1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/03/2007
CINA
Anp: crescono le spese per esercito, istruzione e sanità
Si è aperta questa mattina a Pechino la prima giornata di lavori dell’Assemblea nazionale del popolo, il “parlamento-velina” del Paese. Il premier Wen Jiabao mette l’accento sul risanamento del crescente squilibrio fra ricchi e poveri, causa principale di instabilità sociale.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L’Assemblea nazionale del popolo (Anp) cinese si è aperta questa mattina con il discorso del primo ministro Wen Jiabao, che ha sottolineato le necessità più urgenti del Paese: protezione dell’ambiente, istruzione e welfare delle aree rurali.
 
Quasi tremila delegati da tutte le province cinesi si sono riuniti nella  Grande Sala del Popolo, sul lato ovest di piazza Tiananmen, per i lavori del cosiddetto Parlamento-velina, che dovrebbero durare circa 12 giorni.
 
Nel corso del suo intervento, Wen ha proposto di abolire le tasse scolastiche per ogni studente che vive nelle zone agricole ed ha lanciato l’idea di uno schema di assicurazione medica nazionale teso a garantire copertura sanitari ai contadini. Il primo ministro ha riconosciuto il sempre crescente squilibrio fra ricchi e poveri esistente in Cina, ed ha promesso che dedicherà la sua amministrazione al risanamento di questa ingiustizia sociale, che causa “instabilità sociale”.
 
Nel corso della giornata, i delegati hanno ascoltato inoltre gli obiettivi primari cui tiene la leadership comunista: mantenere il prodotto interno lordo intorno all’8%, la disoccupazione urbana al 4,6% e l’inflazione sotto il 3 %. Per questo, il governo ha deciso di investire quasi 86 miliardi di yuan nel campo dell’educazione nazionale (un aumento del 41,7 % rispetto all’ultimo budget) e quasi 32 miliardi nella sanità pubblica (un aumento dell’86,8 %).
 
Aumenta anche l’investimento bellico, nonostante le preoccupazione della comunità internazionale rispetto agli ultimi esperimenti bellici cinesi, di tipo spaziale. Jiang Enzhu, portavoce dell’Anp, ha confermato che quest’anno gli investimenti destinati all’esercito toccheranno i 350 miliardi di yuan (34,3 miliardi di euro). Il nuovo stanziamento prevede 53 miliardi di yuan in più rispetto al 2006, il 7,5 % dell’intero budget nazionale.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/03/2007 CINA
Anp: le ferite della “società armoniosa”, senza democrazia
di Bernardo Cervellera
06/03/2008 CINA
Inflazione, povertà interna, recessione mondiale: i probemi di Wen Jiabao
16/03/2007 CINA
Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
di Bernardo Cervellera
07/03/2012 CINA
Per fermare le rivolte interne, la Cina spende più che per l'esercito
13/03/2009 CINA
Wen Jiabao preoccupato per il debito Usa, tranquillo su Cina e Tibet
di Bernardo Cervellera
Articoli del dossier
CINA
Bao Tong: “La legge sulla proprietà privata segna la fine del maoismo”
CINA
Alla fine dell’Anp, Wen Jiabao tranquillizza, ma i problemi restano
CINA
Conferenza consultiva: “Il governo fermi la legge del figlio unico”
CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
CINA
La guerra alla corruzione “è lontana dall’essere vinta”
CINA
Anp: alla fine in Cina arrivò la proprietà privata
CINA
Pechino vuole una scuola "più funzionale" al mondo del lavoro
CINA
Anp: i dubbi sulle belle promesse di Wen Jiabao
CINA
Anp: le ferite della “società armoniosa”, senza democrazia

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate