06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/06/2011, 00.00

    VIETNAM

    Appello dei fedeli di Con Dau, aiutateci a salvare la nostra parrocchia

    Joseph Quang Trung

    Le autorità hanno già ordinate la demolizione di tutte le case e hanno requisito il cimitero, per costruire un centro turistico di lusso. I cattolici si dicono sicuri che ora toccherà alla chiesa. Per questo hanno scritto ai loro vescovi e ai cattolici di tutto il mondo.
    Da Nang (AsiaNews) – Chiedono l’aiuto dei loro vescovi e dei cattolici di tutto il mondo i parrocchiani di Con Dau: 150 famiglie timorose di veder “abolita” in un prossimo futuro la loro parrocchia.

    La parrocchia di Con Dau, istituita 135 anni fa, è parte della diocesi di Da Nang e se ne è cominciato a parlare all’inizio dell’anno scorso, quando le autorità decisero di requisire le case e i terreni, compreso il cimitero parrocchiale, per costruire un centro turistico di lusso. Le proteste furono represse e ci sono stati incidenti per i quali alcuni cattolici sono stati condannati al termine di processi-farsa.

    Nella lettera scritta ora e indirizzata alla Conferenza episcopale, al Comitato giustizia e pace e ai cattolici di tutto il mondo, i parrocchiani sostengono di “voler esprimere il dolore col quale ci stiamo confrontando. Non sappiamo a chi rivolgerci per avere aiuto. Se i leader della Conferenza episcopale non intervengono e parlano con le autorità locali, la parrocchia sarà certamente eliminata”,

    “Dispute sui terreni – dice mons. Nguyễn Van Nhon, presidente dell’episcopato – stanno accadendo in numerosi luoghi. Per risolvere tale problema, il governo deve cambiare la Legge sui terreni”.

    “Le controversie legali che riguardano case e terreni - informa da parte sua mons. Paul Nguyen Thai Hop, presidente di Giustizia e pace - riguardano il 70% delle controversie di un anno. A promuoverle non è la Chiesa, la maggior parte delle persone che fanno causa al governo per le proprie terre sono madri coraggiose, alcune delle quali erano state premiate dal governo rivoluzionario…”.

    Numerosi fedeli vietnamiti fanno notare che “ora sono molte le parrocchie che hanno subito ingiustizie e soffrono. Tutti i contrasti e le dispute sono cominciati con la Legge sui terreni. Anche la Chiesa subisce l’influenza della legge. Le autorità locali hanno atteggiamenti diversi verso la gente, così parrocchie come Tam Toa, Thái Hà, Cồn Dầu, o i redentoristi hanno subito le conseguenze di conflitti e ingiustizie”.

    “Il Comitato giustizia e pace – spiega mons. Thai Hop – è piccolo e ha il compito fondamentale di diffondere l’insegnamento sociale della Chiesa tra la gente, e specialmente tra i cattolici, per renderli più coscienti della loro missione e del loro ruolo”. “Il compito della Chiesa - aggiunge, rivolgendosi ai parrocchiani - non è politico… se si vuole far cadere un governo per costruire un nuovo governo, questo riguarda voi, non la Chiesa”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/04/2010 VIETNAM
    E’ tornato a Hanoi l’arcivescovo Kiet
    Il rientro nella capitale vietnamita è avvenuto in tempi più brevi di quelli annunciati dallo stesso prelato, recatosi a Roma per sottoporsi a cure mediche. Nuove voci sulla possibilità che il prelato venga allontanato dall’arcidiocesi, come più volte chiesto dalle autorità locali.

    21/04/2015 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: Facoltà teologica, beatificazione e migranti nella prima assemblea annuale
    Dal 13 al 16 aprile a Ho Chi Minh City si è tenuto il primo incontro del 2015 e della Conferenza episcopale. Presente anche mons. Girelli, rappresentante pontificio non residente. Il contributo della Chiesa locale in tema di migrazione e sulla famiglia, in vista del Sinodo speciale in programma a ottobre.

    26/09/2008 VIETNAM
    L’episcopato vietnamita difende l’operato del vescovo di Hanoi
    In risposta al presidente del Comitato popolare della capitale che ne chiedeva la severa punizione e l’allontanamento, la Conferenza episcopale afferma che mons. Kiet “non ha fatto nulla contro la vigente norma canonica”. Una dichiarazione evidenzia i problemi del Paese.

    07/09/2016 12:29:00 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: La nuova legge sulle religioni, tra novità positive e vecchie ingerenze

    In un documento ufficiale scritto dal Comitato permanente, la Conferenza episcopale dà un giudizio sul progetto legislativo proposto da Hanoi. Lo Stato intende riconoscere le organizzazioni religiose come personalità giuridiche, e il loro diritto di fondare scuole. Rimangono ancora troppe le restrizioni nelle attività religiose e le richieste delle autorità. Il governo tace sulla possibilità di costruire nuove chiese.

     



    28/06/2010 VIETNAM-VATICANO
    Gioia e qualche preoccupazione tra i cattolici per l’incontro Vaticano-Hanoi
    La maggior parte dei fedeli vietnamiti pensa che la nomina di un rappresentante papale aprirà nuovi spazi alla libertà religiosa, ma c’è chi sottolinea l’assenza dei vescovi vietnamiti dai lavori e teme un “indebolimento” della Conferenza episcopale.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®