27/04/2012, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Appello di Chen Guangcheng a Wen Jiabao: Proteggete la mia famiglia contro le vendette

L'attivista cieco è "sano e salvo" a Pechino, forse nell'ambasciata degli Stati Uniti. In un video diffuso oggi denuncia i capi locali e i poliziotti che hanno torturato lui e la sua famiglia. Al premier chiede sicurezza e protezione per i familiari.

Roma (AsiaNews) - Chen Guangcheng, l'attivista cieco fuggito dagli arresti domiciliari, ha diffuso oggi un video in cui si appella al premier Wen Jiabao, chiedendo protezione per la sua famiglia e accusando i membri del governo locale che lo avevano costretto alla prigioniae hanno abusato della sua famiglia.

Nel video (postato su Youtube), Chen afferma: "Anche se sono libero ora, sono ancora preoccupato per la mia famiglia - mia madre, mia moglie, mia figlia sono ancora nelle loro mani... Essi li hanno feriti a lungo e potrebbero mettere in atto delle folli vendette a causa della mia fuga. Questa vendetta potrebbe non essere ostacolata [da nessuno]".

Chen era stato messo agli arresti domiciliari nella sua casa a Lin Yi nel settembre 2010, dopo aver scontato una pena di quattro anni e mezzo per aver denunciato gli aborti forzati e le sterilizzazioni ad opera del governo locale dello Shandong.

La notizia della sua fuga si è diffusa oggi. Nel mondo della dissidenza si afferma che Chen è ora "sano e salvo" a Pechino, forse nell'ambasciata Usa, ma che i suoi familiari rischiano la vita. La famiglia di suo fratello è stata visitata da malviventi e polizia la notte scorsa e il nipote di Chen è stato arrestato. He Peirong, un'attivista che ha aiutato Chen a fuggire, è stata arrestata stamane a Nanjing.

Mesi fa, dopo che Chen era riuscito a diffondere all'estero un video sulla sua prigionia, un gruppo di teppisti è entrato in casa e ha picchiato lui, sua moglie e la sua piccola bambina fino a farli sanguinare, proibendo loro di andare all'ospedale a curarsi.

Nel video rilasciato oggi, Chen chiede a Wen Jiabao di punire con severità i poliziotti e i governatori locali che hanno reso miserevole la vita della sua famiglia in questo periodo.

"Tale situazione è davvero disumana e offende l'immagine del Partito", egli dice elencando diverse violenze. Chen cita anche un certo Zhang Jian,il vice segretario del Partito della città sotto cui è il suo villaggio. "Egli - afferma Chen - ha ripetuto di continuo che loro non hanno bisogno di preoccuparsi della legge, o dei regolamenti, perché non hanno bisogno di seguire alcuna procedura legale".

"Sono molto preoccupato - egli dice - e chiedo a tutti gli amici di internet di vigilare... Chiedo anche al nostro governo di garantire la sicurezza della mia famiglia".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La sfida del dissidente cieco: “Se il Partito vuole vivere, deve combattere la corruzione”
28/04/2012
Chen Guangcheng, l'attivista cieco, fugge dalla prigionia; suo nipote arrestato. Rischi di esecuzione sommaria
27/04/2012
Preoccupa l'attesa per l'espatrio di Chen Guangcheng
09/05/2012
Il "caso Chen" continuerà a scuotere la politica di Pechino e Washington
08/05/2012
Chen Guangcheng ottimista verso gli Stati Uniti. Confusione nel governo cinese
07/05/2012