18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/06/2012, 00.00

    ARABIA SAUDITA

    Arabia Saudita, al via il talent show per soli maschi dove è proibito ballare, cantare e suonare



    I concorrenti si sfideranno a colpi di poesie, canti religiosi ed esibizioni sportive dedicate ad Allah e al Corano. Il programma partirà il mese prossimo a Burayadah, una delle città più integraliste del regno saudita. Esso è vietato alle donne.

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - L'Arabia Saudita cede alla voglia di talent show in stile occidentale e lancia "Buraydah's got Talent". Organizzato dall'Internet  Burayadah Forum, il programma partirà nei prossimi mesi e sarà allestito all'aperto nel centro di Burayadah, una delle città più integraliste del regno saudita.

    A differenza del popolare "Arab's Got Talent" trasmesso negli Emirati arabi e famoso in tutto il Medio oriente, il programma realizzato dalla città saudita è vietato alle donne e proibisce a  chiunque di cantare, ballare o suonare uno strumento musicale. Esso ha invece uno scopo ben preciso: spingere i giovani ad onorare nel modo migliore il profeta Maometto e Allah, con poesie, canti religiosi ed esibizioni sportive. I concorrenti saranno giudicati da esperti di islam, poeti, produttori e presentatori televisivi.  

    La trasmissione prende spunto da "Arab's Got Talent", ma secondo i suoi organizzatori essa è una risposta del regno, custode della morale musulmana, al popolare show degli emirati che ha suscitato non poche polemiche nel mondo islamico. Nel 2011, la cantante Shamma Hamdan, fra i concorrenti più talentuosi, si è presentata all'esibizione con un abbigliamento maschile e senza il velo, provocando la condanna unanime di tutte le autorità religiose saudite, che hanno vietato la trasmissione nel Paese . 

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/11/2008 ARABIA SAUDITA
    AccoLade, la prima rock-band “in rosa” del regno saudita
    Per sfuggire alle rigide norme islamiche le ragazze provano in luoghi nascosti e distribuiscono la musica sul web. Per la leader del gruppo “suonare è una sfida”, ma il sogno nel cassetto è tenere un vero concerto aperto al pubblico a Dubai. “Per mostrare a tutti quello che siamo capaci di fare”.

    05/11/2014 ARABIA SAUDITA
    Sono più di 90 al minuto i tweet "estremisti" postati in Arabia Saudita
    Il dato emerge da una statistica realizzata dal Ministero degli affari islamici. Chiusi oltre 500 account che promuovevano organizzazioni estremiste. Chiusa anche una rete televisiva religiosa.

    21/01/2017 09:14:00 ARABIA SAUDITA - ISLAM
    Gran Muftì saudita contro cinema e concerti: sono fonte di depravazione e immoralità

    Sheikh Abdul Aziz al-Sheikh, massima autorità religiosa del Paese, contro le forme di intrattenimento che favoriscono la commistione fra sessi. I film sono “libertini, osceni, immorali e atei” perché fondati su una cultura “importata”. I concerti promuovono la promiscuità, corrompono la morale e i valori. Un appello a cittadini e istituzioni: “Non aprire le porte al male”.



    18/09/2008 ARABIA SAUDITA
    Sospeso il programma radiofonico saudita che suggeriva di uccidere gli "editori immorali"
    È lo stesso dal quale giorni fa è stata lanciata la fatwa contro gli “editori immorali”. Non è chiaro se la sospensione sia conseguenza delle polemiche divampate dopo la trasmissione, dal Ministero della comunicazione nessuna presa di posizione ufficiale. A stemperare la polemica è intervenuto lo stesso giudice, che afferma di essere stato “frainteso”.

    13/09/2008 ARABIA SAUDITA
    Leader islamico: lecito uccidere gli editori di tv “immorali”
    Per lo sceicco Salih Ibn al-Luhaydan le televisioni che trasmettono programmi contrari alla morale vanno fermati; se non vi sono altri mezzi di coercizione, egli autorizza l’assassinio. A rischio persino la famiglia reale saudita, proprietaria di un canale che trasmette film e video musicali.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®