piano la difesa della proprietà pubblica e quella privata.

I 247 punti della bozza di 40 pagine presentano pure una forte difesa della proprietà dello stato contro “il possesso illegale, saccheggio, condivisione illegale, sequestro, distruzione”. In tal modo si pensa di frenare la svendita a basso prezzo di industrie ed edifici di proprietà dello stato che con troppa facilità passano nelle mani dei privati (spesso membri del Partito).

Un’altra parte della legge mette limiti molto stretti nei trasferimento dei diritti d’uso della terra e proibisce tali trasferimenti per i terreni su cui vi sono anche case. Questi elementi dovrebbero frenare gli espropri delle terre ai contadini da parte di membri del Partito senza scrupoli, che hanno causato la maggior parte delle rivolte sociali di questi anni.

La bozza precisa anche i vari tipi di proprietà privata (investimenti, case, conti bancari individuali, ecc..) e mette strette condizioni sui compensi da dare ai proprietari in caso di esproprio da parte dello stato.

Ieri è stata anche presentata la legge che unifica la tassazione delle imprese straniere e locali, fissando al 25% le tasse. Finora le ditte straniere erano facilitate con tasse al 15% (le locali con il 33%).

La legge, che andrà in vigore il prossimo anno, porterà a una diminuzione di 134 miliardi di yuan (13, 4 miliardi di euro) delle entrate fiscali da imprese cinesi e un aumento di 41 miliardi di yuan (circa 4 miliardi di euro) dalle imprese straniere.

Molti analisti applaudono all’arrivo delle due leggi, perchè esse rendono più credibile lo slogan della “società armoniosa” del presidente Hu Jintao, ma mettono in guardia su un problema: in Cina il problema non sono le leggi, ma la vigilanza sulla loro applicazione.

Ne è prova la situazione di molte proprietà della Chiesa cattolica. Sebbene vi siano regolamenti voluti da Deng Xiaoping e da Jiang Zemin sul ritorno di edifici e terreni sequestrati ai tempi di Mao e della Rivoluzione culturale, finora circa l’80% dei beni della Chiesa è in mano a segretari dell’Associazione Patriottica e a membri dell’Ufficio affari religiosi, che li usano per i loro scopi privati.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/03/2007 CINA
Bao Tong: “La legge sulla proprietà privata segna la fine del maoismo”
14/03/2004 cina - anp
Proprietà privata e diritti umani iscritti nella costituzione
09/03/2007 CINA
Appello dei cattolici di Pechino: Salvateci dal saccheggio dei beni della Chiesa
05/03/2004 cina
Cambia la Costituzione su proprietà e diritti umani. Davvero?
di Bernardo Cervellera
11/07/2005 CINA
Cina, presentata la prima legge che riconosce e tutela la proprietà privata
Articoli del dossier
CINA
Bao Tong: “La legge sulla proprietà privata segna la fine del maoismo”
CINA
Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
CINA
Conferenza consultiva: “Il governo fermi la legge del figlio unico”
CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
CINA
La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
CINA
Pechino vuole una scuola "più funzionale" al mondo del lavoro
CINA
Anp: i dubbi sulle belle promesse di Wen Jiabao
CINA
Anp: crescono le spese per esercito, istruzione e sanità
CINA
Anp: le ferite della “società armoniosa”, senza democrazia

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate