25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/10/2008
FILIPPINE
Arcivescovo di Basilan: sostegno alla polizia in difesa della legalità
Il prelato invita a collaborare con le forze di sicurezza che lottano per mantenere l’ordine nella provincia, teatro di attacchi di bande armate e dei fondamentalisti islamici di Abu Sayyaf. Sabato scorso sventato il sequestro di un prete, mentre è ancora mistero sulla sorte di due volontarie rapite.

Basilan (AsiaNews) – L’arcivescovo di Basilan ribadisce “il sostegno alla polizia e all’esercito”, impegnati a “difesa della legalità” in una provincia teatro di “attacchi delle milizie armate e dei ribelli islamici”. Mons. Martin Jumoad sottolinea che la presenza delle forze dell’ordine contribuisce a “prevenire i sequestri dei religiosi e gli attacchi contro la popolazione civile”.

La presa di posizione dell’arcivescovo di Basilan, provincia del sud delle Filippine, arriva all’indomani del tentativo di sequestro di p. Felimon Libot, prete dell’ordine dei clarettiani e direttore dell’omonimo collegio a Isabella City. Sabato 18 ottobre un gruppo di assalitori ha cercato di rapire il religioso sulla strada che collega Isabela City con Maluso e Sumisip. Egli si stava dirigendo a Tumahubong, distante 92 km da Isabela City, capoluogo di provincia, per celebrare una messa. A circa sette chilometri dall’arrivo, una banda composta da quattro persone ha preso d’assalto il mezzo sul quale viaggiava; la pronta reazione della scorta, formata da agenti dei marines filippini, e l’intervento delle forze di sicurezza ha scongiurato il rapimento del religioso. Durante l’assalto il prete è rimasto ferito in maniera non grave, mentre nello scontro a fuoco hanno riportato serie lesioni i quattro uomini della scorta. Un mezzo arrivato in soccorso ha portato p. Libot a destinazione; un elicottero militare ha tasportato i feriti all’ospedale di Zamboanga.

Al momento non è ancora chiarita l’identità del gruppo che ha assalito il religioso: secondo alcuni i responsabili sarebbero legati alle milizie di Abu Sayyaf, cellula di al Qaeda attiva nella zona; altri sospettano scontri tra fazioni all’interno di una cooperativa creata dall’Ente di Riforma Agraria, a causa della cattiva gestione dei prestiti per la modernizzazione della produzione di gomma.

Mujiv Hataman, politico filippino originario di Beslan, ha promesso di lavorare per l’approvazione di una legge che dia maggiori garanzie di sicurezza nella provincia, grazie a un massiccio dispiegamento di pattuglie della polizia sul territorio. Una mossa apprezzata da mons. Jumoad, il quale garantisce il proprio sostegno alla normativa promossa dal parlamentare “perché i crimini sono in continuo aumento” e con un maggior numero di poliziotti sul terreno “molti incidenti, fra cui i sequestri, possono essere prevenuti”.

 

A Basilan, lo scorso 15 settembre, sono state rapite due volontarie spagnole: Esperancita Hupita, 42 anni,  responsabile sul campo delle attività della Nagdilaab Foundation – associazione che si occupa di programmi umanitari a favore della popolazione locale martoriate dalla guerra – e Millet Mendoza, che collabora che l’Ong Tabang Mindanaw. A più di un mese di distanza dal sequestro si attendono ancora notizie certe sulla loro sorte, mentre le ricerche avviate dalla polizia non hanno ancora dato gli esiti sperati. Ieri a Manila, nel corso della messa trasmessa in diretta nazionale, p. Mario Sobrejuanite ha pregato “per la salute di p. Libot” e per “il rilascio delle due volontarie rapite”.

Ha collaborato Santosh Digal

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, avvolta nel mistero la sorte delle volontarie rapite
13/11/2008 FILIPPINE
Allarme sequestri per i religiosi stranieri a Mindanao
di Santosh Digal
03/11/2008 FILIPPINE
Basilan, liberata una volontaria, ancora incerta la sorte della seconda rapita
di Santosh Digal
21/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Vorrei incontrare il Papa”
15/12/2008 FILIPPINE
Basilan, la cultura delle armi investe anche i giovani cattolici
di Santosh Digal

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate