02/01/2014, 00.00
LIBANO - SIRIA
Invia ad un amico

Arcivescovo di Beirut: Maaloula segno della crisi della civiltà araba

di Fady Noun
Il rapimento delle suore indica "la perdita di ogni sensibilità spirituale da parte dei rapitori, che non hanno più il senso dei valori affermati dalla loro fede". Ciò di cui si deve avere timore, con l'estensione del conflitto, è che tutta una generazione cresca non credendo più a niente altro che il denaro, le armi, la forza e il dominio.

Beirut (AsiaNews) - Il rapimento delle dodici suore dal loro convento di Maaloula, in Siria, è il segno che "la civiltà araba è in crisi", come dimostra "la perdita di qualsiasi sensibilità religiosa" da parte dei rapitori. E' quanto sostenuto dall'arcivescovo maronita di Beirut, mons. Boulos Matar, nel corso di una messa celebrata lunedì nella chiesa di Mar Takla (santa Tecla), nella capitale libanese.

Il rito è stato celebrato nell'ambito di una riunione ecumenica di preghiera avente come intenzione il rapimento delle suore da parte di un gruppo fondamentalista musulmano. L'incontro - al quale hanno preso parte i vescovi Boulos Matar e Roland Abou Jaoudé (maroniti), Georges Saliba (siriaco ortodosso), Michel Kassarji (caldeo), Cyrille Bustros (greco-cattolico) et Youhanna Battah(siriaco-cattolico) e numerosi sacerdoti di tutte le Chiese - è stato organizzato da "Lumière d'Orient", uno dei canali del gruppo "Télé-Lumière", il direttore generale del quale, Jacques Kallassi, ha anche preso la parola durante la riunione.

All'omelia, mons. Boulos Matar ha evocato la questione gravissima della "crisi di civiltà" che segna gli sviluppi militari della crisi siriana. Uno degli aspetti più gravi di tale crisi è proprio il rapimento delle religiose, così come quello dei vescovi Boulos Yazigi e Youhanna Ibrahim. "Alla luce di tali eventi - ha osservato - come non vedere chiaramente che una grave crisi di civiltà segna gli sviluppi che si producono in Siria e in altri Paesi della regione?". "Sono sviluppi che non si esprimono altrimenti che dalla perdita di ogni sensibilità spirituale da parte dei rapitori, che non hanno più il senso dei valori affermati dalla loro fede". "Ciò che accade non potrebbe essere descritto che come il rifiuto aperto ed esplicito della volontà di Dio. Questi segni dei tempi, questa crisi di valori non sarebbe accettabile da alcun arabo. Da quando si prendono in ostaggio delle donne? Questa azione è in totale contraddizione con la dignità della cultura e della civilizzazione araba e la sua reputazione di nobiltà".

"Anche se si tratta di comportamenti individuali - ha concluso - resta il fatto che tali errori commessi direttamente da qualcuno non possono essere astratti dal contesto più globale nel quale avvengono e pongono in modo esplicito la questione dei rapporti che debbono esistere tra cristiani e musulmani nel Machrek e nel mondo".

Da parte sua Jacques Kallassi ha affermato che "ciò di cui si deve avere timore, con l'estensione del conflitto, è che tutta una generazione cresca non credendo più a niente altro che il denaro, le armi, la forza e il dominio". "Ma noi non possiamo essere davvero costretti a partire. Noi abbiamo paura di ciò che diverrebbe questa regione se noi ce ne andassimo".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Suore di Maaloula: al grido di "Allah Akbar", scambiate con la moglie di un membro di Al Qaeda (il video)
11/03/2014
Libere le suore di Maaloula, scambiate con 150 prigionieri ribelli
10/03/2014
Religiose di Maaloula: il Libano chiede aiuto al Qatar
10/12/2013
Maaloula, i ribelli invadono le case del villaggio. Uccisi tre giovani cristiani
09/09/2013
Beshara Rai a Damasco per l’Assemblea dei patriarchi
08/06/2015