3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2011
VIETNAM
Appello dei fedeli di Con Dau, aiutateci a salvare la nostra parrocchia
di Joseph Quang Trung
Le autorità hanno già ordinate la demolizione di tutte le case e hanno requisito il cimitero, per costruire un centro turistico di lusso. I cattolici si dicono sicuri che ora toccherà alla chiesa. Per questo hanno scritto ai loro vescovi e ai cattolici di tutto il mondo.

Da Nang (AsiaNews) – Chiedono l’aiuto dei loro vescovi e dei cattolici di tutto il mondo i parrocchiani di Con Dau: 150 famiglie timorose di veder “abolita” in un prossimo futuro la loro parrocchia.

La parrocchia di Con Dau, istituita 135 anni fa, è parte della diocesi di Da Nang e se ne è cominciato a parlare all’inizio dell’anno scorso, quando le autorità decisero di requisire le case e i terreni, compreso il cimitero parrocchiale, per costruire un centro turistico di lusso. Le proteste furono represse e ci sono stati incidenti per i quali alcuni cattolici sono stati condannati al termine di processi-farsa.

Nella lettera scritta ora e indirizzata alla Conferenza episcopale, al Comitato giustizia e pace e ai cattolici di tutto il mondo, i parrocchiani sostengono di “voler esprimere il dolore col quale ci stiamo confrontando. Non sappiamo a chi rivolgerci per avere aiuto. Se i leader della Conferenza episcopale non intervengono e parlano con le autorità locali, la parrocchia sarà certamente eliminata”,

“Dispute sui terreni – dice mons. Nguyễn Van Nhon, presidente dell’episcopato – stanno accadendo in numerosi luoghi. Per risolvere tale problema, il governo deve cambiare la Legge sui terreni”.

“Le controversie legali che riguardano case e terreni - informa da parte sua mons. Paul Nguyen Thai Hop, presidente di Giustizia e pace - riguardano il 70% delle controversie di un anno. A promuoverle non è la Chiesa, la maggior parte delle persone che fanno causa al governo per le proprie terre sono madri coraggiose, alcune delle quali erano state premiate dal governo rivoluzionario…”.

Numerosi fedeli vietnamiti fanno notare che “ora sono molte le parrocchie che hanno subito ingiustizie e soffrono. Tutti i contrasti e le dispute sono cominciati con la Legge sui terreni. Anche la Chiesa subisce l’influenza della legge. Le autorità locali hanno atteggiamenti diversi verso la gente, così parrocchie come Tam Toa, Thái Hà, Cồn Dầu, o i redentoristi hanno subito le conseguenze di conflitti e ingiustizie”.

“Il Comitato giustizia e pace – spiega mons. Thai Hop – è piccolo e ha il compito fondamentale di diffondere l’insegnamento sociale della Chiesa tra la gente, e specialmente tra i cattolici, per renderli più coscienti della loro missione e del loro ruolo”. “Il compito della Chiesa - aggiunge, rivolgendosi ai parrocchiani - non è politico… se si vuole far cadere un governo per costruire un nuovo governo, questo riguarda voi, non la Chiesa”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/04/2010 VIETNAM
E’ tornato a Hanoi l’arcivescovo Kiet
21/04/2015 VIETNAM
Vescovi vietnamiti: Facoltà teologica, beatificazione e migranti nella prima assemblea annuale
26/09/2008 VIETNAM
L’episcopato vietnamita difende l’operato del vescovo di Hanoi
28/06/2010 VIETNAM-VATICANO
Gioia e qualche preoccupazione tra i cattolici per l’incontro Vaticano-Hanoi
di Nguyen Hung
07/10/2010 VIETNAM
La Chiesa vietnamita si prepara alle nuove sfide pastorali
di J.B. An Dang

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate