16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 24/01/2013, 00.00

    CINA

    Anti-corruzione in Cina, i funzionari del Partito fanno sparire i soldi dalle banche



    Il presidente Xi Jinping chiude i lavori della Commissione centrale per la disciplina e l’ispezione rinnovando l’impegno a combattere le bustarelle e la degradazione. In risposta i quadri comunisti ritirano la valuta straniera dalle banche e vendono i propri immobili. Pronto un piano quinquennale che, secondo gli esperti, non servirà a molto.

    Pechino (AsiaNews) - Per cercare di salvarsi dalle purghe che la nuova leadership comunista vuole mettere in atto contro i funzionari corrotti all'interno del Partito comunista, i dirigenti hanno messo in atto una massiccia fuga di capitali. Secondo l'Henan Business Daily nel solo Guangdong - la ricca provincia meridionale dove è nato il miracolo economico cinese - sono stati prelevati 1,79 miliardi di yuan (circa 216 milioni di euro) in due giorni. La stessa cosa sta avvenendo anche a Pechino, Shanghai, Tianjin, Jiangsu, Shandong, Zhejiang, Guangdong e Fujian.

    Sempre secondo il quotidiano, i quadri di medio e alto livello del Partito hanno iniziato anche a vendere le proprietà immobiliari: si tratta di asset che possono essere tracciati con facilità. Insieme a loro ci sono i dirigenti delle aziende statali o para-statali, che il grande dissidente Wei Jingsheng ha definito la classe "di burocrati e capitalisti" che di fatto sostiene la dittatura mono-partitica con la propria influenza economica e sociale.

    La fuga dai capitali si spiega con il rinnovato impegno anti-corruzione rilanciato dalla nuova leadership, guidata da Xi Jinping, che entrerà in pieno possesso delle proprie facoltà nel prossimo marzo. Il nuovo presidente ha guidato la due giorni di lavoro della Commissione centrale per la disciplina e l'ispezione del Pcc: nel suo intervento ha spronato i funzionari a creare con lui "una gabbia" in cui imprigionare i corrotti. Diversi analisti sostengono però che, senza un vero sistema democratico, questi sforzi sono destinati a fallire.

    Al termine dei lavori la Commissione ha annunciato un piano quinquennale - che dovrebbe essere pronto nel luglio 2013 - per combattere la corruzione. Questo prevede un'analisi completa delle proprietà e dei redditi degli iscritti e dei dirigenti del Partito, che sono stati "invitati" a evitare comportamenti contrari alla morale socialista. Nei primi giorni dopo l'elezione di Xi Jinping sono venuti alla luce diversi casi di dirigenti amanti del lusso e della bella vita. Ora i media nazionali sostengono che sia "diminuito di molto" il numero di auto di rappresentanza che si fermano davanti ai club e ai ristoranti di Pechino.

    Chen Jianhua, sindaco di Guangzhou,  è stato il primo a rispondere all'appello del governo centrale. Nel corso di una conferenza stampa convocata alla fine dell'incontro del Congresso del popolo di Guangzhou ha annunciato che "se mi sarà dato l'ordine, renderò pubblici i miei averi". Ma secondo il dottor Peng Peng - ricercatore all'Accademia delle Scienze sociali - la decisione ha poco peso: "I funzionari che hanno il potere di prendere queste decisioni sono proprio quelli che andrebbero controllati più da vicino".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2016 CINA
    Il Pcc stringe la morsa contro le “superstizioni”, ma nel mirino ci sono le religioni
    Il Partito comunista vara le nuove regole interne: espulsione e prigione per i funzionari che credono nelle “superstizioni feudali”. Xi Jinping ammonisce i membri: “Basta fare domande inopportune sulle politiche del governo centrale”. Analisti temono una nuova ondata di repressioni contro le cinque fedi ufficiali.

    23/01/2013 CINA
    Senza democrazia, Xi Jinping non può sconfiggere la corruzione
    Il nuovo leader comunista chiede alla Commissione centrale del Partito di creare insieme a lui una “gabbia di regole” in cui incastrare i funzionari corrotti. Ma gli analisti sottolineano che questi slogan, simili a quelli del suo predecessore Hu Jintao, non possono funzionare senza un sistema democratico di controllo e di supervisione. I dati parlano chiaro: nel 2012 sono usciti dal Paese 1000 miliardi di dollari rubati da funzionari corrotti, per il 2013 se ne attendono altri 1.500.

    14/07/2015 CINA
    La corruzione nel Partito comunista “colpa delle imprese di Stato”
    La Commissione centrale per l’ispezione e la disciplina ha lanciato una campagna per “spingere le imprese di proprietà dello Stato a seguire in maniera ferrea le politiche del governo”. Dopo aver analizzato la gestione delle industrie, la Commissione punta il dito su “alcuni dirigenti, che usano le risorse nazionali per formare cricche di interesse, che intrappolano con la corruzione i quadri nazionali”.

    19/01/2016 12:31:00 CINA
    Il 2016 sarà l’anno nero dell’economia cinese, frutto amaro cresciuto dal Partito

    La bolla creata dal settore immobiliare e la fine dell’era d’oro delle esportazioni di prodotti di bassa qualità e contraffatti stanno esplodendo. Senza una svolta democratica non è possibile regolare un mercato azionario fuori controllo. I grandi azionisti vendono tutto perché sanno la verità e vogliono scappare il prima possibile. Mentre il popolo cinese paga il conto con il duro lavoro e le difficoltà continue di una vita infelice. L’analisi del grande dissidente.



    24/06/2008 CINA
    Sichuan: puniti 43 dirigenti, hanno sbagliato a gestire il post-terremoto
    Il ministro per la Supervisione politica del Paese conferma le punizioni e spiega: alcuni hanno persino cercato di arricchirsi grazie alla tragedia. Il vice ministro per le Finanze annuncia tagli ai fondi di molti dipartimenti, per raccogliere denaro da destinare alle vittime del terremoto.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®