31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2011
VIETNAM
Appello dei fedeli di Con Dau, aiutateci a salvare la nostra parrocchia
di Joseph Quang Trung
Le autorità hanno già ordinate la demolizione di tutte le case e hanno requisito il cimitero, per costruire un centro turistico di lusso. I cattolici si dicono sicuri che ora toccherà alla chiesa. Per questo hanno scritto ai loro vescovi e ai cattolici di tutto il mondo.

Da Nang (AsiaNews) – Chiedono l’aiuto dei loro vescovi e dei cattolici di tutto il mondo i parrocchiani di Con Dau: 150 famiglie timorose di veder “abolita” in un prossimo futuro la loro parrocchia.

La parrocchia di Con Dau, istituita 135 anni fa, è parte della diocesi di Da Nang e se ne è cominciato a parlare all’inizio dell’anno scorso, quando le autorità decisero di requisire le case e i terreni, compreso il cimitero parrocchiale, per costruire un centro turistico di lusso. Le proteste furono represse e ci sono stati incidenti per i quali alcuni cattolici sono stati condannati al termine di processi-farsa.

Nella lettera scritta ora e indirizzata alla Conferenza episcopale, al Comitato giustizia e pace e ai cattolici di tutto il mondo, i parrocchiani sostengono di “voler esprimere il dolore col quale ci stiamo confrontando. Non sappiamo a chi rivolgerci per avere aiuto. Se i leader della Conferenza episcopale non intervengono e parlano con le autorità locali, la parrocchia sarà certamente eliminata”,

“Dispute sui terreni – dice mons. Nguyễn Van Nhon, presidente dell’episcopato – stanno accadendo in numerosi luoghi. Per risolvere tale problema, il governo deve cambiare la Legge sui terreni”.

“Le controversie legali che riguardano case e terreni - informa da parte sua mons. Paul Nguyen Thai Hop, presidente di Giustizia e pace - riguardano il 70% delle controversie di un anno. A promuoverle non è la Chiesa, la maggior parte delle persone che fanno causa al governo per le proprie terre sono madri coraggiose, alcune delle quali erano state premiate dal governo rivoluzionario…”.

Numerosi fedeli vietnamiti fanno notare che “ora sono molte le parrocchie che hanno subito ingiustizie e soffrono. Tutti i contrasti e le dispute sono cominciati con la Legge sui terreni. Anche la Chiesa subisce l’influenza della legge. Le autorità locali hanno atteggiamenti diversi verso la gente, così parrocchie come Tam Toa, Thái Hà, Cồn Dầu, o i redentoristi hanno subito le conseguenze di conflitti e ingiustizie”.

“Il Comitato giustizia e pace – spiega mons. Thai Hop – è piccolo e ha il compito fondamentale di diffondere l’insegnamento sociale della Chiesa tra la gente, e specialmente tra i cattolici, per renderli più coscienti della loro missione e del loro ruolo”. “Il compito della Chiesa - aggiunge, rivolgendosi ai parrocchiani - non è politico… se si vuole far cadere un governo per costruire un nuovo governo, questo riguarda voi, non la Chiesa”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/04/2010 VIETNAM
E’ tornato a Hanoi l’arcivescovo Kiet
26/09/2008 VIETNAM
L’episcopato vietnamita difende l’operato del vescovo di Hanoi
28/06/2010 VIETNAM-VATICANO
Gioia e qualche preoccupazione tra i cattolici per l’incontro Vaticano-Hanoi
di Nguyen Hung
07/10/2010 VIETNAM
La Chiesa vietnamita si prepara alle nuove sfide pastorali
di J.B. An Dang
29/04/2010 FILIPPINE
Elezioni: vescovi filippini inquieti per il futuro del Paese

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate